Derby e sorpasso, la Roma si prende tutto

Pubblicato il 18 novembre 2017 da ansa

Diego Perotti e Radja Nainggolan festeggiano il gol contro la Lazio. ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – Il derby ‘perfetto’ alla fine sorride alla Roma che in un colpo solo fa sua la stracittadina d’Europa (quello col più alto quoziente di punti), supera i cugini in classifica e annusa l’aria di vertice. Vincono (2-1) meritatamente i giallorossi scesi in campo con più piglio e una condizione fisica decisamente brillante, mentre alla Lazio stavolta non riesce il ‘giochino’ che a primavera gli aveva spalancato la finale di Coppa Italia.

Tardivi i cambi di Inzaghi che dopo aver giocato per un’ora con un abbottonatissimo 3-5-1-1 passa al 3-4-3 quando ormai la frittata era fatta. Decidono il match il rigore di Perotti e la ‘stecca’ di un redivivo Nainggolan che il derby nemmeno avrebbe dovuto giocarlo: inutile il gol su Var-rigore di Immobile.

Forse nel ricordo di Nils Liedholm, nel decennale della scomparsa, Roma e Lazio nei primi 45′ non commettono errori, confermandosi le due squadre forse meglio organizzate di Serie A. In un Olimpico finalmente sold out e coreografico come non accadeva da anni (e con l’emozionante tributo a Gabriele Sandri, abbracciato dalla stadio intero), la Roma mostra quella voglia, entusiasmo e spinta che dall’altra parte latita.

Merito di Di Francesco che ha studiato la partita nei minimi dettagli, imbrigliando il talento di Milinkovic, Immobile e Luis Alberto oggi tra i più sottotono (insieme a Florenzi) tra i reduci delle fatiche post nazionale. Il tecnico giallorosso sposa l’abituale 4-3-3, recupera Nainggolan (man of the match), con Dzeko a guidare l’attacco insieme a El Shaarawy e Perotti.

Tutto scontato sulla sponda laziale, con Luis Alberto accanto a Immobile. Di Francesco stavolta non cade nella trappola che costò cara a Spalletti e sa di non poter affrontare la Lazio in maniera spregiudicata anche se ha subito un sussulto dopo 1′ con Immobile segna ma il guardialinee alza la bandierina.

Sembrerebbe il preludio ai fuochi d’artificio che però non si vedono (al 9′ bella combinazione Florenzi-Nainggolan con belga che si libera col sombrero di Radu ma sbaglia sul più bello, poi al 19′ Dzeko di testa dà l’illusione della rete), con Rocchi attento a tenere in pugno il match (3 gialli per i laziali nei primi 20′). Lo spartito è bell’e scritto con la Roma a fare possesso e gli ospiti che arginano, pronti a ripartire.

Nella prima mezz’ora non succede nulla (nemmeno un corner) e la prima palla gol degna di nota arriva al 35′ con Dzeko che impegna Strakosha. Dopo il primo tempo ‘perfetto’ il canovaccio cambia a inizio ripresa complice uno sventurato intervento di Bastos su Kolarov (3′). Rocchi non ha esitazioni e senza nemmeno chiedere il Var indica il dischetto: va Perotti e non sbaglia.

Al di là dell’episodio, la rete del vantaggio indirizza il match che prende la piega definitiva quattro minuti dopo, con la Roma padrona del campo e Perotti che si accentra , serve Nainggolan che parte sulla destra e con un colpo di biliardo ‘secca’ Berisha, bis del fendente che due anni fa scioccò Berisha.

Un uno-due micidiale che lascia attonita la Nord, così Inzaghi corre ai ripari inserendo Nani (impalpabile) e Lukaku (il migliore dei suoi negli ultimi 20′) per il nuovo 3-4-3, spina nel fianco del lato destro giallorosso. La Roma però non corre rischi, fino a quando (26′)( un improvvido quanto inutile tocco di braccio di Manolas regala il rigore (stavolta con Var) alla Lazio e riapre i giochi.

Anche Di Francesco corre però ai ripari, arginando un indemoniato Lukaku su uno stanco Florenzi, mettendo dentro i freschi Peres e Gerson (fuori anche El Shaarawy) per la nuova catena di destra che dà i suo frutti fino alla fine, con la Roma che interrompe la striscia di vittorie biancazzurre, mette la freccia e inizia il count down per Madrid (mercoledì c’è l’Atletico nel migliore dei modi).

(di Sandro Verginelli/ANSA)

Ultima ora

17:28Calcio: Pjanic, Roma? Proveremo a batterla

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - "Conosco bene la Roma, sa quello che vuole e sta facendo un ottimo campionato, sono una squadra importante di cui si parla poco". Tocca all'ex di turno Miralem Pjanic, protagonista nella bella vittoria di Bologna con un gol su punizione, parlare dei giallorossi, avversario della Juventus nel big match di sabato sera all'Allianz Stadium. La squadra di Di Francesco "ha tanta qualità - spiega il centrocampista bosniaco nell'intervista rilasciata a Jtv e anticipata sul sito ufficiale della società -. Giocheremo in casa nostra, il pubblico sarà importantissimo e proveremo a vincere". Prima, però, c'è un turno di Coppa Italia da superare, con i bianconeri impegnati mercoledì contro il Genoa. "Vogliamo farla nostra, il mister ce l'ha ripetuto anche oggi, puntiamo a vincere tutto - dice Pjanic -. Non sarà una partita semplice, ma da vincere assolutamente".

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

Archivio Ultima ora