Ledezma in esilio, libero di comunicare al mondo la verità sul Venezuela

Pubblicato il 20 novembre 2017 da redazione

Da Madrid l’ex sindaco di Caracas dichiara che ora è finalmente libero per proseguire la lotta dall’estero contro il governo di Nicolás Maduro.

Da Madrid l’ex sindaco di Caracas dichiara che ora è finalmente libero per proseguire la lotta dall’estero contro il governo di Nicolás Maduro.

 

Madrid. – Durante una conferenza stampa, Antonio Ledezma, ha dichiarato che il suo esilio sigla una nuova tappa nella lotta contro il governo venezuelano. Ledezma, che è arrivato a Madrid sabato scorso, dopo una rocambolesca fuga da Caracas attraverso la Colombia, confida che l’esilio serva per continuare la lotta contro Nicolás Maduro e il suo governo.

Il dirigente di Alianza al Bravo Pueblo, accusato di cospirazione contro Maduro e detenuto dal 2015 non risparmia il presidente: “Preparati Maduro per ascoltare il rombo dei motori degli esiliati venezuelani; ci stiamo organizzando perché il mondo sappia la verità.” “Devi smettere di torturare il popolo venezuelano.”

Maduro ribatte e dichiara che gli spagnoli se lo tengano pure il Ledezma; “tanto, Ledezma, soltanto tu ed io sappiamo che è rimasto qualcosa in sospeso tra di noi”. Sembra una minaccia velata, da parte del presidente venezuelano che ha pure definito l’attempato politico “un vampiro.”

Ma Ledezma è ora al sicuro e libero di agire.

Appoggiato a casa e all’estero

Ledezma ha trovato solidarietà dal Venezuela e dall’estero. Molti politici d’opposizione venezuelana hanno approvato la decisione presa dall’ex sindaco, e all’estero Ledezma conta con l’appoggio del’expresidente colombiano Andrés Pastrana, la eurodiputata Beatriz Becerra e il lider del partito liberale spagnolo Albert Rivera.

E non solo, Ledezma ha già incontrato il capo del governo spagnolo Mariano Rajoy.

A tutti loro ha denunciato ancora una volta, la grave situazione che attraverso il Venezuela. “Hanno convertito il Venezuela in un paese di narcos. Un paese dove si sono commessi crimini di lesa umanità.

“I sequestrati non fuggono, sono liberati. Io ero sequestrato dalla narco dittatura di Nicolas Maduro. La mia liberazione è un contributo a 30 milioni di venezuelani che si sentono sequestrati e prigionieri.”

“Posso essere più utile al mio paese dall’esilio. E non mi sentirò completamente libero fino a quando tutti i prigionieri politici abbiano lasciato il carcere.” “È ora che la smettano di perseguitare i mezzi, si devono riaprire le emittenti radio chiuse, le fabbriche, le aziende.

Non è l’unico politico venezuelano fuori dal Venezuela

Antonio Ledezma non è l’unico politico di opposizione che ha scelto di fuggire, altri lo hanno fatto. Tra di loro c’è il sindaco Ramón Muchacho y David Smolansky, accusati di non contenere le proteste nei loro municipi. Muchacho e Smolansky hanno abbandonato il paese piuttosto che convertirsi in prigionieri politici.

Ma non soltanto l’opposizione è in esilio. Si ricordi a Luisa Ortega Diaz, l’ex procuratrice estromessa da Maduro per aver denunciato la decisone del Tsj contro l’Assemblea Nazionale.

Né come Puigdemont né tantomeno come Podemos

Durante la conferenza stampa, Ledezma ha chiarito la differenza tra il suo arrivo a Madrid e l’esilio di Puigdemont in Belgio. L’ex capo del governo della Catalogna “vuole dividere la Spagna, io invece, voglio unire il Venezuela” ha detto il politico.

Infine non ha risparmiato il partito Podemos. Anche se non l’ha citato chiaramente, Ledezma ha fatto capire la sua intenzione. “Rajoy non mi ha pagato nulla. Come lo ha fatto invece, il governo di Chávez prima e ora quello di Maduro con “questi” che vogliono incarnare il Socialismo del secolo XXI qui.” E riferendosi a Podemos ha concluso:

“Dio liberi la Spagna da questo.”

Il partito spagnolo Podemos è conosciuto per seguire e difendere la politica del defunto Chávez. Da tempo si sta cercando di provare un presunto finanziamento da parte dei governi venezuelani. Ma finora nulla è stato accertato.

Ultima ora

16:45Soldi da abusivi case popolari,arrestato ispettore Ps Foggia

(ANSA) - FOGGIA, 18 GEN - Un ispettore della polizia di Stato, Domenico Tateo, di 47 anni, di Bari, in servizio presso la Squadra Volanti della questura di Foggia, è stato arrestato per concussione e posto ai 'domiciliari'. A quanto si è appreso, è accusato di aver chiesto somme di danaro a persone che alloggiano abusivamente in immobili del Comune in cambio di protezione. L'arresto è stato eseguito da agenti della Squadra mobile sulla base di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica. Le indagini sono state svolte dai militari della Guardia di Finanza di Lucera, con i quali ha collaborato la Squadra mobile di Foggia. (ANSA).

