Argentina: morta Marta Vasquez, a capo di Madres de Plaza de Mayo Línea Fundadora

Marta Vásquez, presidente de Madre de Plaza de Mayo Línea Fundadora
Marta Vásquez, presidente de Madre de Plaza de Mayo Línea Fundadora

BUENOS AIRES. – E’ morta il 18 novembre all’età di 90 anni Marta Vasquez, presidente dell’ong ‘Madres de Plaza de Mayo L¡nea Fundadora’, gruppo nato dalla scissione nel 1986 dall’associazione ‘Madri di Plaza de Mayo’, con la quale condivide lo stesso obiettivo: la ricerca della verità sui desaparecidos argentini. Lo rende noto La Capital.

Per più di 40 anni la donna ha cercato di scoprire la verità sulla sorte di sua figlia, Mar¡a Marta, e di suo nipote. La figlia infatti era incinta quando è scomparsa dopo essere stata fermata dalle forze di sicurezza. La rappresentante dei diritti umani, nata a Bahia Blanca ma cresciuta a La Plata, è stata ricoverata in ospedale per diversi giorni nel Sanatorio Anchorena di Buenos Aires, dopo aver sofferto alcune complicanze respiratorie.

Sua figlia, Mar¡a Marta Vásquez Ocampo, era incinta di un mese quando fu arrestata il 14 maggio 1976 insieme al marito, César Lugones. La ragazza aveva 23 anni e teneva lezioni di sostegno scolastico in un villaggio di Bajo Flores. Secondo la testimonianza di uno dei responsabili della repressione del periodo, Mar¡a Marta diede alla luce il bambino a metà gennaio del 1977 nel centro di detenzione e tortura situato presso la Scuola di Meccanica della Marina (Esma).

Da quel momento, Marta Vásquez si è dedicata alla ricerca della coppia e del piccolo, senza però ottenere informazioni che le permettessero di ritrovarli. Vásquez era presidente dell’organizzazione Madres de Plaza de Mayo L¡nea Fundadora e della Federazione latinoamericana dei familiari dei desaparecidos Fedefam, attraverso la quale ha dato un importante contributo alla stesura della Convenzione Internazionale contro la sparizione forzata delle persone.