Renzi apre il tavolo degli alleati, ma la minoranza non si fida

Pubblicato il 10 novembre 2017 da ansa

 

 

BOLOGNA. – Una serie di incontri, per stringere sulle alleanze. E’ l’iniziativa che Matteo Renzi assume, in vista della direzione di lunedì in cui traccerà la ‘road map’ politica del Pd da qui alle elezioni. Dopo aver rinsaldato l’asse con Dario Franceschini, il segretario Dem giovedì ha rassicurato Andrea Orlando sulle sue intenzioni di costruire una coalizione larga di centrosinistra.

“Questa volta non ci sono problemi nel Pd, siamo tutti d’accordo sulla linea dell’apertura”, assicura. Ma la minoranza non si fida, dubita che il segretario sia disposto a fare un passo “concreto” per il disgelo con Mdp. E non interrompe il pressing, con un documento che chiede modifiche alla manovra e al Jobs act care anche a Mdp e la bozza di un ordine del giorno da presentare in direzione.

Irritano non poco, intanto, le parole di Pietro Grasso sul Pd che “non c’è più”, snaturato rispetto al progetto portato avanti da Bersani. “Lo rispettiamo e gli chiediamo rispetto”, dice Maurizio Martina. “E’ insostenibile che entri a gamba tesa vista la sua carica”, afferma Ettore Rosato.

Ma chi è vicino a Grasso spiega che le sue parole erano inserite in un ragionamento più ampio e Renzi ostenta calma ‘zen’: “Mi occupo di cose concrete – dice dal treno Dem che attraversa la Romagna – anzi, ringrazio Grasso perché ha dichiarato ammissibile l’emendamento per rendere facoltativo accompagnare i bambini a scuola. Non creo nuova tensione”.

E un dirigente Dem vicino al segretario assicura che il dialogo viene tenuto aperto con tutti: non è esclusa neanche l’iniziativa per un incontro tra Renzi e Grasso. Sono intensi intanto i contatti con Giuliano Pisapia e gli esponenti di Campo progressista, in vista dell’assemblea di domenica in cui l’ex sindaco darà la linea. Al momento Cp sembra distante da un’alleanza con i Dem, ma il tentativo è evitare che chiuda le porte.

I renziani disperano di poter chiudere un accordo con la sinistra di Mdp. Ma intensificano i contatti con tutti: Riccardo Magi, segretario di Radicali italiani, racconta di essere stato chiamato da Renzi per un incontro. L’intesa però non è affatto chiusa: “Non siamo in svendita”, dice Magi. “Voglio dire una cosa molto semplice a tutto il variegato campo del centrosinistra: fermiamoci!”, è l’appello di Dario Franceschini: “Non siamo noi gli avversari”, dice a Bersani e D’Alema.

E Andrea Orlando dichiara: “Dalla direzione di lunedì escano una serie di tappe per la trattativa con la sinistra”. Il ministro ha ricevuto giovedì una telefonata da Renzi che lo ha rassicurato sulla sua intenzione di voler costruire un’alleanza larga, senza porre veti sulla leadership, perché – ha detto a Napoli – non conta chi va a Palazzo Chigi ma che ci vada il Pd.

Ma la minoranza, dalle cui fila trapelano anche timori sulla costruzione delle liste, non si fida dell’apertura del segretario: “Temiamo che finga di trattare e poi ci lasci in mano il cerino, facendoci scegliere tra una coalizione striminzita e la scissione”, dice un dirigente della sinistra.

E così è già pronta una bozza di ordine del giorno unitario da presentare in direzione per pressare il segretario. E intanto la minoranza presenta un documento sulla manovra, per costruire “un campo” di lavoro comune con Mdp: tra le proposte il superamento dei superticket, ma anche una modifica al Jobs act, in vista del voto alla Camera delle mozioni contro la riforma di Renzi.

