Nonna Peppina ha vinto, tornerà nella casetta di legno

Pubblicato il 14 novembre 2017 da ansa

La 95enne Giuseppa Fattori lascia la casetta di legno abusiva costruita dopo il terremoto. ANSA/ CHIARA GABRIELLI

 

FIASTRA (MACERATA). – Nonna Peppina ha vinto la sua battaglia: a 95 anni, con due terremoti alle spalle, che non l’hanno piegata, potrà tornare nella casetta di legno abusiva fatta costruire per lei dai familiari nel giardino di casa, a San Martino di Fiastra (Macerata). Un alloggio provvisorio sorto dopo le scosse che hanno reso inagibile l’abitazione in cui ha vissuto per 70 anni, messo sotto sequestro l’8 ottobre dalla procura di Macerata perché costruito in un’area a rischio idrogeologico, e soggetta a vincolo paesaggistico.

Il Governo ha annunciato un emendamento al dl fiscale che elimina l’obbligo di rimozione entro 90 giorni degli immobili in area sismica privi di titolo abitativo: verranno rimossi solo quando l’abitazione principale sarà stata ricostruita, o lo sfollato avrà avuto assegnata una Sae.

”Siamo contenti, è proprio quello che avevamo chiesto”, ha commentato una delle figlie dell’anziana, Gabriella Turchetti, preoccupata che ”non ci sia qualche inghippo, qualche piccolo requisito che manca”, ma sollevata per una soluzione che finalmente convincerà Peppina a lasciare il container in cui si è rifugiata, e che, con la neve alle porte, non è certo adeguato ad ospitarla.

Il problema infatti è che Peppina non voleva e non vuole lasciare Fiastra. Per qualche tempo è stata ospite di Gabriella a Castelfidardo, ma poi è tornata fra le sue montagne, a sorvegliare la casa rotta, coltivare le piantine, tenere in ordine la casetta con la targa in cui c’è anche il nome di Rino, il marito morto 10 anni fa.

Una scelta da ‘resistente’ che l’ha trasformata in simbolo dei terremotati: i comitati spontanei sorti nel cratere si sono mobilitati per lei con tanto di sit-in, la Regione Marche e il sindaco hanno cercato di individuare un percorso di sanatoria rivelatosi irto di ostacoli.

E il caso è presto diventato un fatto politico, con interrogazioni parlamentari, lettere, petizioni, il leader della Lega Nord Matteo Salvini per due volte in visita alla nonnina. Le casette abusive in quella zona saranno 200 o 300: bene la norma ‘salva-Peppina’, dice l’assessore regionale Angelo Sciapichetti, anche nella parte in cui dispone ”il ripristino dei luoghi e del paesaggio”, una volta completata la ricostruzione.

Ultima ora

12:38Cinema: Francesco Moser, concluse riprese in Trentino

(ANSA) - TRENTO, 18 NOV - Sono terminate in Trentino le riprese di 'Moser - Scacco al tempo', un film di Nello Correale. La troupe ha affiancato Francesco Moser, tuttora il ciclista italiano con più vittorie di sempre, nel corso di un anno e lungo i percorsi a lui familiari per raccontare non solo il campione, ma per comporre un inedito ritratto dell'uomo, della famiglia e della comunità di Palù di Giovo, paesino in provincia di Trento dove il campione è nato e dov'è sempre tornato. La pellicola documenta il legame profondo della leggenda del ciclismo con la sua terra e ne ripercorre le gesta in compagnia di Merckx, Saronni, Hinault. Una storia che si rivolge a tutti, non solo agli amanti del ciclismo. Il film è prodotto da Filmwork e Tipota Movie in collaborazione con Michelangelo film, con il sostegno di Trentino Film Commission, Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, e con il contributo di Banca Mediolanum, Barilla e Enervit spa. Le riprese si sono svolte tra Italia e Francia. L'uscita è prevista per l'inizio del 2018. (ANSA).

12:25Terremoto: Zingaretti e Pirozzi a colloquio in Comune

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è a colloquio con il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nella sede del Comune reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. È il primo incontro dopo il lancio della candidatura di Pirozzi alla presidenza della Regione Lazio. Zingaretti ha raggiunto il municipio di Amatrice dopo aver visitato la zona rossa è una delle areee commerciali realizzate dalla Regione Lazio.

12:14Calcio: Fiorentina, Chiesa prolunga fino al 2022

(ANSA) - FIRENZE, 18 NOV - Federico Chiesa ha prolungato il contratto con la Fiorentina fino al 2022. Ad ufficializzarlo la stessa società viola, attraverso i propri canali: "Acs Fiorentina comunica di aver prolungato fino al 30 giugno 2022, con reciproca soddisfazione, il contratto con il calciatore Federico Chiesa".

11:57Libano: Hariri a Aoun, ‘a Beirut mercoledì 22 novembre’

(ANSAmed) - BEIRUT, 18 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri ha in programma di rientrare a Beirut mercoledì 22 novembre in coincidenza con la festa nazionale. Lo annuncia l'agenzia ufficiale Ani, secondo la quale "Hariri ha informato il presidente Michel Aoun che rientrerà in Libano mercoledì". Hariri, che dal 3 novembre scorso si trovava a Riad, dove l'indomani ha annunciato a sorpresa le sue dimissioni, è arrivato stamane a Parigi su invito del presidente Emmanuel Macron.

11:47Cancelleri proclamato eletto all’Ars ma assente a cerimonia

(ANSA) - PALERMO,18 NOV - Non si è presentato alla cerimonia in Corte d'appello a Palermo Giancarlo Cancelleri (M5s) che è stato comunque proclamato eletto all'Assemblea siciliana dal presidente Matteo Frasca. Cancelleri è stato proclamato subito dopo Nello Musumeci che invece si è presentato con alcuni familiari circondato da un centinaio di persone.

11:36Terremoto: Zingaretti visita attività commerciali Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 18 NOV - Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è giunto d Amatrice, il comune del Reatino colpito dal terremoto dello scorso anno. Il governatore in questo momento sta visitando le attività delocalizzate in seguito al sisma nella nuova area commerciale ‘ex Cotral’ realizzata dalla Regione Lazio.

11:31Sicilia: Musumeci proclamato presidente Regione

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Nello Musumeci è stato proclamato presidente della Regione siciliana dalla Corte d'appello di Palermo. Al momento della proclamazione da parte del presidente del Corte, Matteo Frasca, il neo governatore Musumeci si è commosso. In prima fila nell'aula magna con Musumeci c'erano il figlio Salvo e la nipote Rita. Un applauso ha chiuso la breve cerimonia, presenti un centinaio di persone. Al termine, nell' atrio del palazzo di giustizia il neo presidente è stato festeggiato dalla folla: tanti gli abbracci e baci.

Archivio Ultima ora