Usa: in nuovo libro i Trump sono descritti come “i Tudor d’America”

Pubblicato il 14 novembre 2017 da ansa

Il giornalista americano Michael Wolff

 

NEW YORK. – Da quando si sono insediati alla Casa Bianca c’è chi li ha paragonati ai Borgia. Ma secondo Michael Wolff, noto giornalista americano e biografo tra l’altro di Rupert Murdoch, il clan dei Trump assomiglia piuttosto ai Tudor.

Con un titolo che prende a prestito la minaccia lanciata dallo stesso Trump alla Corea del Nord, “Fire and Fury” è un’ incursione dentro i cancelli di Pennsylvania Avenue che in questi giorni sta facendo tremare molti uomini e donne del presidente.

“Forse era dai tempi dei Tudor che gli intrighi di palazzo non sono stati così corrosivi e letali né il re così volubile e alla ricerca di gratificazioni istantanee”, scrive Wolff che, rivela il sito di notizie politiche Axios, ha passato mesi nella West Wing di Trump, spesso senza alcuna sorveglianza, parlando a ruota libera con funzionari vario livello che potrebbero avergli spiattellato informazioni riservate su faide interne, manovre, frustrazioni.

Il libro, presentato a New York, uscirà il 9 gennaio presso la casa editrice Henry Holt. Wolff, che da anni conosce Trump, avrebbe chiacchierato praticamente con tutti e l’editore in un primo squarcio di quel che ci si potrà aspettare, ha parlato di “ritratti intimi trancianti” di personaggi come Steve Bannon, Jared Kushner, Ivanka Trump, Reince Priebus, Sean Spicer, Kellyanne Conway, Gary Cohn, Stephen Miller, Dina Powell, Hope Hicks e tanti altri.

“Mi stanno tutti tempestando di telefonate. Vogliono sapere che cosa gli altri hanno detto di loro”, ha rivelato ad Axios l’autore del nuovo probabile bestseller che si aggiunge ad altri sei da lui scritti, tra cui “The Man Who Owns the News” dedicato a Murdoch. Stavolta il frutto di oltre 200 interviste che includono lo stesso Trump mostrano, secondo Holt, come “il presidente e il suo team abbiano avanzato sbandando da una crisi all’altra nei primi nove mesi della nuova amministrazione”.

Ultima ora

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

16:12Terremoto nel golfo dell’Alaska, rientra rischio tsunami

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - L'istituto geofisico americano Usgs ha rivisto la magnitudo del terremoto con epicentro nel golfo di Alaska, a circa 278 km a sudest dell'isola di Kodiak, a 10 km di profondità, abbassandone l'intensità a 7.9 da 8.2. Inoltre il centro d'allerta tsunami americano Pacific Tsunami Warning Center ha reso noto che non esiste un rischio tsunami.

Archivio Ultima ora