Allarme Italia, per i Mondiali serve la rimonta a Milano

Pubblicato il 10 novembre 2017 da ansa

(ANSA/AP Photo/Frank Augstein)

STOCCOLMA. – Russia 2018 non è stata mai così lontana per l’Italia di Ventura. Sconfitti per un autogol di de Rossi dai modesti ma determinatissimi svedesi nell’andata dello spareggio mondiale a Stoccolma, gli azzurri sono chiamati alla rimonta tra tre giorni a Milano.

La via che porta al mondiale dunque passa per lo stadio dove l’Italia non perde mai, ma stavolta servirà a tutti i costi un successo e anche ampio, perché l’1-0 colto stasera dagli svedesi è risultato preziosissimo e obbliga gli avversari alla rincorsa in apnea.

Eppure la differenza di valori tecnici in campo è apparsa quella che ci si aspettava: ma gli errori individuali e di approccio all’impegno, sommati alle scelte discutibili del commissario tecnico hanno portato la situazione sull’orlo del baratro.

Ha subìto un solo tiro in porta, l’Italia: quello di Johansson finito in rete per il tocco fatale di De Rossi: ed ha anche colpito un palo a portiere battuto con Darmian. Ma è sembrata giocare con sufficienza, con lo sguardo all’orologio e la voglia di puntare su un pareggio che portasse in carrozza al match di San Siro.

Invece il dio del calcio spesso punisce la superbia: come altro chiamare la evidente intenzione di gestire la palla senza cercare l’affondo dei giocatori italiani? E la decisione di Ventura di mandare in campo un suo pupillo dalle tante doti ma dalle poche capacità aerobiche attuali come Belotti, reduce da un infortunio? E di aspettare tanto a sostituire il torinista e Verratti?

Superbia, o sottovalutazione di avversario e conseguenze: che poi è la stessa cosa. Fatto sta che per evitare la Caporetto della seconda eliminazione dello storia azzurra dai mondiali, a 60 anni dalla prima, serve ora una vittoria con almeno due reti realizzate.

Obiettivo non impossibile, ma neanche facilissimo. Eppure nonostante gli auspici svedesi (“apriamo la copertura dello stadio – spiegavano molto convinti i tifosi scandinavi all’ingresso del Friends Arena – così gli italiani non abituati al freddo surgelano”) la squadra di Ventura aveva cominciato la gara con discreta autorevolezza.

Il modulo era quello annunciato, il vecchio 3-5-2 con Belotti recuperato in fretta in attacco a fare coppia con Immobile causa infortunio di Zaza. La Svezia replicava con un 4-4-2 scolastico e impreziosito quasi esclusivamente dalle giocate del talentino del Lipsia Forsberg.

Le annunciate (da loro) provocazioni svedesi ai diffidati italiani, ovvero Verratti, Chiellini, Parolo e Immobile, in prospettiva gara di ritorno, si concretizzavano subito in una gomitata di Toivonen, a Bonucci. Piuttosto il terreno di gioco impressionava negativamente e condizionava al ribasso il controllo della palla: conseguenza inevitabile di un immenso karaoke svoltosi sul campo del Friends Arena qualche giorno fa.

Ne veniva inevitabilmente penalizzata la squadra di Ventura, più tecnica, che comunque faceva a lungo possesso palla e si regalava l’occasione migliore della prima metà gara. Al 6′ infatti Darmian dalla sinistra indovinava un cross perfetto per Belotti, che in sospensione colpiva di testa: palla fuori di pochissimo.

Il guizzo in elevazione si rivelava lo spunto migliore del torinista, che si andava progressivamente spegnendo: anche perché De Rossi e compagni, nella logica della sfida su 180′, cercavano sopratutto la gestione dell’incontro, il giropalla: senza affondare con convinzione in avanti.

E la Svezia? Qualche folata buona per eccitare un pubblico di poche pretese, un bel tiro di destro di Toivonen a lato e poco altro. Piuttosto faceva male agli azzurri l’autolesionistica scelta di Verratti di scalciare un avversario sotto gli occhi dell’arbitro: con ineluttabile ammonizione che gli precluderà il ritorno al Meazza.

Nella ripresa partiva più determinata l’Italia: al 2′ un cross di Candreva mandava in confusione la difesa avversaria attraversando lo specchio della porta senza una deviazione. E un minuto dopo l’interista di destro dal limite dell’area costringeva Olsen alla parata in tuffo. All’8′ un’incursione di Parolo costringeva all’uscita Olsen.

Poi tutto precipitava per gli azzurri: perché al 16′ dopo che una serie di interventi scorretti degli svedesi aveva avvelenato il clima, su un rinvio di testa di Chiellini, Johansson, subentrato a Ekdal, calciava da fuori area: De Rossi deviava mandando in rete. Gol scandinavo, al primo (e unico) tiro nello specchio della porta di Buffon.