16:43Calcio: Juve, Bernardeschi “corsa scudetto a due ma è lunga”

(ANSA) - TORINO, 18 GEN - Per lo scudetto 2018 "per adesso è una corsa a due, tra noi e il Napoli, ma il calcio è strano e il campionato è ancora lungo, vedremo più avanti". Così Federico Bernardeschi, l'autore del gol grazie al quale la Juventus ha vinto a Cagliari prima della sosta. L'ex Fiorentina ha visto un 'altro' Higuain: "L'anno scorso segnava tanto, ma corre e si sbatte, sta facendo un lavoro 'sporco' per aiutare i compagni. Quanto al gol (manca da 527', ndr) è serenissimo, è tranquillissimo e capitano aglio attaccanti periodi così".

16:38Kosovo: a Belgrado folla commossa a funerali Oliver Ivanovic

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 GEN - Una folla commossa e silenziosa ha partecipato oggi al cimitero di Belgrado alla cerimonia funebre in memoria di Oliver Ivanovic, il noto esponente politico della comunità serba in Kosovo ucciso a colpi d'arma da fuoco in un agguato martedì scorso a Kosovska Mitrovica. A dare l'estremo saluto a Ivanovic vi erano esponenti politici, rappresentanti della società civile, della cultura, dello sport, dello spettacolo. Ma sopratutto centinaia di comuni cittadini che hanno deposto fiori e acceso candele per rendere omaggio a un uomo considerato uno strenuo difensore degli interessi dei serbi del Kosovo.

16:20Sicurezza: Gabrielli, noi stufi fare ‘foglie fico’

(ANSA) - VERCELLI, 18 GEN - "Nel momento in cui avvengono fatti gravi, il magistrato va a cercare una posizione di garanzia, e molto spesso il questore è il soggetto a cui riferire le responsabilità. Torino docet. Quindi noi abbiamo detto basta, siamo stanchi di fare le foglie di fico rispetto a responsabilità che non sono le nostre". Così il capo della Polizia Franco Gabrielli a Torino rispondendo ad alcune domande sulla circolare per la gestione delle manifestazioni pubbliche che stabilisce precise responsabilità su safety e security. "Il fatto che oggi qualcuno non faccia gli eventi perché non ha i soldi, mi fa sorgere il fondato sospetto che prima si facevano le cose così, perché si è sempre fatto", aggiunge Gabrielli, ricordando che "più che la famigerata circolare Gabrielli esiste un secondo comma dell'articolo 40 del codice penale, secondo il quale chi ha l'obbligo giuridico di impedire che avvenga un tragico fatto, e non lo impedisce, equivale a cagionarlo: e quello è il fondamento del reato colposo".(ANSA).

16:16Calcio: Rosetti,al momento challenge allenatori non previsto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se è prevista in futuro la chiamata della Var da parte degli allenatori? Il Var è un protocollo internazionale Ifab ed è questo che determina la stesura delle regole. In questo momento il challenge non è previsto". Lo dice il responsabile Var in Italia, Roberto Rosetti, a margine di un convegno Ussi a Roma. "A fine stagione - ha specificato Rosetti - faremo una relazione e anche delle proposte. Ma in questo momento dobbiamo lavorare sulle regole. Se mi piace come idea? A me piacciono tante idee...". "Spiegare in diretta al pubblico le decisioni? State correndo troppo - conclude l'ex fischietto internazionale - Anche in questo caso non è previsto come non sono previste le immagini sul maxischermo".

16:15Cadavere uomo in giardino, droga tra ipotesi decesso

(ANSA) - CAMAIORE (LUCCA), 18 GEN - Non si esclude un malore dovuto all'assunzione di droga e al freddo della scorsa notte, come causa del decesso dell'uomo, identificato poi come un tunisino di 43 anni, rinvenuto privo di vita stamani nel cortile di una villa in ristrutturazione in Versilia, a Camaiore (Lucca). E' quanto emerge dagli investigatori. Le indagini sono seguite dai carabinieri. Sarà comunque l'autopsia, affidata al medico legale Stefano Pierotti, a chiarire le cause del decesso. Secondo quanto ricostruito, il nordafricano, già noto alle forze dell'ordine, viveva in una casa poco distante dalla villa, abitazione che aveva ricevuto in eredità da un italiano, deceduto anni fa. L'uomo è stato rinvenuto nudo nel giardino: gli abiti sono stati trovati, a terra, poco lontano.(ANSA). Ad accorgersi del corpo senza vita alcuni passanti che hanno immediatamente allertato i soccorsi.

16:13Obitorio ospedale troppo piccolo,bare con salme in corridoio

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 18 GEN - Lamentele e proteste nell'ospedale di Serra San Bruno per l'impossibilità di collocare le salme di persone decedute nell'obitorio del nosocomio per mancanza di spazi. La direzione dell'ospedale si é vista costretta a fare collocare in un corridoio due bare con le salme, suscitando le proteste dei parenti dei defunti. Nel corridoio in cui sono state collocate le salme, tra l'altro, si é determinato un sovraffollamento per la presenza dei parenti delle persone decedute. Una situazione difficile da gestire per i responsabili dell'ospedale, che già in passato avevano dovuto fare fronte a difficoltà dello stesso tipo. La Direzione sanitaria dell'ospedale ha reso noto, con un comunicato, di avere "ulteriormente sollecitato all'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la soluzione del problema", chiedendo l'ampliamento della sala mortuaria. (ANSA).

Archivio Ultima ora