Calcio venezuelano: Carabobo espugna l’Olimpico all’ultimo respiro

Pubblicato il 06 novembre 2017 da redazione

Carabobo espugna l’Olímpico all’ultimo respiro.

 

CARACAS – Questo fine settimana si sono disputate le gare d’andata dell’Octagonal del Torneo Clausura 2017 che ci hanno regalato tre pareggi (1-1) ed una vittoria esterna.

Sul campo dello stadio Olímpico della UCV il Carabobo si é aggiudicato il primo round battendo per 0-1 il Caracas. Il gol che ha mandato al tappeto i rojos del Ávila é arrivato al 92’ grazie ad una zuccata vincente di Eduard Bello.

La prestazione dei capitolini é stata un po’ condizionata dall’infortunio dell’italo-venezuelano Fernando Aristeguieta De Luca al 23’, l’ex CIV di Caracas é uno dei punti fermi dell’attacco della squadra allenata da Noel Sanvicente. Nella ripresa lo scacchiere dei capitolini ha subito un’ennesimo colpo con l’espulsione di Moises Acuña.

Il Caracas continua il suo periodo buio in campionato, quella di ieri sera é la quarta sconfitta consecutiva. L’ultima volta che i capitolini avevano vissuto una situazione simile é stata durante la stagione 2005 quella volta perse contro: Aragua (1-0 a Maracay), Italmaracaibo (1-0 a Maracaibo), Carabobo (1-3 in casa), Estudiantes de Mérida (3-2 in trasferta).

Nella sfida disputata sulle falde dell’Ávila la nostra collettività è stata rappresentata da Miguel Mea Vitali (sostituito al 64’ da Ricardo Martins), Gabriele Rosa (ammonito al 28’) e lo sfortunato Aristeguieta De Luca (sostituito al 24’ da Edwuin Pernia).

Nella città di Maturín, Monagas ed Estudiantes de Mérida hanno pareggiato 1-1. Padroni di casa in vantaggio al 27esimo grazie ad un gol di Anthony Blondell (22esima rete stagione, 12esima nel Clausura). Il pareggio degli ospiti arriva grazie ad un colpo di genio di Jesús ‘la pulga’ Gómez (62’).

A Barinas, dopo i prima novanta minuti di gioco Zamora e Deportivo Lara hanno chiuso sul punteggio di 1-1. I primi a sbloccare il risultato sono stati i bianconeri grazie ad Ignacio González al 33esimo. Mentre il gol che ha ristabilito la parità é stato segnato da Lucas Gómez al 56’. In precedenza al 48’, Bernanrdo Manzano aveva fallito un calcio di rigore per il Lara.

Nello stadio La Carolina hanno rappresentato l’italianità Giacomo Di Giorgi (disputando tutta la gara) e Riccardo Andreutti (entrato al 91’ al posto di Valderrey).

Anche il primo assalto dell’incontro Deportivo La Guaira-Mineros si é chiuso sull’1-1. Manuel Granados ha sbloccato il risultato in favore degli ospiti al 10′, pareggio dei padroni di casa al 31esimo con César ‘mestrico’ González.

Le gare di ritorno si disputeranno nel seguente modo: Deportivo Lara-Zamora (sabato alle 15:30 a Barquisimeto), Estudiantes de Mérida-Monagas (sabato alle 17:45 nel Metropolitano), Mineros-Deportivo La Guaira (domenica alle 17:00 a Cachamay) e Carabobo-Caracas (domenica alle 19:15).

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

17:29Donna morta accoltellata in casa nel Bolognese

(ANSA) - BOLOGNA, 20 NOV - Una donna sui 60 anni è stata trovata morta accoltellata in una villetta a Budrio, nel Bolognese. Il Pm di turno Stefano Orsi e i Carabinieri sono sul posto. Avrebbe almeno due ferite, di cui una nella schiena. Nella casa non ci sono apparentemente segni di colluttazione. Indagini sono in corso. La casa dove è stato trovato il cadavere, a quanto si apprende da familiari, è in aperta campagna. La frazione è Armarolo di Budrio, via Luzzo. Indagano i Carabinieri della Compagnia di Molinella. (ANSA).

17:28Zimbabwe: domani impeachment in Parlamento per Mugabe

(ANSA) - HARARE, 20 NOV - Le procedure parlamentari di impeachment del presidente Robert Mugabe dovrebbero durare solo due giorni a cominciare da domani: lo ha previsto Paul Mangwana, vicesegretario per gli affari legali della Zanu-Pf, il partito di governo dello Zimbabwe.