Ventura ribatteva mandando in campo il talismano Eder, che all’Europeo punì Ibrahimovic e i suoi. Darmian colpiva un palo clamoroso al 25′, poi sul tocco di Immobile la palla finiva nelle braccia del portiere: quasi una maledizione. Il ct sostituiva allora il grigio Verratti con Insigne. Inutile, come il forcing finale azzurro.

(dell’inviato Piercarlo Presutti/ANSA)

Ultima ora

17:33Afghanistan: 18 miliziani Isis uccisi in provincia Nangarhar

(ANSA) - NEW DELHI, 20 NOV - Almeno 20 militanti dell'Isis sono stati uccisi durante due operazioni aeree e terrestri in due distretti della provincia orientale afghana di Nangarhar. Lo hanno reso noto funzionari locali. Il portavoce del governo provinciale, Attaullah Khogyani, ha precisato che le operazioni militari sono state condotte la scorsa notte nei distretti di Achin, dove 14 militanti sono stati uccisi fra cui un comandante locale di nome Saqib, e di Khogyani (quattro guerriglieri morti). Soprattutto il distretto di Achin è considerato una roccaforte dei seguaci del 'Califfo' Abu Bakr al Baghdadi, ed in esso gli incidenti armati sono pressoché quotidiani.

17:33Migranti: la Libia apre un’indagine sugli abusi

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il governo libico di unità nazionale ha aperto "un'indagine" sullo "sfruttamento degli immigrati clandestini e lavori forzati in Libia da parte di organizzazioni criminali", resi noti "dai media nei giorni scorsi". Lo riferisce una nota del ministero degli Esteri libico, sottolineando il proprio "disappunto e rifiuto verso queste pratiche disumane, contrarie alla cultura e alla tradizione del popolo libico". "Se tali accuse verranno provate - aggiunge la nota - tutti i soggetti coinvolti saranno puniti e indagati".

17:31Figc: Veltroni, uscire da logica voti

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Ci sono riforme radicali da affrontare per il calcio, bisogna uscire dalla logica dei voti che accomuna tante federazioni alla politica". Così Walter Veltroni a Sky dopo le dimissioni del presidente della Figc Carlo Tavecchio. "Io in Figc? Il calcio non è il Parlamento, piuttosto che una logica di voti maggioranza-minoranza, servono persone interne al mondo del calcio o una combinazione tra una figura manageriale e persone che hanno giocato e hanno competenze ed esperienza".

17:30Truffa Ssn: sequestrati 7,3 milioni euro a 3 cliniche romane

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Rimborsi per prestazioni di assistenza domiciliare sanitaria e parasanitaria superiori a quelle effettivamente eseguite. E' la truffa ai danni del Ssn che il pm di Roma Alberto Pioletti contesta a quattro amministratori di tre cliniche "Hospice" in carica tra il 2011 ed il 2015. Oggi i carabinieri del Nas hanno sequestrato sette milioni e 300 mila euro, per il pm rimborsati indebitamente, dai conti delle case di cura Villa speranza, Fondazione Roma e Sant'Antonio da Padova. Il servizio "Hospice" è offerto dalle cliniche private a malati terminali. Quando non ci sono posti a disposizione l'assistenza sanitaria e parasanitaria si svolge nelle abitazioni dei pazienti. L'inchiesta ha preso le mosse dall'esposto di un medico di una delle tre cliniche.

17:29Donna morta accoltellata in casa nel Bolognese

(ANSA) - BOLOGNA, 20 NOV - Una donna sui 60 anni è stata trovata morta accoltellata in una villetta a Budrio, nel Bolognese. Il Pm di turno Stefano Orsi e i Carabinieri sono sul posto. Avrebbe almeno due ferite, di cui una nella schiena. Nella casa non ci sono apparentemente segni di colluttazione. Indagini sono in corso. La casa dove è stato trovato il cadavere, a quanto si apprende da familiari, è in aperta campagna. La frazione è Armarolo di Budrio, via Luzzo. Indagano i Carabinieri della Compagnia di Molinella. (ANSA).

17:28Zimbabwe: domani impeachment in Parlamento per Mugabe

(ANSA) - HARARE, 20 NOV - Le procedure parlamentari di impeachment del presidente Robert Mugabe dovrebbero durare solo due giorni a cominciare da domani: lo ha previsto Paul Mangwana, vicesegretario per gli affari legali della Zanu-Pf, il partito di governo dello Zimbabwe.

17:26Argentina: segnali non erano del sottomarino disperso

(ANSA) - BUENOS AIRES, 20 NOV - La Marina militare argentina ha reso noto che i brevi messaggi satellitari captati sabato non provenivano dal sottomarino disperso con 44 membri di equipaggio a bordo. Come ha riferito il portavoce della Marina Enrique Balbi, i sette messaggi satellitari in bassa frequenza sono stati esaminati ed è stato stabilito che non corrispondono al sottomarino, l'ARA San Juan, di cui si sono peri i contatti sin da mercoledì scorso.

Archivio Ultima ora