Università, Gentiloni: “Dopo decenni, inversione di tendenza”

Pubblicato il 10 novembre 2017 da ansa

 

ROMA. – Un cambio di passo c’è stato, ma ora bisogna insistere. Per recuperare ritardi e gap rispetto agli altri paesi europei e per allargare la platea di persone con ampie conoscenze di base. E’ una fotografia con luci e ombre quella che è emersa dalla giornata di riflessione sull’Università italiana organizzata dal Miur.

“Stiamo cercando di risalire la china: veniamo da decenni di crisi, di difficoltà” ha ricordato il premier Gentiloni “orgoglioso” che nella legge di bilancio si decida di assumere “nelle università e negli enti di ricerca 1611 nuovi ricercatori”. “Purtroppo le statistiche ci dicono – ha osservato – che spesso hanno fatto le nozze con i fichi secchi: siamo in alto per numero di pubblicazioni, ma indietro su quantità di risorse”.

Qualche passo avanti si sta facendo anche sul fronte delle risorse. “Nel 2018, rispetto al 2015, l’Ffo (fondo di finanziamento ordinario) delle università tornerà a crescere circa del 6,4%, pari a quasi mezzo miliardo di euro in più” ha messo in evidenza la ministra Fedeli convinta che gli investimenti nel sistema universitario siano investimenti per il Paese”.

“Da 20 anni – ha rivendicato – non si facevano. Ora dobbiamo consolidare la scelta e farla avanzare”. Che ci sia ancora molto da fare è emerso dai tanti interventi che si sono succeduti nella giornata. Intanto, l’università italiana, come ha denunciato il presidente della Crui, Gaetano Manfredi “è fatta di vecchi”.

“Il blocco del turn over e la crisi dei finanziamenti hanno prodotto l’innalzamento dell’età media dei docenti: 56 anni per i professori ordinari, 52 per gli associati, 51 per ricercatori. Il numero degli under 40 si è dimezzato dal 2008 e anche i ricercatori a tempo determinato non sono giovani visto che il 40% ha oltre 40 anni e solo il 2% ha meno di 30 anni”. E poi gli stipendi “non sono competitivi”: la metà o un terzo di quelli dei paesi confinanti. Tra le criticità anche il numero ancora troppo basso di laureati.

“L’Italia – come ha spiegato il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco – è in grado di produrre eccellenze ma difetta nel produrre una grande platea di persone in grado di avere una conoscenza di base quale è quella necessaria oggi per poter vivere in questo mondo”.

Un ruolo importante possono averlo le aziende che “devono puntare – ha suggerito il leader di Confindustria, Vincenzo Boccia – ad “alto valore aggiunto, alta intensività di produzione, alta intensità di investimenti”, nello scenario di “una sfida economica rilevante” tra potenze industriali. C’è, per esempio, una qualità di formazione “degli ingegneri che, anche al Sud, è un elemento di attrattività degli investitori”.

Sul nodo risorse ha insistito il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo: “l’Italia è quartultima nel mondo come spesa dopo Cile, Messico e Turchia”; quartultima negli investimenti, “ma non certo come qualità perché su questo, per fortuna, ci salva il nostro dna”.

Un piano straordinario di assunzioni per professori e ricercatori è stato invocato dalla leader della Cgil, Susanna Camusso per la quale un banco di prova importante è quello del rinnovo dei contratti.

Anche la ministra Fedeli, chiudendo i lavori, ha auspicato che le buone intenzioni comincino a tradursi in fatti già dal passaggio contrattuale. Ma soprattutto – ha concluso – deve essere chiaro che l’investimento nella filiera del sapere “è una scelta del Paese senza la quale non si crea crescita”.

(di Tiziana Caroselli/ANSA)

Ultima ora

12:38Cinema: Francesco Moser, concluse riprese in Trentino

(ANSA) - TRENTO, 18 NOV - Sono terminate in Trentino le riprese di 'Moser - Scacco al tempo', un film di Nello Correale. La troupe ha affiancato Francesco Moser, tuttora il ciclista italiano con più vittorie di sempre, nel corso di un anno e lungo i percorsi a lui familiari per raccontare non solo il campione, ma per comporre un inedito ritratto dell'uomo, della famiglia e della comunità di Palù di Giovo, paesino in provincia di Trento dove il campione è nato e dov'è sempre tornato. La pellicola documenta il legame profondo della leggenda del ciclismo con la sua terra e ne ripercorre le gesta in compagnia di Merckx, Saronni, Hinault. Una storia che si rivolge a tutti, non solo agli amanti del ciclismo. Il film è prodotto da Filmwork e Tipota Movie in collaborazione con Michelangelo film, con il sostegno di Trentino Film Commission, Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, e con il contributo di Banca Mediolanum, Barilla e Enervit spa. Le riprese si sono svolte tra Italia e Francia. L'uscita è prevista per l'inizio del 2018. (ANSA).

12:25Terremoto: Zingaretti e Pirozzi a colloquio in Comune

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è a colloquio con il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nella sede del Comune reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. È il primo incontro dopo il lancio della candidatura di Pirozzi alla presidenza della Regione Lazio. Zingaretti ha raggiunto il municipio di Amatrice dopo aver visitato la zona rossa è una delle areee commerciali realizzate dalla Regione Lazio.

12:14Calcio: Fiorentina, Chiesa prolunga fino al 2022

(ANSA) - FIRENZE, 18 NOV - Federico Chiesa ha prolungato il contratto con la Fiorentina fino al 2022. Ad ufficializzarlo la stessa società viola, attraverso i propri canali: "Acs Fiorentina comunica di aver prolungato fino al 30 giugno 2022, con reciproca soddisfazione, il contratto con il calciatore Federico Chiesa".

11:57Libano: Hariri a Aoun, ‘a Beirut mercoledì 22 novembre’

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri ha in programma di rientrare a Beirut mercoledì 22 novembre in coincidenza con la festa nazionale. Lo annuncia l'agenzia ufficiale Ani, secondo la quale "Hariri ha informato il presidente Michel Aoun che rientrerà in Libano mercoledì". Hariri, che dal 3 novembre scorso si trovava a Riad, dove l'indomani ha annunciato a sorpresa le sue dimissioni, è arrivato stamane a Parigi su invito del presidente Emmanuel Macron.

11:47Cancelleri proclamato eletto all’Ars ma assente a cerimonia

(ANSA) - PALERMO,18 NOV - Non si è presentato alla cerimonia in Corte d'appello a Palermo Giancarlo Cancelleri (M5s) che è stato comunque proclamato eletto all'Assemblea siciliana dal presidente Matteo Frasca. Cancelleri è stato proclamato subito dopo Nello Musumeci che invece si è presentato con alcuni familiari circondato da un centinaio di persone.

11:36Terremoto: Zingaretti visita attività commerciali Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è giunto d Amatrice, il comune del Reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. Il governatore in questo momento sta visitando le attività delocalizzate in seguito al sisma nella nuova area commerciale ‘ex Cotral’ realizzata dalla Regione Lazio.

11:31Sicilia: Musumeci proclamato presidente Regione

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Nello Musumeci è stato proclamato presidente della Regione siciliana dalla Corte d'appello di Palermo. Al momento della proclamazione da parte del presidente del Corte, Matteo Frasca, il neo governatore Musumeci si è commosso. In prima fila nell'aula magna con Musumeci c'erano il figlio Salvo e la nipote Rita. Un applauso ha chiuso la breve cerimonia, presenti un centinaio di persone. Al termine, nell' atrio del palazzo di giustizia il neo presidente è stato festeggiato dalla folla: tanti gli abbracci e baci.

Archivio Ultima ora