Venezuela enfrenta deuda con Brasil en medio de default

Pubblicato il 14 novembre 2017 da redazione

La calificadora crediticia Standard & Poors aseguró que Venezuela entró en un default selectivo

La calificadora crediticia Standard & Poors aseguró que Venezuela entró en un default selectivo

CARACAS – El Ministerio de Hacienda de Brasil anunció que el país sudamericano acudirá al Club de París en busca de cobrar una deuda por parte del estado venezolano. Brasil asegura que la deuda que le tiene Venezuela llega a 262 millones de dólares y venció en el mes de septiembre de este año.

A esta primera deuda se le suma una segunda de 270 millones de dólares en el mes de enero. Ambas deudas son por concepto del Convenio de Pagos y Créditos Recíprocos entre Bancos Centrales de la Asociación Latinoamericana de Integración (Aladi). Según informa el Ministerio de Hacienda, Venezuela no ha dicho cuando pretende cancelar ambas deudas.

El Club de París es un grupo informal de acreedores con la función de encontrar soluciones coordinadas y sostenibles para el pago de deuda de países con dificultades experimentadas (países emergentes y en vías de desarrollo. El grupo fue fundado en el año 1956 y está conformado por 19 países desarrollados).

Deuda externa venezolana

Sin embargo, el mismo día que Brasil hace este anuncio, la calificadora crediticia Standard & Poors (S&P) indicó que Venezuela entró oficialmente en default. La calificadora precisó que es un default selectivo después que autoridades venezolanas no abonaron 200 millones de dólares en bonos globales emitidos con vencimiento en 2019 y 2024.

Sobre la deuda externa venezolana, el Gobierno de Nicolás Maduro inició un proceso de reestructuración y refinanciamiento el pasado lunes 13 de noviembre. A pesar que voceros gubernamentales afirmaron que las reuniones se  han llevado a cabo con éxito, fuentes periodísticas aseguran que la asistencia de acreedores fue menos del 25%.

Economistas venezolanos se han dedicado a alertar en los últimos días sobre las consecuencias que un default acarrearía al país. El diputado a la Asamblea Nacional por la Mesa de la Unidad Democrática, José Guerra afirmó a través de su cuenta en Twitter: “Siempre he dicho. El default es una tragedia. Una cosa es llamar al diablo y otra cosa ver al diablo. Los bonos se desploman hoy”.

Ultima ora

12:38Cinema: Francesco Moser, concluse riprese in Trentino

(ANSA) - TRENTO, 18 NOV - Sono terminate in Trentino le riprese di 'Moser - Scacco al tempo', un film di Nello Correale. La troupe ha affiancato Francesco Moser, tuttora il ciclista italiano con più vittorie di sempre, nel corso di un anno e lungo i percorsi a lui familiari per raccontare non solo il campione, ma per comporre un inedito ritratto dell'uomo, della famiglia e della comunità di Palù di Giovo, paesino in provincia di Trento dove il campione è nato e dov'è sempre tornato. La pellicola documenta il legame profondo della leggenda del ciclismo con la sua terra e ne ripercorre le gesta in compagnia di Merckx, Saronni, Hinault. Una storia che si rivolge a tutti, non solo agli amanti del ciclismo. Il film è prodotto da Filmwork e Tipota Movie in collaborazione con Michelangelo film, con il sostegno di Trentino Film Commission, Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, e con il contributo di Banca Mediolanum, Barilla e Enervit spa. Le riprese si sono svolte tra Italia e Francia. L'uscita è prevista per l'inizio del 2018. (ANSA).

12:25Terremoto: Zingaretti e Pirozzi a colloquio in Comune

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è a colloquio con il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nella sede del Comune reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. È il primo incontro dopo il lancio della candidatura di Pirozzi alla presidenza della Regione Lazio. Zingaretti ha raggiunto il municipio di Amatrice dopo aver visitato la zona rossa è una delle areee commerciali realizzate dalla Regione Lazio.

12:14Calcio: Fiorentina, Chiesa prolunga fino al 2022

(ANSA) - FIRENZE, 18 NOV - Federico Chiesa ha prolungato il contratto con la Fiorentina fino al 2022. Ad ufficializzarlo la stessa società viola, attraverso i propri canali: "Acs Fiorentina comunica di aver prolungato fino al 30 giugno 2022, con reciproca soddisfazione, il contratto con il calciatore Federico Chiesa".

11:57Libano: Hariri a Aoun, ‘a Beirut mercoledì 22 novembre’

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri ha in programma di rientrare a Beirut mercoledì 22 novembre in coincidenza con la festa nazionale. Lo annuncia l'agenzia ufficiale Ani, secondo la quale "Hariri ha informato il presidente Michel Aoun che rientrerà in Libano mercoledì". Hariri, che dal 3 novembre scorso si trovava a Riad, dove l'indomani ha annunciato a sorpresa le sue dimissioni, è arrivato stamane a Parigi su invito del presidente Emmanuel Macron.

11:47Cancelleri proclamato eletto all’Ars ma assente a cerimonia

(ANSA) - PALERMO,18 NOV - Non si è presentato alla cerimonia in Corte d'appello a Palermo Giancarlo Cancelleri (M5s) che è stato comunque proclamato eletto all'Assemblea siciliana dal presidente Matteo Frasca. Cancelleri è stato proclamato subito dopo Nello Musumeci che invece si è presentato con alcuni familiari circondato da un centinaio di persone.

11:36Terremoto: Zingaretti visita attività commerciali Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è giunto d Amatrice, il comune del Reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. Il governatore in questo momento sta visitando le attività delocalizzate in seguito al sisma nella nuova area commerciale ‘ex Cotral’ realizzata dalla Regione Lazio.

11:31Sicilia: Musumeci proclamato presidente Regione

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Nello Musumeci è stato proclamato presidente della Regione siciliana dalla Corte d'appello di Palermo. Al momento della proclamazione da parte del presidente del Corte, Matteo Frasca, il neo governatore Musumeci si è commosso. In prima fila nell'aula magna con Musumeci c'erano il figlio Salvo e la nipote Rita. Un applauso ha chiuso la breve cerimonia, presenti un centinaio di persone. Al termine, nell' atrio del palazzo di giustizia il neo presidente è stato festeggiato dalla folla: tanti gli abbracci e baci.

Archivio Ultima ora