Bolivia: Morales minaccia di espellere l’incaricato d’affari Usa

Morales minaccia di espellere l'incaricato d'affari Usa
Morales minaccia di espellere l’incaricato d’affari Usa

 

ROMA. – Il presidente boliviano Evo Morales ha denunciato che dall’ambasciata Usa del Paese si sarebbe pianificato di attaccare il suo governo con casi di corruzione e narcotraffico, e che per questo non esiterà a espellere l’incaricato d’affari dell’ambasciata Peter Brennan, nel caso in cui continuassero queste “azioni cospiratorie”. Lo riporta La Razon.

“Dall’ambasciata degli Stati Uniti hanno progettato di attaccare il governo e la nostra rivoluzione culturale democratica con corruzione e narcotraffico. La destra non ha idea di come attaccarci, chi si sta preparando ad attaccare è l’ambasciata degli Stati Uniti”, ha detto il presidente.

Le due amministrazioni mantengono una relazione complessa che ha raggiunto la sua massima tensione nel 2008, con l’espulsione dell’allora ambasciatore Philip Goldberg, accusato di interferenze negli affari interni. In conseguenza di questo fatto, i due Paesi hanno lavorato a un nuovo documento di accordo che non è riuscito a ristabilire le relazioni a livello di ambasciatori.

“Voglio che l’incaricato d’affari dell’Ambasciata degli Stati Uniti sappia: se continua a cospirare, se continua a finanziare la destra, se continua la pianificazione di una cospirazione, non mi tremerà la mano a espellere l’incaricato d’affari degli Stati Uniti ancora una volta, dato che siamo un Paese sovrano”, ha dichiarato Morales.