Pensioni: Cgil in piazza con la sinistra, presto nuova mobilitazione

Pubblicato il 02 dicembre 2017 da ansa

Un momento della manifestazione nazionale per pensioni e lavoro organizzata dalla CGIL a Torino, 2 dicembre 2017. ANSA / ALESSANDRO DI MARCO

 


ROMA. – La Cgil scende in piazza, con manifestazioni in cinque città, attacca il governo che “ha chiuso le porte” e “disatteso gli impegni” sulla previdenza, come dice più volte la segretaria generale Susanna Camusso. Chiede una “svolta” su pensioni, lavoro e giovani e già prepara una nuova “mobilitazione generale”. Mentre lancia una proposta a Cisl e Uil con cui “bisognerà ricostruire i fili” dell’unità.

Al fianco della Cgil c’è anche la sinistra, con esponenti di Mdp, Sinistra italiana e Possibile (alla vigilia dell’assemblea per la nascita della lista unitaria, alla quale sarà presente la stessa Camusso), di Campo progressista e Rifondazione comunista.

‘Pensioni, i conti non tornano’ è lo slogan della mobilitazione che accompagna i cortei nelle cinque piazze – a Roma, Torino, Bari, Palermo e Cagliari – e l’intervento di Camusso dal palco della capitale, in collegamento con le altre città.

Una vertenza che resta aperta, perché bisogna cambiare “una legge profondamente ingiusta”, fermare il meccanismo automatico sull’innalzamento dell’età pensionabile legato all’aspettativa di vita, ripete Camusso, che proietta l’Italia, “unico Paese al mondo”, ad una rincorsa “continua, eterna”.

Bisogna dare risposte ai giovani, garantendo loro “un lavoro dignitoso ed un futuro previdenziale”, e alle donne, partendo dal riconoscere il lavoro di cura. Il tema è dare queste risposte e “cambiare la legge Fornero. Siamo stanchi di spot elettorali”, rimarca da Palermo l’ex leader della Fiom ed attuale segretario nazionale della Cgil, Maurizio Landini.

La “priorità” resta il lavoro, dice ancora Camusso dal palco, e la sua “qualità”. Così come l’attenzione resta sulla reintroduzione piena dell’articolo 18, che “non è un totem ideologico, come dice l’ex premier – è la replica a Renzi -, ma è una necessità concreta per superare le divisioni nei luoghi di lavoro”.

Ci sono poi i contratti pubblici, che “vogliamo davvero si rinnovino, non solo che vengano annunciati”. Ci sono i lavoratori: Camusso parla dello sciopero dei lavoratori di Amazon (che “hanno squarciato un velo sulle condizioni vere di lavoro”) e del licenziamento da parte dell’Ikea di “Marika” (“non può avere un turno che concili le esigenze familiari!”), della stabilizzazione di tutti i 18 mila ex Lsu che operano come ausiliari scolastici (non solo di Palermo) e dei precari della ricerca (“bisogna mettere le risorse”) fino alla vertenza della modenese Castelfrigo.

“Oggi è la prima mobilitazione, ma non ci fermiamo”, afferma Camusso in chiusura: “Continueremo nei prossimi giorni. In parlamento presidieremo la discussione sulla legge di bilancio e continueremo a chiedere ai gruppi parlamentari di intervenire per modificarla. Continueremo ad organizzare assemblee e scioperi nei luoghi di lavoro per sostenere le nostre vertenze”. E “a lavorare per preparare la prossima mobilitazione generale che, ve lo posso assicurare, non è lontana nel tempo”.

Con Cisl e Uil bisogna intanto ricucire. “Lo diciamo con amarezza: facciamo fatica a capire perché ci siano giudizi diversi” sull’esito del confronto con il governo, premette Camusso. “Li rispettiamo, ovviamente, ma sono lontani dalla piattaforma” unitaria sulla previdenza messa a punto un anno fa.

“Noi vogliamo ritessere i fili unitari” e, quindi, “proponiamo a Cisl e Uil di definire insieme delle regole comuni” su come affrontare le vertenze, su come ‘misurare’ i risultati, tra i sindacati e tra i lavoratori, rispetto alle richieste contenute in una piattaforma unitaria. “Perché sappiamo bene che quando si è divisi si è più deboli”.

Pronta la replica della Uil: “Per noi l’unità sindacale è una scelta strategica”, afferma il segretario generale Carmelo Barbagallo.

“Il sindacato è il sindacato, noi siamo qui per sostenere una battaglia”, afferma dalla piazza l’ex leader della Cgil ed ora deputato di Mdp, Guglielmo Epifani. “Questa piazza chiede un cambiamento profondo, non stampelle alle politiche sbagliate di questi anni”, dice Alfredo D’Attorre, deputato di Mdp.

È “necessario continuare a battersi. Il sindacato fa le sue battaglie e chi le condivide sta in piazza con il sindacato. Non c’entra nulla la politica”, dice il segretario di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni. “Siamo qui perché ci batteremo nella manovra per dar seguito anche ad alcune richieste che ha fatto la Cgil”, afferma Marco Furfaro di Campo progressista.

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora