Tifosi italo-venezuelani entusiasti per il ritorno in F1 dell’Alfa Romeo

Pubblicato il 07 dicembre 2017 da redazione

L’Alfa Romeo torna in F1

 


CARACAS – Nel 2018 nel mondo della Formula 1 ci sarà uno storico ritorno: l’Alfa Romeo. Il marchio del biscione torna nel grande circus dopo un’assenza di 32 anni. La casa motoristica lombarda ha siglato con Sauber F1 Team una partnership pluriennale che prevede una cooperazione a livello strategico, commerciale e tecnologico. Il nome ufficiale della squadra sarà Alfa Romeo Sauber F1 Team.

Abbiamo chiesto ai tifosi italo-venezuelani il loro parere sul ritorno del marchio lombardo nel grande circus.

Iniziamo da Carlo Caputo che ci dice: “La Ferrari è l’anima e la storia della F1 ma con l’Alfa Romeo la stagione delle corse più belle del mondo potrebbe riaccendersi. Un po’ come diceva Dalla quando cantava che Nuvolari, ‘con l’Alfa rossa fa quello che vuole, dentro al fuoco di cento saette’. E che saetta l’ultima lanciata da Sergio Marchionne. Dritta al cuore della F1 e dei suoi tifosi”

Vito De Lucia, che si confessa tifoso dell’Alfa Romeo, ci dà il suo parere: “Per noi amanti del marchio del biscione é un’emozione immensa, ricordiamoci che é la casa motoristica dov’è cresciuto Enzo Ferrari. Hanno guidato le loro monoposto piloti del calibro di Farina, Nuvolari, Caracciola. In passato questa casa motoristica si é aggiudicata due campionati del mondo di Formula Uno. E le sue monoposto ed i suoi piloti hanno fatto vivere emozioni senza fine tra gli anni ’20 e ’40. Poi tra gli anni ’70 ed ’80 il loro periplo nel grande circus non é stato fruttifero e cosí hanno deciso di ritirarsi”.

De Lucia ha continuato il suo intervento dicendo: “Oggi gli amanti dell’Alfa Romeo esultiamo e non solo noi, ma anche tutti gli italiani appassionati di motori. La maggior parte degli italiani sono ferraristi, adesso avrenno un nuovo team per cui tifare. Inizia a sentirsi il rombo dei motori in casa Alfa Romeo. Non resta che dire Buona fortuna e Forza Alfa!”

Da Nuvolari a Fangio, il mito Alfa. Regina indiscussa dei Grand Prix d’Anteguerra con la GP Tipo P2, che nel 1925 dominò il primo Campionato del Mondo, e poi legata al nome di Tazio Nuvolari nella Millemiglia del 1930, Alfa Romeo riporta in Formula Uno, dopo oltre trent’anni, uno dei marchi che ne hanno fatto la storia, legato in modo indissolubile alla leggenda di campioni del calibro di Nino Farina e Juan Manuel Fangio, con cui vinse il primo campionato mondiale piloti rispettivamente nel 1950 e nel 1951.

Dal canto suo, Mirko Baroni si mostra entusiasta: “Ottimo! Ora mettiamoci anche la Maserati in Formula Uno e la Lancia nel campionato del mondo dei rally. Così noi romantici del mondo dei motori rivivremo i bei tempi del made in Italy!”

Emilio Santos ci dice: “Questo ritorno é una sorta di ricorso storico, la Ferrari nacque dall’Alfa Romeo, ora la stessa Ferrari fa rinascere l’’Alfa”.

Mentre Chiara Destro ci spiega: “Il ritorno dell’Alfa Romeo é bello per il valore storico, ma è tutta una questione di marketing. Speriamo che la sfruttino come team satellite della Ferrari per portare dati importanti e sopratutto di dare il sedile al nostro Giovinazzi”.

L’Alfa Romeo é sinonimo di corse e prestigio tecnologico in tutto il mondo, Alfa Romeo ha preso parte al massimo campionato automobilistico come costruttore e, dal 1961 al 1979, come fornitore di motori per diversi team, tra cui McLaren, Brabham, Osella e Ligier. Dal 1979 al 1985 il Biscione torna come costruttore, ottenendo il miglior risultato nel 1983 con il sesto posto. Sempre nel 1985 progettò per la Ligier il primo motore V10 di Formula 1 moderno, presto seguito da propulsori analoghi fabbricati da Honda e Renault. L’ultima esperienza, come fornitore, si chiuse nel 1988.

Da il suo parere anche Mario Russo: “Sono sempre Ferrari solo rimarcati Alfa Romeo. E’ come nel caso della Red Bull: che ha motori Renault, ma marcati Tag Heuer. Questo servirà per riportare il marchio Alfa Romeo in F1 e questa, a prescindere dal marketing, scalda i cuori degli appassionati italiani della Formula Uno. Dall’altra è un vantaggio enorme per Sauber perchè i motori Ferrari-Alfa Romeo sono gli stessi che utilizzerà la scuderia Ferrari il prossimo anno in F1, quindi finalmente non sarà come al solito indietro di 1 anno da questo punto di vista. Questa stagione Sauber correva con motori Ferrari 2016, idem l’anno prima con motori 2015…. La Sauber è una scuderia storica della F1, con questa partnership molto forte con Ferrari-AlfaRomeo può fare grossi passi avanti e non essere più l’ultima della griglia di partenza”.

