Stretta di mano tra Trump e Putin, ma salta l’incontro

Pubblicato il 10 novembre 2017 da ansa

Donald Trump fringe la mano a Vladimir Putin durante il 25th Asia-Pacific Economic Cooperation (APEC) summit in Da Nang, Vietnam. ANSA/MICHAEL KLIMENTYEV / SPUTNIK / KREMLIN POOL

 

 

NEW YORK. – Era l’appuntamento più atteso della lunga missione asiatica di Donald Trump: il faccia a faccia con Vladimir Putin, a margine del vertice Apec in Vietnam. Obiettivo: avviare una stagione di disgelo dopo le tensioni degli ultimi mesi e provare a imprimere una svolta alle crisi siriana e nordcoreana. Ma per ora tutto si è risolto in una semplice stretta di mano e in una pacca del tycoon sulla spalla del presidente russo.

L’occasione è stata la ‘foto di famiglia’ con tutti i leader del summit, con Donald e Vladimir sorridenti forse anche per la curiosa camicia blu elettrico della tradizione vietnamita ‘costretti’ ad indossare. Di incontro formale, però, nemmeno l’ombra, nonostante settimane e settimane di preparazione dietro le quinte, a Washington e a Mosca.

Oramai sembrava fatta, e al Cremlino davano per scontato che Trump e Putin si sarebbero seduti insieme per la seconda volta, dopo il bilaterale del luglio scorso al G20 di Amburgo. Invece all’ultimo momento è stata la Casa Bianca a dare forfait, facendo irritare non poco i responsabili moscoviti:

“Abbiamo sentito che il presidente Trump voleva incontrare il presidente Putin, è stato un desiderio espresso da Trump. Cosa dicono poi i suoi burocrati da quattro soldi non lo so, domandate a loro”, è stato il seccato commento del ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov. Lui che negli ultimi giorni è stato in costante e frenetico contatto con il segretario di stato Rex Tillerson e con l’ambasciatore americano a Mosca John Huntsman.

La portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee, ha spiegato come alla fine tra le due parti siano emerse delle divergenze sull’agenda del colloquio. Certo non facile da stilare, considerando i vari terreni di attrito: le indagini Usa sulle interferenze russe, le nuove sanzioni americane verso Mosca che entreranno in vigore a febbraio e la ‘guerra dei diplomatici’ (o delle spie) che rischia di finire fuori controllo.

A irritare Putin sarebbe stata poi la decisione Usa di far registrare la tv russa Rt come ‘agente straniero’: tanto che il Cremlino si appresterebbe a fare lo stesso con Cnn, Facebook e Twitter. Ma la sensazione è che Trump si sia convinto nelle ultime ore che per incontrare Putin non era proprio il momento giusto.

Troppo forte il condizionamento del Russiagate, con le indagini che nelle ultime ore sono arrivate fino allo stretto entourage del presidente, coinvolgendo il suo consigliere politico, Stephen Miller. Troppo alto, poi, il rischio di oscurare il messaggio che ha dominato la visita in Asia del tycoon, improntato sul mantra dell’America First e su quello della sicurezza.

E proprio sull’altare dell’America First, Trump rischia di sacrificare la tregua appena siglata con Xi Jinping. I toni fortemente nazionalistici e protezionistici con cui il presidente Usa si è rivolto alla platea di imprenditori e uomini d’affari a margine dell’Apec sono molto lontani da quelli concilianti usati nella sua visita a Pechino. E lontani da quelli dello stesso Xi, che intervenendo a sua volta ha pronunciato un discorso tutto improntato sui benefici della globalizzazione. Ben sapendo che il messaggio del tycoon era rivolto proprio alla Cina: “Nessuno si avvantaggerà più sulle spalle dell’America con intese e pratiche commerciali ingiuste”.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

22:00Calcio: derby alla Roma, Lazio battuta 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - La Roma si aggiudica il derby e sale a 30 punti, con una partita da recuperare, agganciando l'Inter al terzo posto. Preceduta dalle coreografie delle curve e dal ricordo di Gabriele Sandri - il tifoso laziale ucciso 10 anni fa da un poliziotto - la partita è equilibrata, soprattutto nel primo tempo chiuso sullo 0-0, con una rete di immobile annullata per fuorigioco. Nella ripresa il pressing permette alla Roma di prendere il sopravvento territoriale, schiacciare i biancocelesti e passare presto in vantaggio. Un'entrata avventata di Bastos su Kolarov, al 3', permette a Perotti di siglare l'1-0 dal dischetto. Il raddoppio giallorosso porta la firma di Nainggolan (7'), con un diagonale rasoterra molto preciso. La Lazio accorcia le distanze, ancora su rigore dopo consultazione della video assistenza da parte dell'arbitro Rocchi, con Immobile, autore della 15/a rete in campionato. Il pressing finale dei ragazzi di Inzaghi non frutta il pareggio.

21:36Incidente con quad nel Senese, un morto

(ANSA) - RAPOLANO TERME (SIENA), 18 NOV - Vigili del fuoco di Siena e 118 sono intervenuti a Rapolano Terme (Siena), in una zona impervia in località Armaiolo, per soccorrere due uomini che hanno avuto un incidente a bordo di un quad. Secondo quanto riferito, uno dei due uomini è morto, l'altro è rimasto ferito e l'ambulanza lo ha trasportato all'ospedale di Siena. Del caso si stanno occupando anche i carabinieri. Da ricostruire le circostanze dell'incidente.

21:12Nuoto: Pellegrini a Livorno vince nei 100 sl e dorso

(ANSA) - LIVORNO, 18 NOV - Federica Pellegrini vince la finale dei 100 stile libero (54"50) nel 41/o trofeo internazionale 'Mussi-Lombardi-Femiano' di Livorno davanti a Giada Galizi (54"62) e Aglaia Pezzato (55"04). La campionessa domina anche i 100 dorso dove si impone in 58"95 rifilando quasi un secondo di distacco a Carlotta Zofkovà (59"77), seconda classificata. Terzo gradino del podio per Veronica Neri (1'00"61). Arrivo al fotofinish, invece, nei 100 stile libero uomini dove Alessandro Miressi (48"40) ha beffato Luca Dotto, classificatosi secondo con appena un centesimo di ritardo. Terzo posto per Marco Orsi (48"59). Finale thrilling anche nella distanza corta con la vittoria di Dotto (21"80) che tocca due centesimi prima di Lorenzo Zazzeri. Sul podio anche Federico Bocchia (22"03). Nella stessa specialità tra le donne ha vinto Aglaia Pezzato (24"87), davanti a Paola Biagioli (25"49) e Giada Galizi (25"58)

20:54Azzurri: Nicchi “niente fretta, servono nervi saldi”

(ANSA) - CROTONE, 18 NOV - "Sarebbe un grosso errore decidere di fretta, mettendo da parte le cose buone e pensare al peggio. Il calcio italiano può risollevarsi, ma bisogna essere con i nervi saldi". Lo ha detto Marcello Nicchi, presidente dell'Associazione italiana arbitri, in relazione alla riunione del Consiglio federale della Figc prevista per lunedì. "Non dobbiamo farci prendere dalla frenesia", ha aggiunto Nicchi, a Crotone per partecipare ai 50 anni della locale sezione dell'Aia. "Noi non poniamo condizioni - ha detto ancora - ma dobbiamo ascoltare i progetti ed il programma che ci verrà presentato per far risorgere immediatamente il calcio italiano. E' un momento difficile, ma è anche il momento di avere i nervi saldi. E' necessario che gli organi direttivi siano nel pieno delle loro funzioni ed al momento le leghe di serie A e serie B non hanno i presidenti. Bisogna eleggerli al più presto per avere un Consiglio federale nella sua pienezza".

20:37Calcio: Mihajlovic, con Chievo più dura che con Inter

(ANSA) - TORINO, 18 NOV - Il Torino cerca di risalire sull'onda di San Siro, il pareggio da applausi con l'Inter che, prima della sosta, aveva fatto dimenticare le tante incertezze delle partite precedenti. Mihajlovic, però, avverte: "Se a Milano era difficile fare bella figura con l'Inter, con il Chievo sarà ancora più difficile confermarsi. Il segreto sarà avere lo stesso atteggiamento, la stessa concentrazione, affrontare Radovanovic come se fosse Borja Valero, Inglese come Icardi, Castro come Perisic". Una delle incognite è Belotti. "E' tornato sotto choc, ci ha messo qualche giorno a riprendersi. Adesso spero che sfoghi la rabbia accumulata per la grande delusione con la Nazionale domani sul campo. Gallo non è ancora in forma - è l'analisi di Mihajlovic - per uno con il suo fisico è normale dopo un infortunio. Può entrare in forma solo giocando e allenandosi".

20:26Cadavere in mare Salento: forse è di avvocato scomparso

(ANSA) - LECCE, 18 NOV - Potrebbe appartenere a Besnik Muço, avvocato 54enne di origini albanesi residente a Macerata, ex procuratore generale di Tirana, il corpo recuperato 12 giorni fa nelle acque di Castro (Lecce). Muço era scomparso lo scorso 6 novembre. Al momento si tratta solo di un'ipotesi investigativa in attesa che la magistratura disponga l'esame del Dna sul corpo che, a causa delle mareggiate e del continuo sbattere contro gli scogli, è rimasto orribilmente mutilato. Il legale, il 2 novembre scorso, si sarebbe dovuto imbarcare sul traghetto della linea Adria Ferries che da Durazzo era diretto a Bari. Avrebbe fatto il check-in e poi, dalle ore 23, il suo cellulare è stato spento e da quel momento nessuno è più riuscito a mettersi in contatto con lui. Secondo gli investigatori, tempi e luogo del ritrovamento sarebbero compatibili con l'ipotesi che si possa trattare proprio del legale albanese.

20:24Riina: nessun elemento particolare dall’autopsia

(ANSA) - PARMA, 18 NOV - Nessun elemento particolare sarebbe emerso dall'autopsia sul corpo di Totò Riina, il capo dei capi della mafia siciliana morto ieri all'ospedale Maggiore di Parma. E' stata eseguita dal medico legale Rosa Gaudio, disposta dalla Procura di Parma quasi come atto dovuto. Per completare gli accertamenti la consulente ha due mesi: le arriveranno gli esiti degli esami che concorreranno a delineare la causa della morte di un 87enne con più patologie, sottoposto a due interventi recenti. Nessuna sorpresa, dunque, dai primi rilievi. Mentre si attende il nulla osta della Procura per il trasferimento della salma in Sicilia, che potrebbe arrivare lunedì, l'ultimo saluto a Totò Riina è stato dato a Parma da due dei suoi quattro figli, Salvo e Maria Concetta, e dalla vedova Ninetta Bagarella: è durato 30 minuti, scortato dalla Polizia. Hanno dovuto attendere la fine dell'autopsia, poi hanno reso omaggio al familiare nelle camere mortuarie dell'ospedale, dove era ricoverato da dicembre 2015, nel reparto detenuti. (ANSA).

Archivio Ultima ora