S&P: scatta il default per il Venezuela, mancato pagamento di 200 milioni

Pubblicato il 14 novembre 2017 da redazione

S&P's: “default selettivo” sul debito del Venezuela

S&P’s: “default selettivo” sul debito del Venezuela

CARACAS. –  Dopo il default sui bond di Corpoelec, sembra sia iniziato il crollo del castello di carte delle obbligazioni venezuelane. L’agenzia di rating di Standard & Poors ha dichiarato il Venezuela in “default selettivo” (DS) perché il paese non è stato in grado di pagare 200 milioni di dollari, gli interessi su alcune obbligazioni con scadenza 2019 e 2024.

Quindi, il mancato pagamento degli interessi ha portato l’agenzia ad abbassare il rating del paese a corto e lungo termine di due livelli a “SD/D” da “CC/C.”

S&P ha inoltre aggiunto che il merito di credito venezuelano in valuta locale resta sotto osservazione con implicazioni negative. Secondo l’agenzia, c’è il 50% della possibilità che il Venezuela possa non onorare i propri debiti nei prossimi tre mesi, ha informato Reuters.

SI specula che S&P potrebbe non essere l’unica a declassare il rating venezuelano. Anche la statale venezuelana del petrolio è già stata bollata vicina al default da Fitch e Moody’s, e si sa che Pdvsa vale una buona fetta del bilancio pubblico.

L’annuncio arriva dopo la riunione di Maduro con i creditori

La notizia arriva qualche ora dopo la riunione a Caracas tra il governo venezuelano e creditori internazionali per tentare di rinegoziare il debito del paese ed evitare il default. La riunione di appena 25 minuti si è chiusa senza accordo.

Maduro aveva annunciato di voler procedere a “un rifinanziamento, una ristrutturazione del debito estero” assicurando che avrebbe effettuato tutti i “pagamenti previsti.”

MaIl governo del presidente Nicolas Maduro non è stato capace di offrire proposte chiare sulla strategia che intende perseguire per rinegoziare il debito.

La colpa è delle sanzioni applicate dagli Usa

Tareck El Aissami, vicepresidente venezuelano.

Tareck El Aissami, vicepresidente venezuelano.

Il vicepresidente venezuelano, Tareck El Aissami, ha dato la colpa per le difficoltà nei pagamenti alle sanzioni Usa. El Aissami crede che le sanzioni siano le responsabili del ritardo nei pagamenti del debito di Caracas. Gli investitori americani sono stati infatti tagliati fuori dal mercato del debito, facendo mancare un importante supporto a Caracas.

Ma, giunti a questo punto, coloro che hanno sottoscritto i 5 miliardi di dollari di obbligazioni con scadenza nel 2019 e 2024 si possono organizzare per chiedere che il Paese renda loro l’investimento. Però sembra improbabile che ciò accada perché si rischierebbe di peggiorare la situazione senza ricevere nulla.

Una situazione disperata

Il collasso finanziario porta il paese a una situazione economica disperata. Le riserve estere sono ai minimi da 15 anni, intorno ai 10 miliardi. E il debito che si deve pagare entro la fine del 2018 arriva a 13 miliardi di dollari.

Seppure il prezzo del petrolio è in leggero rialzo, è alla metà di dove era tre anni fa.  E la dipendenza dalle esportazioni dell’oro nero ha inciso sul disastro economico.

Il paese è indebitato per circa 150 miliardi di dollari, Il Pil è in caduta libera da anni el’inflazione oscilla tra il 700 e il 1100%.

Se i creditori sono preoccupati, il loro problema non è nulla a confronto con quello che dovranno sobbarcarsi i cittadini venezuelani, che si trovano di già allo stremo.

Ultima ora

18:09Maltempo: pioggia battente, allagamenti e disagi nel Salento

(ANSA) - LECCE, 18 NOV - E' emergenza maltempo nel Basso Salento, sferzato da 72 ore da vento e pioggia battente. Interi comuni del Capo di Leuca sono allagati. La pioggia e il vento hanno provocato la caduta di numerosi alberi uno dei quali, sulla litoranea per San Cataldo, si è abbattuto mentre passava un'auto con due persone a bordo, riamaste leggermente ferite. Decine gli interventi dei vigili del fuoco per liberare dall'acqua strade e scantinati. Allagati uliveti e campagne. A Santa Maria di Leuca l'acqua ha generato delle suggestive cascate cadendo a pochi metri dal porto. Un tratto della ferrovia che attraversa Presicce è rimasto sommerso dall'acqua, mentre a Taurisano le infiltrazioni hanno provocato la caduta di alcuni calcinacci nella scuola primaria "Aldo Sabato"; gli alunni sono stati fatti evacuare per sicurezza e portati a casa dai genitori.

