Argentina: banda riciclava 70 milioni a settimana per El Chapo

L'arresto di El Chapo.
L’arresto di El Chapo.

 

BUENOS AIRES. – La ministra della Sicurezza argentina Patricia Bullrich ha informato che nel Paese era attiva una banda di narcotrafficanti che riciclava tra il 60 e 70 milioni di dollari “a settimana” provenienti dal cartello messicano di Sinaloa, guidato da Joaquin “El Chapo” Guzman. Lo rende noto Infocielo.

Nell’ambito di un’inchiesta sul riciclaggio milionario di denaro proveniente dal cartello messicano, personale della polizia federale ha realizzato due perquisizioni nella capitale Buenos Aires e dieci nel distretto di Nordelta. L’operazione è stata chiamata “Lavado Tropical” (riciclaggio tropicale), dal nome di una delle società fantasma -Lago Tropical- a cui viene attribuito il riciclaggio di denaro attraverso l’acquisizione di immobili e altri beni.

Durante le perquisizioni, ordinate dal giudice federale Adrian Gonzalez Charavay, sono stati sequestrati otto immobili del valore di 4,03 milioni di dollari di proprietà dell’imprenditore e pilota Hernan Westmann, che ora è latitante. “Westmann è a capo di un’organizzazione di società fantasma e di riciclaggio di denaro legato al traffico di cocaina”, ha detto la ministra Bullrich in una conferenza stampa.