Mondo

Tags | , ,

Putin attacca: “Su caso Russia, Cio e Wada intimidite”

Pubblicato il 14 dicembre 2017 da ansa

Putin e l’hokey su ghiaccio. EPA/ALEXEY NIKOLSKY/RIA NOVOSTI/GOVERNMENT PRESS SERVICE POOL


MOSCA. – Una settimana dopo aver gettato acqua sul fuoco assicurando che la Russia non boicotterà i Giochi invernali del prossimo anno, Vladimir Putin torna a fare l’incendiario e accusa il Comitato olimpico internazionale (Cio) e l’agenzia mondiale antidoping (Wada) di aver subito “pressioni e vere e proprie intimidazioni”.

Il leader del Cremlino ha insomma suggerito ancora una volta che le imputazioni di doping di Stato rivolte alla Russia siano ingiuste, così come la decisione del Cio di escludere la squadra olimpica russa dalle Olimpiadi di PyeongChang. E che dietro tutto ciò ci sia lo zampino di Washington. Cio e Wada – ha attaccato Putin – “anche se sono costretti a fare qualcosa, dovrebbero arrivare alle conclusioni basandosi su qualcosa di oggettivo”.

Ma il presidente russo è andato oltre: ha accusato l’intelligence americana di manipolare il caso e persino la ‘gola profonda’ dello scandalo, l’ex direttore del laboratorio antidoping russo Grigori Rodchenkov, che adesso vive sotto protezione negli Stati Uniti. Fu proprio Rodchenkov a confessare di aver ricevuto dal ministero dello Sport russo l’ordine di somministrare steroidi agli atleti e sostituire i test incriminati con provette “pulite”.

Contro di lui in Russia adesso si è scatenato un vero e proprio tiro al bersaglio: media e politici lo dipingono come uno squilibrato al soldo della Casa Bianca. E oggi Putin non ha perso occasione per dire la sua. Il presidente russo ha puntato il dito contro Rodchenkov accusandolo di essere “sotto il controllo” delle agenzie americane, compresa l’Fbi: “Cosa gli fanno lì? Gli danno una qualche sostanza per fargli dire cosa vogliono?”, ha tuonato Putin. Poi ha completato la filippica sostenendo che sia stato “un errore” nominare Rodchenkov a capo del laboratorio antidoping russo. Il motivo? “Non si può lavorare con persone che hanno tentato il suicidio”.

Parole pesanti da parte di Putin, come quelle che aveva pronunciato un mese fa incontrando a Chelyabinsk gli operai di uno stabilimento di compressori: gli Stati Uniti – aveva tuonato in quell’occasione – “vogliono creare problemi nelle presidenziali russe” per rispondere alla “presunta ingerenza” di Mosca “nelle loro elezioni”, e per farlo si servono anche dello sport sfruttando le accuse di doping di Stato rivolte alla Russia.

Secondo la Wada però la Russia ha messo in piedi tra il 2011 e il 2015 un gigantesco sistema di doping che ha coinvolto circa 1.000 atleti. E in fondo il verdetto del Cio poteva essere molto più severo. I russi che andranno alle Olimpiadi invernali saranno definiti infatti “atleti olimpionici dalla Russia” e non semplicemente “atleti neutrali”. E il tricolore russo potrebbe persino sventolare alla cerimonia di chiusura dei Giochi. Inoltre il presidente del Cio Thomas Bach ha suggerito di mettere fine alla questione del doping di Stato russo dopo PyeongChang. Tutti elementi che secondo alcuni esperti fanno pensare a un accordo dietro le quinte tra il Cremlino e il Cio.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

17:21D’Alema, Moscovici? Pensi a suo partito quasi scomparso

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Sono amico di Pier, ma in Francia il suo partito è quasi scomparso, forse dovrebbe essere quella ora la sua principale preoccupazione... Io sono appassionatamente europeista ma l'Europa non recupera il suo consenso se non cambia. Ma è possibile che in Europa ci sia ancora una sorta di paradiso fiscale come il Lussemburgo? Almeno si punti all' armonizzazione fiscale". Lo afferma Massimo D'Alema ospite della trasmissione "In mezz'ora in più" su Rai3 commentando le dichiarazioni di Moscovici sull'Italia.

