L’on. Porta al governo: “Non dimentichiamo i pensionati italo-venezuelani”

Pubblicato il 07 novembre 2017 da redazione

 

CARACAS. – Sono quasi 2 anni che il Venezuela non paga le pensioni all’estero di circa mille titolari, che ne sono coinvolti e che vivono in situazioni molto precarie e spesso disperate.

Un grave problema denunciato da Fabio Porta, deputato del Pd eletto per il Sud America, che dice aver ricevuto una risposta incoraggiante, seguita dall’interessamento dell’Inps e il Ministero del Lavoro che sembra stiano lavorando per raggiungere una soluzione.

Il diputato aveva chiesto al governo di agire urgentemente per richiedere al governo venezuelano di riprendere i pagamenti delle pensioni in Italia, suggerendo inoltre di applicare un sistema di cambio differente da quello ufficiale, come è stato fatto per i pensionati italiani residenti in Venezuela.

Questo sistema, dice Porta, consentirebbe che il loro importo risulti inferiore, per permettere così la concessione delle prestazioni non contributive sul pro-rata italiano che di solito è irrisorio.

In più, ha consigliato una possibile concessione dell’assegno sociale ai pensionati italo-venezuelani che risiedono in Italia, senza contare nel calcolo del reddito complessivo l’importo “teorico (perché comunque non pagato) delle pensioni venezuelane”.

Il Governo Italiano in risposta a questa grave situazione, ha più di una volta denunciato la violazione della Convenzione bilaterale di sicurezza sociale al Ministero del Lavoro venezuelano.

Porta afferma che gli avevano anche garantito che il governo italiano avrebbe richiesto a quello venezuelano, di offrire per lo meno una prestazione minima, nel caso ci fossero difficoltà nel pagamento delle pensioni, dovuto al problema di valuta che si sta presentando nel Paese.

Visto che fino ad oggi il problema non si è risolto, il deputato sostiene, dato la gravità della situazione e l’inadempimento del Venezuela della Convenzione bilaterale di sicurezza, che dovrebbe incaricarsi l’Italia di affrontarne i costi, per cercare di lenire questo dramma.

Per finire, Porta si dice fiducioso di una possibile e prossima risoluzione, perchè secondo lui, il nostro Paese ha il dovere di sostenere ed aiutare i nostri connazionali che hanno diritto alla sopravvivenza.

Angelo Di Lorenzo

https://twitter.com/angelodilorenz

Ultima ora

12:25Terremoto: Zingaretti e Pirozzi a colloquio in Comune

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è a colloquio con il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nella sede del Comune reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. È il primo incontro dopo il lancio della candidatura di Pirozzi alla presidenza della Regione Lazio. Zingaretti ha raggiunto il municipio di Amatrice dopo aver visitato la zona rossa è una delle areee commerciali realizzate dalla Regione Lazio.

12:14Calcio: Fiorentina, Chiesa prolunga fino al 2022

(ANSA) - FIRENZE, 18 NOV - Federico Chiesa ha prolungato il contratto con la Fiorentina fino al 2022. Ad ufficializzarlo la stessa società viola, attraverso i propri canali: "Acs Fiorentina comunica di aver prolungato fino al 30 giugno 2022, con reciproca soddisfazione, il contratto con il calciatore Federico Chiesa".

11:57Libano: Hariri a Aoun, ‘a Beirut mercoledì 22 novembre’

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri ha in programma di rientrare a Beirut mercoledì 22 novembre in coincidenza con la festa nazionale. Lo annuncia l'agenzia ufficiale Ani, secondo la quale "Hariri ha informato il presidente Michel Aoun che rientrerà in Libano mercoledì". Hariri, che dal 3 novembre scorso si trovava a Riad, dove l'indomani ha annunciato a sorpresa le sue dimissioni, è arrivato stamane a Parigi su invito del presidente Emmanuel Macron.

11:47Cancelleri proclamato eletto all’Ars ma assente a cerimonia

(ANSA) - PALERMO,18 NOV - Non si è presentato alla cerimonia in Corte d'appello a Palermo Giancarlo Cancelleri (M5s) che è stato comunque proclamato eletto all'Assemblea siciliana dal presidente Matteo Frasca. Cancelleri è stato proclamato subito dopo Nello Musumeci che invece si è presentato con alcuni familiari circondato da un centinaio di persone.

11:36Terremoto: Zingaretti visita attività commerciali Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è giunto d Amatrice, il comune del Reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. Il governatore in questo momento sta visitando le attività delocalizzate in seguito al sisma nella nuova area commerciale ‘ex Cotral’ realizzata dalla Regione Lazio.

11:31Sicilia: Musumeci proclamato presidente Regione

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Nello Musumeci è stato proclamato presidente della Regione siciliana dalla Corte d'appello di Palermo. Al momento della proclamazione da parte del presidente del Corte, Matteo Frasca, il neo governatore Musumeci si è commosso. In prima fila nell'aula magna con Musumeci c'erano il figlio Salvo e la nipote Rita. Un applauso ha chiuso la breve cerimonia, presenti un centinaio di persone. Al termine, nell' atrio del palazzo di giustizia il neo presidente è stato festeggiato dalla folla: tanti gli abbracci e baci.

11:17Zimbabwe: manifestanti inneggiano ai militari

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - I manifestanti che stanno affluendo al centro di Harare, in Zimbabwe, per la manifestazione contro il presidente Robert Mugabe dimostrano sostegno per l'esercito, come attestano foto scattate al raduno. "La voce del popolo" è scritto su un cartello che raffigura a mezzo busto Constantino Chiwenga, il capo delle forze armate che sta guidando il colpo di stato. "In solidarietà con le nostre forze armate di difesa e i veterani di guerra", è la scritta verde sulla maglietta bianca indossata da un giovane sotto un cielo carico di nubi. "Go, go, nostro generale", è uno slogan, sempre riferito a Chiwenga, segnalato dall'agenzia Ap nel raduno che solo una settimana fa avrebbe scatenato una dura repressione. Il Financial Times accredita la definizione dell'intervento, il primo di questo tipo nei 37 anni di vita indipendente del paese, come "un colpo di stato al rallentatore".

Archivio Ultima ora