De Rossi vuole il quarto Mondiale: “Non andare sarebbe una macchia”

Pubblicato il 08 novembre 2017 da ansa

De Rossi in allenamento a Coverciano. ANSA/ MAURIZIO DEGL’INNOCENTI

 

FIRENZE. – “Nessuno di noi vuol perdersi questo Mondiale, per Buffon sarebbe il sesto, per altri il terzo, per me il quarto. Io non so se farò un torneo da protagonista, di sicuro so che la mancata qualificazione resterebbe una macchia nella mia carriera. Il Mondiale è un appuntamento che nessuno vuol perdersi, dobbiamo andare in Russia perché una volta che sei lì poi te la giochi”.

La carica di Daniele De Rossi, uno dei grandi saggi di questa Italia attesa dal doppio spareggio con la Svezia, 72 ore di fuoco, decisive, tra venerdì e lunedì. Può superare Pirlo per numero di presenze azzurre (sarebbero 117) e raggiungere Sandro Mazzola nei gol (22). Ma il record che conta, per De Rossi, è un altro.

“La posta in palio è altissima, è un vero ‘dentro o fuori’, non superarlo sarebbe una macchia sul curriculum – ribadisce il capitano della Roma, perché il messaggio sia recepito – Guai sbagliare, bastasse lottare in campo tutti questa doppia sfida potrebbero giocarla, invece serve anche altro oltre al sangue e al sudore: lucidità, rabbia, tecnica, corsa, organizzazione, furore, da mischiare alla nostra esperienza e alla nostra intelligenza”.

Non a caso Ventura sta pensando di congelare ogni sperimentazione per affidarsi a buona parte di quell’Italia che 16 mesi fa superò la Svezia all’Europeo: “Non è passato tanto da quella gara in cui vincemmo con fatica, 16 mesi sono pochi per una Nazionale, normale non ci siano stravolgimenti. I ricambi generazionali ci sono ma non è che noi ‘anziani’ siamo stati rispolverati per l’occasione, siamo sempre stati protagonisti, non siamo dei jolly da giocare per salvarsi – ammicca – E in ogni caso voglio sperare che a nessuno tremino le gambe, a me non successe quando a 22 anni giocai una finale mondiale, sarà così anche per i miei compagni”.

La fiducia di De Rossi per rassicurare e caricare tutto l’ambiente: ”Siamo una squadra forte, probabilmente migliore della Svezia, per questo abbiamo grande fiducia. Ma c’è pure quel pizzico di paura che nel calcio di oggi, dove ormai non ci sono più squadre materasso, è quasi necessaria. Ecco perché dobbiamo stare tutti uniti, la gente deve stare vicino a questa Italia, non possiamo chiedere fiducia perché questa va conquistata, però lasciamo da parte i campanilismi: andare al Mondiale è importante per tutto il Paese”.

Ci sono partite che pesano più di altre, lo spareggio con la Svezia è fra queste: ”Dopo le gare con Albania e Macedonia non c’era il sorriso, ora è il momento per lavorare e pure per sorridere, specie se passeremo – ammicca – Solo questo conta. Viceversa ci sarà poco da ridere se non andremo in Russia. Giocare due gare in tre giorni non inciderà, è così anche per i nostri avversari e poi siamo abituati facendo le coppe. Io sto molto attento alla preparazione, inevitabile, ci tengo a fare il quarto Mondiale, devo fare il mio lavoro seriamente”.

Oltretutto De Rossi è vicino a grandi traguardi: con 117 presenze in azzurro supererebbe Pirlo (”Un onore”) con un gol raggiungerebbe a 22 Sandro Mazzola all’11ø posto tra i marcatori della storia della Nazionale: ”Intanto gli faccio gli auguri per i 75 anni, Mazzola è una leggenda. Nessun paragone anche perché mai avrei immaginato di essere uno dei centrocampisti più prolifici in azzurro, ad un certo momento della carriera ho cambiato ruolo e quindi segnato di meno rispetto a quando ero mezzala, cambiare però mi ha permesso di migliorare sulle palle inattive”.