17:26Argentina: segnali non erano del sottomarino disperso

(ANSA) - BUENOS AIRES, 20 NOV - La Marina militare argentina ha reso noto che i brevi messaggi satellitari captati sabato non provenivano dal sottomarino disperso con 44 membri di equipaggio a bordo. Come ha riferito il portavoce della Marina Enrique Balbi, i sette messaggi satellitari in bassa frequenza sono stati esaminati ed è stato stabilito che non corrispondono al sottomarino, l'ARA San Juan, di cui si sono peri i contatti sin da mercoledì scorso.

17:19Siria: combattenti curdi attaccano soldati turchi a Idlib

(ANSAmed) - BEIRUT, 20 NOV - Forze curdo-siriane hanno attaccato stamani un posto di blocco militare turco nella regione siriana nord-occidentale di Idlib al confine con la Turchia. Lo riferisce Sky News Arabia, citando fonti locali. Nelle settimane scorse la Turchia è intervenuta militarmente nella regione di Idlib dove sta creando una zona cuscinetto attorno all'enclave curda di Afrin. Proprio da Afrin, secondo le fonti citate dall'emittente in arabo, provenivano i miliziani curdi autori dell'attacco al posto di blocco militare turco avvenuto lungo la strada che collega il valico frontaliero di Bab al Hawa e la cittadina di Daret Izza. Finora sono stati frequenti i bombardamenti di artiglieria e aerei da parte della Turchia contro postazioni curde ad Afrin e dintorni. Più rari sono stati gli attacchi da parte di miliziani curdi contro soldati turchi.

17:15Calcio: Tommasi, serve progettualità ampio respiro

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Tavecchio adesso farà l'ordinaria amministrazione fino alle prossime elezioni, speriamo entro 90 giorni così come recita lo statuto". Così il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, che interpellato su un'eventuale candidatura alla presidenza della Figc glissa: "Nessuno me lo chiede, sto facendo il mio lavoro all'Aic e per adesso andiamo avanti così. Non è il momento di parlare di questo, serve una progettualità ad ampio respiro". "Già dal Consiglio Direttivo Aic di lunedì prossimo - aggiunge il presidente dei calciatori - valuteremo la situazione e cercheremo di condividere le proposte che, come componente tecnica del Consiglio Federale, porteremo avanti in vista delle prossime elezioni. Vogliamo rimettere il progetto sportivo al centro della discussione. Sappiamo che sarà comunque difficile ma riteniamo che sia la cosa giusta da fare in questo momento".

17:14Uccide la madre e si spara, trovato in casa biglietto scuse

(ANSA) - CUNEO, 20 NOV - "Chiedo scusa ciao": queste le poche parole, in stampatello, scritte da Giovanni Abrate, l'idraulico di 56 anni che si è tolto la vita a Cherasco, nel Cuneese, dopo avere ucciso la madre di 84 anni, Maddalena Favole. Lo hanno trovato gli investigatori, appoggiato al letto dell'abitazione in cui è avvenuto l'omicidio-suicidio. La tragedia in una villetta di Bricco Favole, frazione di Cherasco, 'la porta del Roero'. A trovare i corpi è stata la sorella dell'uomo, che ieri sera si è recato dai parenti dopo aver tentato invano di parlare con loro al telefono per tutto il pomeriggio. Alla base potrebbe esserci stata una discussione e in ogni caso il movente parrebbe ristretto all'ambito familiare. Giovanni Abrate ha usato una pisola 7.65 semiautomatica, regolarmente denunciata. Le indagini sono coordinate dal pm Laura Deodato della procura di Asti, competente anche per la zona di Cherasco. I cadaveri si trovano nella camera mortuaria del cimitero di Bra, a disposizione dell'autorità giudiziaria.(ANSA).

17:11Champions: Sarri, contro Shakhtar cuore e anima

(ANSA) - NAPOLI, 20 NOV - "Domani chi è più stanco cercheremo di alternarlo, ma ci sono tre-quattro giocatori non alternabili: questo succede non solo al Napoli, ma anche al Manchester City, Barcellona, Real Madrid o Bayern che hanno alcuni giocatori che non stanno fuori mai". Lo ha detto Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro lo Shakhtar Donetsk in Champions League, spiegando che "la classifica in Europa - ha detto - è difficile e la qualificazione non è completamente in mano nostra. Ma domani mi aspetto cuore e anima perché non possiamo rischiare di uscire senza aver dato tutto". Sarri, rispondendo a una domanda su Hamsik, ha spiegato: "Marek è un fuoriclasse assoluto. Può avere dei momenti in cui è al 100% e altri all'80%. Non è in un momento di massimo splendore, lo sottolineano i giornalisti ogni giorno e proprio per questo gli do fiducia totale. Quando non lo sottolineerete più gli darò un giorno di riposo".

Archivio Ultima ora