Mentre Mariano Moscaritolo ci dice: “Tutto quello che può servire per rilanciare/valorizzare un marchio per me è positivo. L’attenzione riposta su un marchio così importante come Alfa Romeo è una scelta da mantenere viva e da sviluppare costantemente”.

Roberto Esposito é entusiasta: “Ottima notizia per l’Alfa, per la Ferrari e per tutta la Formula Uno. Sarebbe davvero bello vedere l’Alfa Romeo come un team per giovani piloti veloci e come trampolino di lancio per la Ferrari. Leclerc è il migliore, ma accanto a lui ci deve essere Giovinazzi o al massimo Wehrlein. Anche Kvyat non sarebbe male, basta che siano piloti veloci e di talento”.

Infine Antonio Bianco comenta: “Contento del rientro dell’Alfa Romeo in Formula Uno. Spero che a futuro facciano anche correre piloti italiani”.

ll presidente Ferrari Marchionne ha dichiarato in conferenza stampa: “L’accordo con Sauber ­F1 Team è un passo significativo nella ricostruzione del brand Alfa Romeo che, tornando in Formula 1, restituisce al campionato uno dei marchi che hanno fatto la storia di questo sport, andando ad aggiungersi ad altre importanti aziende automobilistiche che partecipano alla Formula 1. Il brand stesso, inoltre, potrà beneficiare dello scambio tecnico e strategico con un partner di esperienza indiscussa come Sauber F1 Team e gli ingegneri e i tecnici dell’Alfa Romeo, che hanno già dato prova delle loro capacità con la progettazione dei nuovi modelli Giulia e Stelvio, potranno ulteriormente ampliare la loro esperienza portando al Sauber F1 Team competenze tecniche di assoluta avanguardia. Contemporaneamente, tutti gli appassionati di Alfa Romeo potranno di nuovo tifare per un costruttore di automobili che é determinato a scrivere un nuovo capitolo della sua única e leggendaria storia sportiva”.

Il 28 marzo del 2018, dopo 32 anni, il libro della storia Alfa in Formula 1 si riaprirà sulla griglia di partenza del Circuito Albert Park di Melbourne per il Gran Premio d’Australia.

Fioravante De Simone

Ultima ora

15:38Iran: Università Novara, ‘Djalali torturato per confessione’

(ANSA) - NOVARA, 18 DIC - "Ma quale confessione! E' stato torturato finché non ha dovuto dire quanto volevano i suoi carcerieri". Il professore Francesco Della Corte, direttore del Credim, il Centro di ricerca interdipartimentale in medicina dei disastri dell'Università del Piemonte Orientale per cui ha lavorato Ahmadreza Djalali, commenta così la confessione del ricercatore iraniano che in televisione ha sostenuto di essere una spia, l'accusa per cui è stato arrestato e condannato a morte. "Non è bastato che venisse condannato a morte dal Tribunale della Rivoluzione di Teheran per reati mai commessi - prosegue Della Corte - ora hanno voluto che pubblicamente si accusasse, in modo da avere una scusa, di fronte all'opinione pubblica, per poterlo uccidere".

15:37Pyeongchang: Fontana, Corea? Nel villaggio saremo protetti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Per la situazione in Corea del Nord sono abbastanza tranquilla, perchè una volta entrati al villaggio olimpio saremo come in un bolla. Ci sentiremo, e saremo protetti, e saremo concentrati sulle gare. Quel che succede al di fuori, nei limiti, ci coinvolgerà relativamente". Arianna Fontana, portabandiera dell'Italia tra 53 giorni ai Giochi di PyeongChang, non si dice preoccupata per le tensioni internazionali caudate dalle minacce del regime di Pyeongyang. L'atleta, dopo aver ricevuto la bandiera al Quirinale dalle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ribadito il suo dispiacere per il bando imposto dal Cio agli atleti russi per il doping: "Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio. Ci sono molti atleti puliti che. Una ragazza russa che ho sentito - ha aggiunto - mi ha detto che sapranno solo a fine gennaio se potranno gareggiare. Mi dispiace, sono momenti non molto semplici".

15:36Turchia: 822 arresti per terrorismo in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 18 DIC - Continuano in Turchia gli arresti di massa sotto lo stato d'emergenza post-golpe. Nell'ultima settimana, sono 822 le persone finite in manette con accuse di terrorismo. Lo rende noto il ministero degli Interni. La maggior parte (575) è sospettata di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Altre 148 sono state arrestate per supposti collegamenti con il Pkk curdo. Nelle operazioni contro il Pkk sono inoltre stati "neutralizzati" 28 combattenti, 9 dei quali uccisi. Detenuti anche 75 sospetti affiliati all'Isis e 24 a gruppi illegali di estrema sinistra. Dal tentato putsch dello scorso anno, in Turchia gli arresti per presunti reati di terrorismo sono più di 50 mila.

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

Archivio Ultima ora