Accordo sul commercio nel Pacifico, avanti senza Usa

Pubblicato il 12 novembre 2017 da ansa

Il Pacifico prosegue col Ttp. Nonostante la rinuncia USA

 

PECHINO. – La Trans-Pacific Partnership, voluta da Barack Obama e ‘rinnegata’ dall’ “America First” di Donald Trump, fa il passo per la sopravvivenza a 11. L’accordo di libero scambio, firmato a febbraio 2016, è stato rivisto e corretto dopo l’uscita degli Usa.

A margine del summit Apec di Da Nang, i ministri con le deleghe del Commercio dei Paesi residui (Australia, Brunei, Canada, Cile, Giappone, Malaysia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore e Vietnam) hanno concordato sugli “elementi core”, recuperando la situazione complicatasi per le obiezioni tardive del Canada che ha fatto saltare la riunione di annuncio dei leader e riconvocare venerdì una riunione ministeriale su iniziativa di Vietnam e Giappone.

Con gli Usa i partner avrebbero rappresentato il 39,5% del Pil mondiale contro una quota scesa ora al 13,5%, ma – con la Cina in continua espansione – l’accordo costituisce un’altra opportunità commerciale con “mercati caratterizzati da alti standard di liberalizzazione”, secondo i piani dei promotori.

“I ministri sono soddisfatti di annunciare l’intesa sugli elementi ‘core’ del ‘Comprehensive and Progressive Agreement’ per la Trans-Pacific Partnership”, si legge nel comunicato diffuso in Vietnam. Il nuovo schema (Cptpp) sarà operativo dopo i 60 giorni dalla ratifica interna completata da almeno sei partner.

Per far maturare il via libera sono state sospese 20 clausole originarie, di cui 11 relative alla proprietà intellettuale che avevano tra l’altro irritato il premier canadese Justin Trudeau. La Cina ha fatto subito sapere di non ritenere incompatibili il Cptpp e il Regional Comprehensive Economic Partnership (Rcep), accordo a 16 sostenuto da Pechino.

L’Apec, tra i cui 21 membri ci sono gli 11 del Cptpp, ha chiuso i lavori e nel comunicato finale i leader hanno sancito l’importanza di intese commerciali bilaterali, regionali e plurilaterali; la lotta al protezionismo, alle pratiche commerciali scorrette, ai sussidi e alle pratiche distorsive: equilibrismi tra il “bilateralismo” di Trump e “la globalizzazione irrevocabile ma da correggere” di Xi Jinping.

Ultima ora

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

16:12Terremoto nel golfo dell’Alaska, rientra rischio tsunami

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - L'istituto geofisico americano Usgs ha rivisto la magnitudo del terremoto con epicentro nel golfo di Alaska, a circa 278 km a sudest dell'isola di Kodiak, a 10 km di profondità, abbassandone l'intensità a 7.9 da 8.2. Inoltre il centro d'allerta tsunami americano Pacific Tsunami Warning Center ha reso noto che non esiste un rischio tsunami.

Archivio Ultima ora