(dell’inviata Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:38Cinema: Francesco Moser, concluse riprese in Trentino

(ANSA) - TRENTO, 18 NOV - Sono terminate in Trentino le riprese di 'Moser - Scacco al tempo', un film di Nello Correale. La troupe ha affiancato Francesco Moser, tuttora il ciclista italiano con più vittorie di sempre, nel corso di un anno e lungo i percorsi a lui familiari per raccontare non solo il campione, ma per comporre un inedito ritratto dell'uomo, della famiglia e della comunità di Palù di Giovo, paesino in provincia di Trento dove il campione è nato e dov'è sempre tornato. La pellicola documenta il legame profondo della leggenda del ciclismo con la sua terra e ne ripercorre le gesta in compagnia di Merckx, Saronni, Hinault. Una storia che si rivolge a tutti, non solo agli amanti del ciclismo. Il film è prodotto da Filmwork e Tipota Movie in collaborazione con Michelangelo film, con il sostegno di Trentino Film Commission, Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, e con il contributo di Banca Mediolanum, Barilla e Enervit spa. Le riprese si sono svolte tra Italia e Francia. L'uscita è prevista per l'inizio del 2018. (ANSA).

12:25Terremoto: Zingaretti e Pirozzi a colloquio in Comune

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è a colloquio con il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nella sede del Comune reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. È il primo incontro dopo il lancio della candidatura di Pirozzi alla presidenza della Regione Lazio. Zingaretti ha raggiunto il municipio di Amatrice dopo aver visitato la zona rossa è una delle areee commerciali realizzate dalla Regione Lazio.

12:14Calcio: Fiorentina, Chiesa prolunga fino al 2022

(ANSA) - FIRENZE, 18 NOV - Federico Chiesa ha prolungato il contratto con la Fiorentina fino al 2022. Ad ufficializzarlo la stessa società viola, attraverso i propri canali: "Acs Fiorentina comunica di aver prolungato fino al 30 giugno 2022, con reciproca soddisfazione, il contratto con il calciatore Federico Chiesa".

11:57Libano: Hariri a Aoun, ‘a Beirut mercoledì 22 novembre’

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri ha in programma di rientrare a Beirut mercoledì 22 novembre in coincidenza con la festa nazionale. Lo annuncia l'agenzia ufficiale Ani, secondo la quale "Hariri ha informato il presidente Michel Aoun che rientrerà in Libano mercoledì". Hariri, che dal 3 novembre scorso si trovava a Riad, dove l'indomani ha annunciato a sorpresa le sue dimissioni, è arrivato stamane a Parigi su invito del presidente Emmanuel Macron.

11:47Cancelleri proclamato eletto all’Ars ma assente a cerimonia

(ANSA) - PALERMO,18 NOV - Non si è presentato alla cerimonia in Corte d'appello a Palermo Giancarlo Cancelleri (M5s) che è stato comunque proclamato eletto all'Assemblea siciliana dal presidente Matteo Frasca. Cancelleri è stato proclamato subito dopo Nello Musumeci che invece si è presentato con alcuni familiari circondato da un centinaio di persone.

11:36Terremoto: Zingaretti visita attività commerciali Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è giunto d Amatrice, il comune del Reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. Il governatore in questo momento sta visitando le attività delocalizzate in seguito al sisma nella nuova area commerciale ‘ex Cotral’ realizzata dalla Regione Lazio.

11:31Sicilia: Musumeci proclamato presidente Regione

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Nello Musumeci è stato proclamato presidente della Regione siciliana dalla Corte d'appello di Palermo. Al momento della proclamazione da parte del presidente del Corte, Matteo Frasca, il neo governatore Musumeci si è commosso. In prima fila nell'aula magna con Musumeci c'erano il figlio Salvo e la nipote Rita. Un applauso ha chiuso la breve cerimonia, presenti un centinaio di persone. Al termine, nell' atrio del palazzo di giustizia il neo presidente è stato festeggiato dalla folla: tanti gli abbracci e baci.

Archivio Ultima ora