Zimbabwe, ultimo colpo di scena: Mugabe non si dimette

Pubblicato il 19 novembre 2017 da ansa

Il presidente dello  Zimbabwe, Robert Mugabe. EPA/AARON UFUMELI


ROMA. – Lo Zimbabwe resta nel caos: alla fine di una giornata in cui sembrava che le dimissioni del presidente Mugabe fossero scontate, con tanto di convocazione di una diretta tv in serata per l’atteso annuncio, c’è stato un vero colpo di scena. Il vecchio dittatore ha spiazzato tutti. Pur rischiando l’impeachment, non solo non si è dimesso, ma ha annunciato che a dicembre presiederà il partito. Quel partito che aveva deciso di silurarlo, chiamando in campo il suo vice.

Il quadro, che solo poche ore prima sembrava chiarito, è tornato nella completa incertezza, lasciando gli osservatori – a cominciare dai tanti reporter che hanno seguito il discorso in tv – incerti sulle prossime mosse. Mugabe, in 20 minuti di intervento in inglese, continuava a scompaginare i fogli del suo discorso che era stato preannunciato essere concordato con i dirigenti del partito, lo Zanu-Pf, e i militari. Tutti seduti con lui davanti alle telecamere.

E ora ci si interroga se la mossa delle mancate dimissioni faccia parte o meno di un piano condiviso. Dalle prime dichiarazioni del leader dei veterani la strada sembra segnata: domani partirà l’impeachment, ha detto confermando quanto si era ventilato alla vigilia. E cioè che se Mugabe non avesse accettato di dimettersi si sarebbe proceduto in questa direzione.

Ma, a questo punto, nulla sembra essere chiaro. Da due giorni agli arresti domiciliari nella sua abitazione nella capitale Harare, il 93/enne ‘dinosauro’ della politica africana aveva ricevuto l’ultimatum del suo partito, dei militari e, in ultima analisi, anche della popolazione scesa in piazza ieri per festeggiare la sua fine.

Robert Mugabe deve dimettersi “entro domani a mezzogiorno, altrimenti verrà dato il via alle procedure di impeachment”, gli era stato detto dal partito di governo, lo Zanu-Pf, al quale fino a oggi apparteneva ma che, in una affollata riunione, lo aveva espulso dalle sue fila.

Il Comitato centrale dell’Unione Nazionale Africana di Zimbabwe-Fronte Patriottico inoltre non si era limitato a cacciare il vecchio capo di stato ma aveva anche espulso la moglie Grace e alcuni loro sostenitori fra i quali numerosi politici di alto livello vicini alla ormai ex first lady.

Tra gli espulsi vi erano anche alcuni ministri. Tra gli altri i titolari dei dicasteri dell’Educazione, Jonathan Moyo, delle inanze, Ignatious Chombo e degli Esteri, Walter Mzembi, il nipote di Mugabe Patrick Zhuwao, il ministro del governo locale Saviour Kasukuwere, e numerosi altri importanti sostenitori di Grace. La ex signora dello Zimbabwe era stata anche estromessa della Women’s League del Partito.

Tutte le decisioni prese dal Comitato Centrale erano state accolte con grandi applausi e grida di giubilo dai circa 200 delegati presenti che alla fine, riferendosi a Robert Mugabe, avevano anche scandito più volte in coro “Se ne deve andare”. Ed era già deciso il suo successore: il vicepresidente Emmerson Mnangagwa, da sempre al potere con Robert Mugabe ma da quest’ultimo silurato nei giorni scorsi per ‘far spazio’ alla moglie Grace e per questo riparato all’estero.

Sempre il Comitato centrale del partito Zanu-PF lo aveva indicato come la persona destinata a diventare il nuovo capo di stato. Subito dopo, una delegazione di militari guidati dal capo delle Forze armate Constantino Chiwenga, il primo a dichiarare decaduto Mugabe in uno sorta di ‘golpe-non golpe’ senza spargimento di sangue, si era recata ad incontrare per la seconda volta Mugabe. La richiesta erano le dimissioni immediate mentre il capo di stato chiedeva tempo.

E, almeno da quanto accaduto, sembra non abbia mollato. Ancora una volta stupendo il mondo.

Ultima ora

17:28Calcio: Pjanic, Roma? Proveremo a batterla

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - "Conosco bene la Roma, sa quello che vuole e sta facendo un ottimo campionato, sono una squadra importante di cui si parla poco". Tocca all'ex di turno Miralem Pjanic, protagonista nella bella vittoria di Bologna con un gol su punizione, parlare dei giallorossi, avversario della Juventus nel big match di sabato sera all'Allianz Stadium. La squadra di Di Francesco "ha tanta qualità - spiega il centrocampista bosniaco nell'intervista rilasciata a Jtv e anticipata sul sito ufficiale della società -. Giocheremo in casa nostra, il pubblico sarà importantissimo e proveremo a vincere". Prima, però, c'è un turno di Coppa Italia da superare, con i bianconeri impegnati mercoledì contro il Genoa. "Vogliamo farla nostra, il mister ce l'ha ripetuto anche oggi, puntiamo a vincere tutto - dice Pjanic -. Non sarà una partita semplice, ma da vincere assolutamente".

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

Archivio Ultima ora