Fitch: Citgo declassata a CCC

 

 

CARACAS.- Fitch Ratings ha declassato la filiale di Pdvsa da B-2 a CCC. Citgo sta diventando un problema per i creditori che si trovano davanti a rischi sempre più evidenti per via delle incertezze sul rifinanziamento del debito. Inoltre, il rischio è aumentato per i cambi nella direzione della filiale che si associano a inadempienze da parte di Pdvsa.

Il timore e l’incertezza dilagano tra gli investitori anche perché non si sa come finiranno i litigi e laudi arbitrali in corso contro la statale petrolifera venezuelana. Questa situazione niente allettante comporta un maggior rischio per il rifinanziamento del prestito a lungo termine 2018, un prestito di 611 milioni di dollari, in scadenza il 12 maggio dell’anno che si avvicina.

Calcoli di Fitch

Secondo i calcoli di Fitch, il saldo disponibile su questo prestito è al momento di 273 milioni. Questa cifra viene suddivisa in 145 milioni in liquidità senza alcuna restrizione, 87 milioni in liquido associato al debito generato dal prestito a lungo termine, e un eccedente di 41 milioni generato dal servizio di debito. Perciò, a Citgo rimane rifinanziare 338 milioni di dollari.

Tuttavia, Fitch crede che il rifinanziamento del debito non sarà facile. Ma suggerisce che l’opzione più realista sia quella di optare per una estensione invece di chiedere un rifinanziamento del debito totale della filiale. Rifinanziamento fatto nel passato in situazione meno convulsa di quella che il Venezuela sta vivendo.

L’effetto delle sanzioni e la corruzione

Si fanno sentire. I principali rischi per gli investitori di Citgo corrono paralleli con gli effetti avversi che le sanzioni stanno avendo sull’economia del paese. Ma non solo. A fare la sua parte c’è anche lo strascico che sta lasciando l’onda di corruzione scoperta in Pdvsa con la detenzione di personaggi chiave.