Effetto crisi, 60% piccoli commercianti chiusi

Pubblicato il 09 novembre 2017 da redazione

Maria Carolina Uzcategui: “Su dieci negozi che erano aperti cinque anni fa, soltanto quattro rimangono aperti”

Maria Carolina Uzcategui: “Su dieci negozi che erano aperti cinque anni fa, soltanto quattro rimangono aperti”

CARACAS. – Gli effetti della severa crisi economica del paese sono sempre più evidenti. Consecomercio calcola che ben il 60% dei piccoli commercianti ha dovuto chiudere i battenti negli ultimi cinque anni.

La presidente del Consiglio Nazionale del Commercio e dei Servizi del Venezuela, Maria Carolina Uzcategui, ha informato che su dieci negozi che erano aperti cinque anni fa, soltanto quattro rimangono aperti.”

Secondo la Uzcategui il settore privato va avanti a fatica e i piccoli commercianti non ce la fanno a pagare gli stipendi dei loro dipendenti, perciò preferiscono cessare l’attività.

– Quest’anno è stata particolarmente dura -ha detto Uzcategui alla stampa- le proteste accadute tra aprile e luglio hanno inciso sull’andamento normale dei negozi. Ma la situazione era delicata già da prima. Durante gli ultimi tre anni, la caduta del prodotto interno lordo ha superato il 25% soltanto nel settore del commercio, ha aggiunto.

Alla recessione del commercio incide, purtroppo, anche la perdita del potere d’acquisto della gente che non spende in beni non strettamente necessari.

Il 2018 si prevede nero

La presidente di Consecomercio crede che il 2018 sarà un anno molto difficile. Siamo in una situazione critica non soltanto per la mancanza di prodotti ma anche perché la popolazione non può spendere, ha ribadito.

I commercianti venezuelani non hanno ricevuto valuta estera negli ultimi due mesi. Nulla attraverso il sistema Dicom della Banca Centrale del Venezuela. Perciò hanno dovuto rivolgersi al mercato nero.

Quindi, una soluzione forzata per chi vuol tenere le porte aperte ma che rincara i prezzi in modo esorbitante.

Uzcategui ha ribadito che oggigiorno tutto ciò quanto si importa si fa secondo il valore del “dollaro parallelo” un dollaro cambiante giorno per giorno e costantemente al rialzo. E questo, senza dubbio, incide sui prezzi dei prodotti e dei servizi, stando alle parole della rappresentante dei commercianti.

Colpa della guerra economica

I prezzi si sparano e il salario della maggior parte della gente si dilegua nel nulla.  Il paese attraversa la sua peggior crisi economica. Una crisi approfondita dalla caduta dei prezzi del petrolio dal 2014, ma non solo.

Altri fattori incidono. I beni di prima necessità scarseggiano ed imprenditori e commercianti assicurano che la scarsità si deve alla caduta della produzione nazionale e alle mille limitanti per ottenere valuta estera ad un cambio equo. È lo stato che detiene il monopolio della vendita di valuta ed è lo stato che la regola e distribuisce.

Lo stesso stato che è quasi in bancarotta ma che insiste che la crisi è colpa della “guerra economica” portata avanti dagli Usa, l’opposizione e gli imprenditori del settore privato.

Ultima ora

12:38Cinema: Francesco Moser, concluse riprese in Trentino

(ANSA) - TRENTO, 18 NOV - Sono terminate in Trentino le riprese di 'Moser - Scacco al tempo', un film di Nello Correale. La troupe ha affiancato Francesco Moser, tuttora il ciclista italiano con più vittorie di sempre, nel corso di un anno e lungo i percorsi a lui familiari per raccontare non solo il campione, ma per comporre un inedito ritratto dell'uomo, della famiglia e della comunità di Palù di Giovo, paesino in provincia di Trento dove il campione è nato e dov'è sempre tornato. La pellicola documenta il legame profondo della leggenda del ciclismo con la sua terra e ne ripercorre le gesta in compagnia di Merckx, Saronni, Hinault. Una storia che si rivolge a tutti, non solo agli amanti del ciclismo. Il film è prodotto da Filmwork e Tipota Movie in collaborazione con Michelangelo film, con il sostegno di Trentino Film Commission, Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, e con il contributo di Banca Mediolanum, Barilla e Enervit spa. Le riprese si sono svolte tra Italia e Francia. L'uscita è prevista per l'inizio del 2018. (ANSA).

12:25Terremoto: Zingaretti e Pirozzi a colloquio in Comune

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è a colloquio con il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nella sede del Comune reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. È il primo incontro dopo il lancio della candidatura di Pirozzi alla presidenza della Regione Lazio. Zingaretti ha raggiunto il municipio di Amatrice dopo aver visitato la zona rossa è una delle areee commerciali realizzate dalla Regione Lazio.

12:14Calcio: Fiorentina, Chiesa prolunga fino al 2022

(ANSA) - FIRENZE, 18 NOV - Federico Chiesa ha prolungato il contratto con la Fiorentina fino al 2022. Ad ufficializzarlo la stessa società viola, attraverso i propri canali: "Acs Fiorentina comunica di aver prolungato fino al 30 giugno 2022, con reciproca soddisfazione, il contratto con il calciatore Federico Chiesa".

11:57Libano: Hariri a Aoun, ‘a Beirut mercoledì 22 novembre’

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri ha in programma di rientrare a Beirut mercoledì 22 novembre in coincidenza con la festa nazionale. Lo annuncia l'agenzia ufficiale Ani, secondo la quale "Hariri ha informato il presidente Michel Aoun che rientrerà in Libano mercoledì". Hariri, che dal 3 novembre scorso si trovava a Riad, dove l'indomani ha annunciato a sorpresa le sue dimissioni, è arrivato stamane a Parigi su invito del presidente Emmanuel Macron.

11:47Cancelleri proclamato eletto all’Ars ma assente a cerimonia

(ANSA) - PALERMO,18 NOV - Non si è presentato alla cerimonia in Corte d'appello a Palermo Giancarlo Cancelleri (M5s) che è stato comunque proclamato eletto all'Assemblea siciliana dal presidente Matteo Frasca. Cancelleri è stato proclamato subito dopo Nello Musumeci che invece si è presentato con alcuni familiari circondato da un centinaio di persone.

11:36Terremoto: Zingaretti visita attività commerciali Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è giunto d Amatrice, il comune del Reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. Il governatore in questo momento sta visitando le attività delocalizzate in seguito al sisma nella nuova area commerciale ‘ex Cotral’ realizzata dalla Regione Lazio.

11:31Sicilia: Musumeci proclamato presidente Regione

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Nello Musumeci è stato proclamato presidente della Regione siciliana dalla Corte d'appello di Palermo. Al momento della proclamazione da parte del presidente del Corte, Matteo Frasca, il neo governatore Musumeci si è commosso. In prima fila nell'aula magna con Musumeci c'erano il figlio Salvo e la nipote Rita. Un applauso ha chiuso la breve cerimonia, presenti un centinaio di persone. Al termine, nell' atrio del palazzo di giustizia il neo presidente è stato festeggiato dalla folla: tanti gli abbracci e baci.

Archivio Ultima ora