Diplomazia contro terrorismo, ad Abu Dhabi Onu dei ragazzi

Pubblicato il 14 novembre 2017 da ansa

Ad Abu Dhabi Onu dei ragazzi

 

 

ABU DHABI. – Combattere il terrorismo con le armi della diplomazia: dialogando, costruendo alleanze tra il maggior numero di stati, muovendo lobbies per stringere accordi, votando documenti e risoluzioni per fare fronte comune. Su questo terreno si sono misurati quasi 400 studenti italiani e stranieri tra i 14 e i 26 anni riuniti per tre giorni ad Abu Dhabi per la quarta edizione di “Change the World model United Nation”, la simulazione dell’ attività del Palazzo di Vetro organizzata dall’ Associazione Diplomatici.

La Ong creata nel 2000 dall’ imprenditore catanese Claudio Corbino porta ogni anno giovani di molti paesi nella capitale degli Emirati Arabi a discutere di crisi internazionali e scenari geopolitici per una sorta di prova generale in vista del clou di marzo quando a New York, proprio nella sede dell’Onu, per una settimana saranno oltre duemila i ragazzi da più di cento nazioni a vestire i panni dei delegati dei 193 stati.

“Siamo qui per provare a diventare cittadini migliori, così anche il mondo migliorerà – ha detto Corbino nella cerimonia inaugurale nella sede degli Archivi Nazionali -. Comportatevi da leader, siete giovani cittadini che diventeranno decision maker nel prossimo futuro”.

L’ ambasciatore italiano Liborio Stellino ha salutato i ragazzi insistendo sulla necessità di una visione per il cambiamento. “Noi – ha rimarcato – abbiamo visto cadere il Muro di Berlino, voi rischiate di vedere la morte degli Stati Nazionali e la costruzione di tanti piccoli muri. Per questo c’è bisogno della vostra intelligenza e della vostra passione”.

Nel modernissimo Campus della New York University di Abu Dhabi che guarda il deserto i giovani ambasciatori hanno affrontato questioni cruciali come la minaccia del terrorismo nucleare, le tecniche di comunicazione dei gruppi terroristici, il ruolo dell’ Onu nell’ azione di contrasto. Ogni delegato ha rappresentato un paese diverso dal proprio preparandosi per quattro mesi su storia e interessi da tutelare.

Non poteva mancare un incidente diplomatico. A innescarlo nella commissione sulla prevenzione del crimine proprio il delegato italiano, un ragazzo egiziano che ha usato toni molto duri contro l’Iran sulla questione del programma nucleare. Lo studente iraniano che rappresentava l’Ucraina ha protestato ritenendosi offeso a titolo personale. La mediazione degli altri delegati ha permesso di chiudere lo scontro con una stretta di mano.

Al di là della simulazione dei lavori Onu, Change the World rappresenta un trampolino di lancio per i giovani che si candidano a occupare ruoli importanti. “Qui – dice Arianna Servadio, calabrese 20 anni, studia alla Alma Mater di Bologna – ho capito che dobbiamo essere preparati per confrontarci con chi ha un atteggiamento molto più competitivo del nostro, essere pronti ad alzare l’asticella per capire dove arrivare”.

Alessia Pagani, 20 anni di Torino, vorrebbe lavorare all’ Onu, per una Ong o nel campo del diritto internazionale. “Abbiamo tutti voglia fare qualcosa di importate – spiega- se non avessimo la capacità di confrontarci con persone e culture diverse, una esperienza come questa non avrebbe senso”.

Nel gruppo degli italiani c’è anche Luca Mercuri, 24 anni di Roma. Da quando ne aveva 12 si è avvicinato all’ Islam. Parla sei lingue. I suoi genitori, cattolici, non hanno ostacolato il suo percorso. Mohammed Luqman, questo il suo nome islamico, ad Abu Dhabi ha alternato veste e copricapo tradizionali all’abito blu e cravatta . “Tutto è cominciato dopo l’11 settembre – spiega – ho voluto capire l’ Islam e per otto anni ho vissuto la mia religiosità in privato per paura delle ritorsioni di studenti e insegnanti. Ho collaborato con la Lega Musulmana Mondiale e mi piacerebbe lavorare con i paesi arabi in ambito internazionale o per l’Italia nel campo della mediazione internazionale”.

In 17 anni di attività l’Associazione Diplomatici – che ha sedi a Catania, Palermo, Roma e Milano – ha coinvolto circa 40 mila studenti negli appuntamenti in Usa, Emirati, Barcellona, Bruxelles, Roma, Kosovo, Israele, e ora pensa a eventi a Cuba, in Giappone e in Cina.

“Trasmettiamo valori, formazione, e visioni per costruire una classe dirigente attrezzate alle sfide globali” dice orgoglioso Corbino. Maria Rosa Di Blasi,insegnante di inglese, ha accompagnato ad Abu Dhabi alcuni suoi studenti di liceo di Borgomanero (Novara) “Il ministero chiede che abbiano competenze – osserva – che devono essere imparate a scuola ma messe in pratica in contesti reali. Quale occasione meglio di questa? I ragazzi sono entusiasti: si esprimono nella lingua che non si parla in classe, hanno superato la paura di parlare in inglese davanti a una platea internazionale cercando di far valere le proprie idee ma rispettando le posizione degli altri. E’ una grande occasione di crescita”.

(di Luciano Fioramonti/ANSA)

Ultima ora

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

16:12Terremoto nel golfo dell’Alaska, rientra rischio tsunami

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - L'istituto geofisico americano Usgs ha rivisto la magnitudo del terremoto con epicentro nel golfo di Alaska, a circa 278 km a sudest dell'isola di Kodiak, a 10 km di profondità, abbassandone l'intensità a 7.9 da 8.2. Inoltre il centro d'allerta tsunami americano Pacific Tsunami Warning Center ha reso noto che non esiste un rischio tsunami.

Archivio Ultima ora