La Giornata Poveri del Papa, a pranzo con 1.500 persone

Papa Francesco a pranzo con 1.500 bisognosi
Papa Francesco a pranzo con 1.500 bisognosi

 


CITTA’ DEL VATICANO. – Papa Francesco l’ha voluta fortemente e domenica 19 novembre si celebrerà la prima Giornata Mondiale dei Poveri. Segno permanente di quel Giubileo della Misericordia che il pontefice ha dedicato soprattutto alle persone maggiormente in difficoltà.

Intenso il programma in Vaticano che culminerà domenica con la messa del Papa a San Pietro alla quale parteciperanno 4mila persone bisognose. In 1.500 – informa il Pontificio Consiglio per la Nuova evangelizzazione che ha promosso e organizzato l’evento – si fermeranno a pranzo con il Papa nell’aula Paolo VI. Gli altri 2.500 saranno invece ospiti a pranzo di varie strutture, dagli atenei pontifici agli enti di carità.

Ma per la Giornata dei Poveri si è mobilitata tutta la Chiesa nel mondo e iniziative sono in programma già in questi giorni in tutte le diocesi. In Italia sono in calendario non solo momenti conviviali con le persone più bisognose, o raccolte di viveri e altri beni di prima necessità, ma anche tanti momenti di preghiera e riflessione.

Il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione ha coinvolto nella preparazione dell’evento a Roma alcune associazioni di volontariato, come Caritas, Comunità di Sant’Egidio, Ordine di Malta, Nuovi Orizzonti, Comunità Giovanni XXIII, l’Associazione Fratello 2016, le Opere Antoniane di Roma, le Acli Roma, i Gruppi Vincenziani di Volontariato.

Tra le tante iniziative in preparazione alla Giornata da sottolineare il Presidio Sanitario Solidale, attivo per tutta questa settimana in Piazza Pio XII, dove vengono effettuate gratuitamente, per tutti coloro che lo richiedono, analisi cliniche e visite mediche specialistiche. Sabato 18 novembre, alle 20, nella Basilica di San Lorenzo fuori le Mura, sarà celebrata una veglia di preghiera per il mondo del volontariato.

Nella preparazione della prima Giornata dei Poveri è stato realizzato anche un sussidio pastorale, dal titolo “Non amiamo a parole ma con i fatti”, tradotto in 6 lingue. “In Italia e nel resto del mondo, le diocesi e le parrocchie hanno accolto con entusiasmo l’invito di Papa Francesco, con tante iniziative a favore delle persone meno fortunate”, sottolinea il Pontificio Consiglio presentando l’evento.

Tornando ad uno degli eventi più simbolici di questa Giornata, il pranzo del pontefice in Vaticano con 1500 persone, gli ospiti di Papa Francesco saranno serviti da 40 Diaconi della Diocesi di Roma e da circa 150 volontari provenienti dalle parrocchie di altre Diocesi. Il menù che lo chef Sergio Dussin servirà nell’Aula Paolo VI, sarà composto da gnocchetti sardi padellati con pomodoro, olive e formaggio Collina Veneta, bocconcini di vitello con verdure, polenta e broccoli di Bassano, tiramisù alla veneta, acqua, aranciata e caffè.

(di Manuela Tulli/ANSA)