La salma della regina Elena torna in Italia, ma polemica tra i nipoti

Pubblicato il 15 dicembre 2017 da ansa

Da ‘L’Illustrazione Italiana’ del 1896, Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena


TORINO. – Galeotta fu l’incoronazione dello zar Nicola II, a Mosca nel 1895, lui principe ereditario in cerca di moglie, lei alta e mora. Bellissima, secondo le cronache dell’epoca, al punto da spingere il futuro re d’Italia a superare i dubbi della famiglia reale sulla sua provenienza, il Montenegro, e a sposarla. E’ il 24 ottobre del 1896 e da allora Vittorio Emanuele III e la regina Elena non si lasciarono più, anche in esilio.

“Cinquantuno anni di matrimonio in unione con gli italiani nella buona e nella cattiva sorte”, come ricorda la nipote, principessa Maria Gabriella, adesso che la salma della regina è stata traslata dal cimitero di Montpellier al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì (Cuneo). Dove presto potrebbero arrivare anche i resti del consorte.

“Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena di Savoia, la Regina amata dagli Italiani, concorra alla composizione della memoria nazionale nel 70/o della morte di Vittorio Emanuele III (28 dicembre 1947) e nel Centenario della Grande Guerra”, è l’auspicio di Maria Gabriella.

Un ritorno in patria, a 65 anni dalla morte, venato dalle polemiche: a sollevarle il fratello Vittorio Emanuele, che critica la sorella sottolineando di aver “appreso, insieme ai membri della mia Casa, con stupore, delle dichiarazioni di mia sorella la Principessa Maria Gabriella inerenti la traslazione al Santuario di Vicoforte ed a nostra insaputa della salma di mia Nonna, la Regina Elena”.

“Non posso non rammaricarmi – aggiunge – che tutto ciò sia avvenuto in gran segreto, senza concedere alla Regina d’Italia, Sovrana della Carità Benefica, gli onori dovuti e soprattutto la traslazione al Pantheon di Roma, come abbiamo sempre richiesto e prima di me mio Padre, il Re Umberto II. Riportare la salma della regina in totale anonimato e in segretezza è un insulto” alla sua memoria.

Il trasferimento dal sud della Francia, dove la regina morì nel 1952 a 79 anni e venne sepolta in una tomba comune, è avvenuto effettivamente in gran segreto. Ora le sue spoglie si trovano nella Cappella di San Bernardo del Santuario, la cupola con sezione orizzontale ellittica più grande al mondo e un destino segnato sin dalla sua costruzione.

Nel commissionarla nel 1596 – in un luogo diventato meta di pellegrinaggi per volere di un cacciatore che dopo aver colpito per sbaglio l’immagine della Vergine iniziò una grande raccolta fondi per riparare il danno – il Duca Carlo Emanuele I di Savoia spiegò all’architetto Ascanio Vitozzi che avrebbe dovuto ospitare le tombe della famiglia. Una funzione, quella da mausoleo, poi assunta dalla Basilica di Superga, sulla collina di Torino.

Maria Gabriella esprime gratitudine per il ritorno delle spoglie della nonna in Italia al vescovo di Mondovì, monsignor Luciano Pacomio, e al rettore del Mausoleo, monsignor Bartolomeo Bessone. Un grazie anche “a quanti hanno operato nella discrezione giovevole allo scopo”, a cominciare dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, “che fattivamente propiziò la traslazione della salma in Italia”.

Apprezzamento nei confronti del Capo dello Stato anche da parte di Vittorio Emanuele, che esprime però il rammarico per le modalità della traslazione della salma. L’erede al trono che è stato dei Savoia ricorda la Regina Elena come “l’angelo del terremoto di Messina” e “infaticabile crocerossina della Grande Guerra”. Una memoria, sostiene, andata in fumo ora che il trasferimento della salma è avvenuto senza concederle “gli onori dovuti”. “Giustizia sarà fatta – conclude – quando tutti i sovrani sepolti in esilio riposeranno nel Pantheon di Roma”.

  • giulio campesi

    abbiate rispetto almeno per i defunti !!!!!!!!!

Ultima ora

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

23:04Calcio: Crotone, preso in prestito Benali dal Pescara

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Il centrocampista Ahmad Benali è un nuovo calciatore del Crotone. L'annuncio è stato dato dalla società che ne ha ottenuto il prestito con diritto di riscatto dal Pescara. Ventisei anni, Benali è nato a Manchester, naturalizzato libico, cresciuto nel Manchester City. Nel 2012 ha giocato a Brescia (Serie B) prima di passare al Pescara, dove ha ottenuto la promozione in Serie A nella stagione 2015/16. Lo scorso anno ha messo a segno, alla sua prima stagione nella massima serie, 6 reti, mentre nei primi mesi dell'attuale stagione ha realizzato 4 gol in 15 presenze, sempre col Pescara. Ha già preso parte al primo allenamento con i nuovi compagni.

22:36Coppa del Re: Montella batte il ‘cholo’ e respira

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Vincenzo Montella respira. Dopo i due ko in Liga, contro il Betis e l'Alaves, il suo Siviglia si riscatta nell'andata dei quarti di Coppa del Re, vincendo sul campo dell'Atletico Madrid. Finisce 2-1 per gli andalusi che pure erano andato sotto 1-0 grazie a Diego Costa (73'). Il vantaggio dei padroni di casa è durato appena 7', co, pareggio raggiunto grazie all'autogol di Moya (80'). Quando l'epilogo sembrava scontato ci ha pensato Joaquin Correa a far sorridere l'ex tecnico del Milan piombando su un pallone vagante in area e trafiggere il portiere madrileno. Nell'altro quarto di finale disputato sempre alle 19 vittoria del valencia sull'Alaves per 2-1. Anche qui vittoria in rimonta: ha aperto le marcature Sobrino (66'), poi il parrggio di Guedes (73') e il gol vittoria di Rodrigo all'82'. Il ritorno di entrambe le partite è in programma martedì 23 gennaio.

22:23Donna uccisa in Calabria: omicida condannato a 30 anni

(ANSA) - CROTONE , 17 GEN - Salvatore Fuscaldo, il bracciante 50enne di Cirò Marina, reo confesso dell'omicidio di Antonella Lettieri, la commessa di 42 anni uccisa l'8 marzo dello scorso a Cirò Marina, è stato condannato a 30 anni di reclusione dal gup di Crotone che ha accolto la richiesta avanzata dal pm Alfredo Manca a conclusione della requisitoria nel processo celebrato con il rito abbreviato. Il rappresentante della pubblica accusa ha ripercorso le tappe della vicenda, elencando le prove raccolte dal giorno dell'omicidio fino alla richiesta di rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà. Antonella Lettieri venne uccisa nella sua abitazione con almeno una ventina di colpi alla testa sferrati con un tubo di ferro ed undici coltellate al corpo. L'indagine è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, con l'ausilio del Ris di Messina. L'uomo, vicino di casa della vittima, fu fermato il 16 marzo ed il 21 aprile confessò di essere l'autore dell'omicidio.(ANSA).

Archivio Ultima ora