M5S tronca l’asse con Mdp. Fico: “No a deroghe sui mandati”

Pubblicato il 10 novembre 2017 da ansa

Il deputato del M5s Roberto Fico. ANSA/ANGELO CARCONI

 

 

ROMA. – Troncare qualsiasi ipotesi di convergenza, asse parlamentare o anche solo dialogo con gli altri partiti: il M5S, all’indomani del voto siciliano, si ritrova con “l’incubo” alleanze e con la necessità di ribadire, quasi ossessivamente, che la sua corsa alle Politiche sarà rigorosamente in solitaria.

E’ il possibile asse in commissione Lavoro sul ddl anti-Jobs Act di Mdp-SI a cadere di fronte al fermo “no” del Movimento ai “vecchi partiti”. In un post sul blog di Beppe Grillo, infatti, il M5S attacca duramente il provvedimento: “i compagni della sinistra fanno propaganda sulla pelle di chi lavora”. Per i Cinque Stelle, infatti, il ripristino dell’art.18 secondo i vecchi criteri, con la previsione di un indennizzo per le aziende sotto i 15 dipendenti, che sono la maggioranza in Italia. Quelle stesse per le quali la sinistra propone invece il ritorno all’art.18.

“Il M5S è un utile idiota del sistema e usa le stesse motivazioni di Berlusconi”, attacca Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana. E Francesco Laforgia, capogruppo di Mdp, incalza: “così il M5S dimostra di essere solo una declinazione della destra”.

Eppure, al di là del merito, il “no” del Movimento ha un tono tutto politico. Non a caso, quasi contemporaneamente, sul blog si ribadisce il rifiuto “al soccorso rosso e alla Lega”, entrambi, si sottolinea, “frangette del Sistema”. Un rifiuto che il M5S motiva così: “da qualche giorno siamo perseguitati da due stalker, Mdp e Lega”.

Nel Movimento, insomma, c’era bisogno di chiarire sia in chiave interna sia per rassicurare gli iscritti “sulla purezza” di una forza che, tuttavia, al ballottaggio ad Ostia potrebbe vincere anche con i voti della sinistra. E che, nello schema del Rosatellum, potrebbe finire per attirare io voti di chi, ad esempio, teme la vittoria del centrodestra.

E un richiamo alla purezza arriva anche da Roberto Fico. “Non ci sarà nessuna deroga al divieto di superare i due mandati per i parlamentari di M5S”, sottolinea il punto di riferimento dell’ala ortodossa quasi avvertendo chi, sotterraneamente, nel Movimento si comincia a porre il problema in vista delle Politiche.

Anche perché di semi-deroghe alla regola dei due mandati (ammettendole, ad esempio, per chi passa da un ambito locale al Parlamento), diversi rumors erano circolati nelle settimane scorse. Ma dai vertici, più volte, erano giunte secche smentite. Anche perché una deroga del genere aprirebbe una nuova faglia negli equilibri interni al M5S.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

12:38Cinema: Francesco Moser, concluse riprese in Trentino

(ANSA) - TRENTO, 18 NOV - Sono terminate in Trentino le riprese di 'Moser - Scacco al tempo', un film di Nello Correale. La troupe ha affiancato Francesco Moser, tuttora il ciclista italiano con più vittorie di sempre, nel corso di un anno e lungo i percorsi a lui familiari per raccontare non solo il campione, ma per comporre un inedito ritratto dell'uomo, della famiglia e della comunità di Palù di Giovo, paesino in provincia di Trento dove il campione è nato e dov'è sempre tornato. La pellicola documenta il legame profondo della leggenda del ciclismo con la sua terra e ne ripercorre le gesta in compagnia di Merckx, Saronni, Hinault. Una storia che si rivolge a tutti, non solo agli amanti del ciclismo. Il film è prodotto da Filmwork e Tipota Movie in collaborazione con Michelangelo film, con il sostegno di Trentino Film Commission, Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, e con il contributo di Banca Mediolanum, Barilla e Enervit spa. Le riprese si sono svolte tra Italia e Francia. L'uscita è prevista per l'inizio del 2018. (ANSA).

12:25Terremoto: Zingaretti e Pirozzi a colloquio in Comune

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è a colloquio con il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nella sede del Comune reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. È il primo incontro dopo il lancio della candidatura di Pirozzi alla presidenza della Regione Lazio. Zingaretti ha raggiunto il municipio di Amatrice dopo aver visitato la zona rossa è una delle areee commerciali realizzate dalla Regione Lazio.

12:14Calcio: Fiorentina, Chiesa prolunga fino al 2022

(ANSA) - FIRENZE, 18 NOV - Federico Chiesa ha prolungato il contratto con la Fiorentina fino al 2022. Ad ufficializzarlo la stessa società viola, attraverso i propri canali: "Acs Fiorentina comunica di aver prolungato fino al 30 giugno 2022, con reciproca soddisfazione, il contratto con il calciatore Federico Chiesa".

11:57Libano: Hariri a Aoun, ‘a Beirut mercoledì 22 novembre’

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri ha in programma di rientrare a Beirut mercoledì 22 novembre in coincidenza con la festa nazionale. Lo annuncia l'agenzia ufficiale Ani, secondo la quale "Hariri ha informato il presidente Michel Aoun che rientrerà in Libano mercoledì". Hariri, che dal 3 novembre scorso si trovava a Riad, dove l'indomani ha annunciato a sorpresa le sue dimissioni, è arrivato stamane a Parigi su invito del presidente Emmanuel Macron.

11:47Cancelleri proclamato eletto all’Ars ma assente a cerimonia

(ANSA) - PALERMO,18 NOV - Non si è presentato alla cerimonia in Corte d'appello a Palermo Giancarlo Cancelleri (M5s) che è stato comunque proclamato eletto all'Assemblea siciliana dal presidente Matteo Frasca. Cancelleri è stato proclamato subito dopo Nello Musumeci che invece si è presentato con alcuni familiari circondato da un centinaio di persone.

11:36Terremoto: Zingaretti visita attività commerciali Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è giunto d Amatrice, il comune del Reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. Il governatore in questo momento sta visitando le attività delocalizzate in seguito al sisma nella nuova area commerciale ‘ex Cotral’ realizzata dalla Regione Lazio.

11:31Sicilia: Musumeci proclamato presidente Regione

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Nello Musumeci è stato proclamato presidente della Regione siciliana dalla Corte d'appello di Palermo. Al momento della proclamazione da parte del presidente del Corte, Matteo Frasca, il neo governatore Musumeci si è commosso. In prima fila nell'aula magna con Musumeci c'erano il figlio Salvo e la nipote Rita. Un applauso ha chiuso la breve cerimonia, presenti un centinaio di persone. Al termine, nell' atrio del palazzo di giustizia il neo presidente è stato festeggiato dalla folla: tanti gli abbracci e baci.

Archivio Ultima ora