17:19Raggi: legalità punto fermo, c’è riconoscimento Anac

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Legalità, trasparenza e lotta alla corruzione sono punti fermi per la nostra amministrazione". Lo scrive su Fb la sindaca di Roma Virginia Raggi che annuncia: "Abbiamo investito energie nel tavolo tecnico congiunto con l'Autorità Nazionale Anti-Corruzione. Finalmente si raccolgono i primi risultati. E sono positivi. Nella relazione conclusiva sul lavoro svolto dal Tavolo, l'Anac ha espresso apprezzamento per gli importanti e i significativi risultati raggiunti". In particolare per "l'aumento del numero di gare a evidenza pubblica". "Misure efficaci" in materia di anticorruzione nell'ambito del piano triennale di prevenzione. "Azioni correttive" "di particolare rilievo" intraprese sul "sistema di governance delle società partecipate dal Comune". Permanere di "criticità" sulla "centralizzazione degli acquisti", sulla "rotazione del personale", su una "elevata ed anomala cancellazione di Cig", cioè i codici identificativi di gara negli appalti. Sono alcuni degli aspetti messi in luce dall'Anac.

17:08Procura Spagna,arrestare Puigdemont se va in Danimarca

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La procura spagnola chiederà l'attivazione di un mandato di arresto europeo contro l'ex presidente della Generalitat della Catalogna, Carles Puigdemont, se domani andrà in Danimarca, dove ha in programma di partecipare ad un dibattito all'Università di Copenhagen. Lo riferisce El Pais, citando un comunicato della procura, in cui si spiega che si vuole chiedere alle autorità danesi l'arresto e la consegna alla Spagna della "persona indagata". Puigdemont è in auto esilio a Bruxelles.

16:40Sms ingiuriosi e diffamazione in articolo, Sgarbi condannato

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Contrariato da un articolo sul Corriere della Sera che criticava il Padiglione Italia della Biennale di Venezia del 2011, da lui curato, il critico d'arte e politico Vittorio Sgarbi prima ha iniziato a scrivere sms con parolacce e offese all'autore del pezzo pubblicato, il giornalista Sebastiano Grasso, e poi in un articolo su Il Giornale, ha usato nei confronti del recensore considerazioni da lui ritenute diffamatorie. Ora il Tribunale di Milano, giudice Nicola Di Plotti, in sede civile, lo ha condannato a una pena pecuniaria per ingiuria e diffamazione a mezzo stampa. E inoltre alla pubblicazione, a proprie spese, di un estratto della sentenza sul Corriere della Sera che avverrà domani. La notizia è stata resa nota dall'avvocato Biagio Cartillone, patrocinante di Grasso già responsabile delle pagine dell'arte sul quotidiano di via Solferino, che ha prodotto integralmente la sentenza.

16:30Calcio: furia Insegne dopo sostituzione, Sarri ‘stai zitto’

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - C'è una piccola nube nella vittoria del Napoli a Bergamo. 'Colpa' del siparietto polemico andato in onda al 29' del secondo tempo quando il tecnico azzurro Maurizio Sarri, con la sua squadra avanti 1-0, ha deciso di sostituire Insigne con Hamsik. Ma il giocatore non la prende bene e mentre si avvia verso la panchina si lascia scappare un 'vaffa', ripreso dalla telecamere come ricostruisce anche Sky, con Sarri che lo redarguisce immediatamente dicendogli un eloquente: "Siediti, e stai zitto".

16:29Rapporto di Israele, aumenta l’antisemitismo in Europa

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 GEN - Un aumento negli "incidenti razzisti" in Europa contro gli ebrei. Lo segnalano i dati di un rapporto del Ministero della Diaspora - retto da Naftali Bennett - relativo al 2017 e ripreso oggi dai media. Secondo il rapporto, l'aumento ha raggiunto il 78% "di violenza contro gli ebrei" in Gran Bretagna, mentre in Francia uno ogni tre "incidenti razzisti" è diretto contro gli ebrei che nel paese sono meno dell'1% della popolazione. Per i dati, in Ucraina il numero degli incidenti "è raddoppiato" e più del 50% dei profughi in Europa ha "opinioni antisemite".

16:17Sci: cdm, Kristoffersen vince slalom Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL, 2 GEN - Sotto una fitta nevicata, lo slalom speciale di cdm di Kitzbuehel e' stato vinto in 1.48.49 dal norvegese Henrik Kristoffersen. Per lui, a 23 anni, è il 16/o successo in carriera ma soprattutto ha battuto in casa l'austriaco Marcel Hirscher, secondo in 1.49.46. Terzo lo svizzero Daniel Yule in 1.49.84. Per l'Italia ancora una gara non esaltante. Il migliore è stato Manfred Moelgg 9/o in 1.51.28 seguito da Stefano Gross 11/o in 1.51.40 . Chiude Tommaso Sala 22/o in 1.53.65.

Archivio Ultima ora