17:28Azzurri: Spalletti, Ancelotti è il meglio per la Nazionale

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Io ho la mia posizione ora. Mi piacerebbe allenare la Nazionale ma non ora. Voglio lavorare bene con l'Inter. Vedo bene però Ancelotti, ha il consenso degli allenatori, dei giocatori, di tutti. Per la nostra Nazionale bisogna mirare al meglio e lui è il meglio'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro l'Atalanta, rispondendo ad una domanda sul miglior candidato alla panchina azzurra.

17:19Argentina:Macri,speriamo trovare sottomarino prima possibile

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "Ci impegniamo a utilizzare tutte le risorse nazionali e internazionali necessarie per trovare il sottomarino Ara San Juan il prima possibile". Lo ha detto il presidente argentino Mauricio Macri riferendosi al sottomarino di cui si sono persi i contatti la mattina di mercoledì. Lo scrive il quotidiano locale La Nacion. Il presidente ha parlato da Chapadmalal, vicino alla base navale di Mar del Plata, stazione abituale del sottomarino. Macri ha poi aggiunto che il governo è "in contatto con le famiglie dell'equipaggio" dell'Ara San Juan "per informarli e sostenerli". Attraverso i messaggi sul suo account Twitter, ha aggiunto: "Condividiamo la vostra preoccupazione e quella di tutti gli argentini". Il sommergibile, con 44 membri d'equipaggio a bordo, era partito mercoledì da Ushuaia ed era diretto alla base a Mar del Plata.

17:15Sicurezza stradale: premiata Nonna Lisa, 106 anni in Vespa

(ANSA) - CITTÀ DI CASTELLO (PERUGIA), 18 NOV - "Andate piano, rispettate il codice della strada, non bevete quando siete in moto o al volante e soprattutto indossate sempre il casco": Luisa Zappitelli, 106 anni compiuti l'8 novembre scorso, per tutti Nonna Lisa a Città di Castello, appassionata di Vespa, è stata prodiga di consigli per gli studenti intervenuti stamani nel ridotto del Teatro della sua città, dove ha ricevuto dalle mani di Silvia Frisina, dell'Associazione Familiari vittime della strada, il premio speciale assegnato nell'ambito del Premio "Basta sangue sulle strade". Nonna Lisa è stata premiata "per essere la più longeva testimonial di sicurezza stradale, attiva ancora oggi nel diffondere messaggi di sensibilizzazione all'uso del casco, raccomandando con affetto materno di dare sempre valore alla vita e soprattutto dimostrando con l'esempio personale un gran senso civico". Nell'occasione odierna, Città di Castello è stata la prima città italiana ad ospitare la campagna dal titolo "Chi guida non beve", promossa dall'associazione delle vittime della strada in collaborazione con Polizia, Confindustria Ancma ed Eicma. La campagna è destinata in particolar modo agli avventori dei locali dal ballo, discoteche, ristoranti, bar, pub e altri luoghi in cui il consumatore può entrare in contatto con l'alcol. (ANSA).

17:13Mo: Anp, non accetteremo pressioni o ricatti su Olp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 NOV - I Palestinesi non accetteranno "pressioni o ricatti" sull'ambasciata dell'Olp a Washington. Lo ha detto, in un'intervista a 'Voice of Palestine' ripresa dall'agenzia Wafa, il ministro degli Esteri Riyad Malki rispondendo così ad una fonte del Dipartimento di Stato Usa che ha minacciato la chiusura della sede se i palestinesi non si impegneranno in serie trattative con Israele o se porteranno lo stato ebraico davanti al Tribunale Penale dell'Aja.

17:07Libano: Hariri, chiarirò mia posizione in Libano

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri, lasciando l'Eliseo, ha confermato che tornerà in Libano dove chiarirà la sua decisione politica dopo aver incontrato il presidente Aoun. Hariri ha anche ringraziato il presidente francese Emmanuel Macron dell'accoglienza a Parigi. Dovrebbe rientrare in Libano mercoledì.

17:05Calcio: Spalletti, contro Atalanta Inter deve vincere

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Non stendiamo nessun tappeto alle giustificazioni. Se c'è qualche giocatore che è rimasto turbato dalla mancata qualificazione ai Mondiali, per noi sarebbe un danno. Non possiamo essere limitati da queste debolezze caratteriali. Dobbiamo portare assolutamente a casa questa partita'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti rispondendo alle domande dei tifosi - in una diretta con Inter Tv - subito prima della conferenza stampa alla vigilia della partita contro l'Atalanta, domani a San Siro.

Archivio Ultima ora