Magari potrebbe accadere venerdì a Solna: ”La Svezia è temibile anche se non trovare Ibrahimovic è sempre un vantaggio. Dobbiamo dare tutto”.
XCI/

Ultima ora

17:33Afghanistan: 18 miliziani Isis uccisi in provincia Nangarhar

(ANSA) - NEW DELHI, 20 NOV - Almeno 20 militanti dell'Isis sono stati uccisi durante due operazioni aeree e terrestri in due distretti della provincia orientale afghana di Nangarhar. Lo hanno reso noto funzionari locali. Il portavoce del governo provinciale, Attaullah Khogyani, ha precisato che le operazioni militari sono state condotte la scorsa notte nei distretti di Achin, dove 14 militanti sono stati uccisi fra cui un comandante locale di nome Saqib, e di Khogyani (quattro guerriglieri morti). Soprattutto il distretto di Achin è considerato una roccaforte dei seguaci del 'Califfo' Abu Bakr al Baghdadi, ed in esso gli incidenti armati sono pressoché quotidiani.

17:33Migranti: la Libia apre un’indagine sugli abusi

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il governo libico di unità nazionale ha aperto "un'indagine" sullo "sfruttamento degli immigrati clandestini e lavori forzati in Libia da parte di organizzazioni criminali", resi noti "dai media nei giorni scorsi". Lo riferisce una nota del ministero degli Esteri libico, sottolineando il proprio "disappunto e rifiuto verso queste pratiche disumane, contrarie alla cultura e alla tradizione del popolo libico". "Se tali accuse verranno provate - aggiunge la nota - tutti i soggetti coinvolti saranno puniti e indagati".

17:31Figc: Veltroni, uscire da logica voti

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Ci sono riforme radicali da affrontare per il calcio, bisogna uscire dalla logica dei voti che accomuna tante federazioni alla politica". Così Walter Veltroni a Sky dopo le dimissioni del presidente della Figc Carlo Tavecchio. "Io in Figc? Il calcio non è il Parlamento, piuttosto che una logica di voti maggioranza-minoranza, servono persone interne al mondo del calcio o una combinazione tra una figura manageriale e persone che hanno giocato e hanno competenze ed esperienza".

17:30Truffa Ssn: sequestrati 7,3 milioni euro a 3 cliniche romane

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Rimborsi per prestazioni di assistenza domiciliare sanitaria e parasanitaria superiori a quelle effettivamente eseguite. E' la truffa ai danni del Ssn che il pm di Roma Alberto Pioletti contesta a quattro amministratori di tre cliniche "Hospice" in carica tra il 2011 ed il 2015. Oggi i carabinieri del Nas hanno sequestrato sette milioni e 300 mila euro, per il pm rimborsati indebitamente, dai conti delle case di cura Villa speranza, Fondazione Roma e Sant'Antonio da Padova. Il servizio "Hospice" è offerto dalle cliniche private a malati terminali. Quando non ci sono posti a disposizione l'assistenza sanitaria e parasanitaria si svolge nelle abitazioni dei pazienti. L'inchiesta ha preso le mosse dall'esposto di un medico di una delle tre cliniche.

17:29Donna morta accoltellata in casa nel Bolognese

(ANSA) - BOLOGNA, 20 NOV - Una donna sui 60 anni è stata trovata morta accoltellata in una villetta a Budrio, nel Bolognese. Il Pm di turno Stefano Orsi e i Carabinieri sono sul posto. Avrebbe almeno due ferite, di cui una nella schiena. Nella casa non ci sono apparentemente segni di colluttazione. Indagini sono in corso. La casa dove è stato trovato il cadavere, a quanto si apprende da familiari, è in aperta campagna. La frazione è Armarolo di Budrio, via Luzzo. Indagano i Carabinieri della Compagnia di Molinella. (ANSA).

17:28Zimbabwe: domani impeachment in Parlamento per Mugabe

(ANSA) - HARARE, 20 NOV - Le procedure parlamentari di impeachment del presidente Robert Mugabe dovrebbero durare solo due giorni a cominciare da domani: lo ha previsto Paul Mangwana, vicesegretario per gli affari legali della Zanu-Pf, il partito di governo dello Zimbabwe.

17:26Argentina: segnali non erano del sottomarino disperso

(ANSA) - BUENOS AIRES, 20 NOV - La Marina militare argentina ha reso noto che i brevi messaggi satellitari captati sabato non provenivano dal sottomarino disperso con 44 membri di equipaggio a bordo. Come ha riferito il portavoce della Marina Enrique Balbi, i sette messaggi satellitari in bassa frequenza sono stati esaminati ed è stato stabilito che non corrispondono al sottomarino, l'ARA San Juan, di cui si sono peri i contatti sin da mercoledì scorso.

Archivio Ultima ora