Con Libera l’America Latina fa rete contro le mafie

Con Libera l'America Latina contro le mafie
Con Libera l’America Latina contro le mafie

 


ROMA. – Dall’Honduras al Messico, dal Venezuela al Brasile, tanti e diversi sono gli attori illeciti che tengono sotto scacco governi e società. I popoli latinoamericani, però, non si arrendono alla violenza. Consapevoli che un crimine globale richiede una risposta globale, sotto il coordinamento di Libera, oltre 50 tra organizzazioni, associazioni e movimenti di undici nazioni si sono unite nella Rete Alas-America Latina Alternativa social,per condividere esperienze, organizzare progetti comuni, unire le loro voci contro le mafie e la corruzione per la giustizia transizionale in Colombia e in America Latina.

Dopo la riunione a Città del Messico, nel maggio 2015, la Rete si incontra a Bogotà fino al 18 dicembre per la sua Assemblea e per fare il punto sul percorso fatto ed elaborare strategie di resistenza civile e costruire alternative al crimine organizzato. La scelta della Colombia è di per se un messaggio. “Fino alla pace” è lo slogan della seconda assemblea di Alas. Un invito per la Colombia del post conflitto come per l’America Latina delle guerre anomale e invisibili.

Durante l’ Assemblea verrà presentata la ricerca ‘Desde el bien encautado hasta el bien común’ dove vengono esaminati e comparati con accuratezza i percorsi di confisca e uso sociale dei beni criminali adottati in Messico, Guatemala, Colombia, Bolivia, Argentina. Se ne evidenziano i pregi ma anche se ne sottolineano, con spirito costruttivo, i nodi, le contraddizioni, i limiti.

Ecco allora emergere il bisogno di strumenti legislativi più efficaci e calibrati, di testi unici che evitino la dispersione o la sovrapposizione delle normative, di legislazioni sovranazionali necessarie a combattere un crimine che non è più solo organizzato ma globalizzato, favorito dai meccanismi opachi e dalle zone grigie del “libero mercato”.

Un primo risultato si è raggiunto, grazie al lavoro di Libera e alle associazioni messicane, in Messico dove è in vigore la prima legge sull’ uso sociale del beni confiscati nello Stato di Città del Messico.