Maduro: “Stop a Aruba, Curazao e Bonaire: troppo contrabbando dal Venezuela”

Pubblicato il 20 dicembre 2017 da redazione

Presidente Maduro: "Si portano via gomme e olio per veicoli e persino cibo e shampoo.”

Presidente Maduro: “Si portano via gomme e olio per veicoli e persino cibo e shampoo.”

Caracas. – Maduro dice di voler fermare il traffico di merce verso Aruba, Bonaire e Curaçao perché le mafie stanno contrabbandando con beni venezuelani. Perciò ha minacciato con la chiusura di tutte le vie di comunicazione con le tre isole dei Caraibi. Secondo il presidente, i beni che scarseggiano nel paese vanno a finire là.

Durante un incontro per la pianificazione del Consiglio Federale del Governo a Palazzo Miraflores, Maduro ha dichiarato davanti ai sindaci ed i governatori che le “mafie” starebbero portando via di tutto: dalle gomme per le macchine fino allo shampoo. E lo farebbero per via marittima e aerea.

Annunci trasmessi a reti unificate

E il traffico di beni dal Venezuelano va oltre le isole ABC. In tv, Maduro ha pure dichiarato che aveva “una sorpresina pronta” per Cucuta e Maicao, due città al confine con la Colombia, nelle quali, secondo il mandatario il contrabbando è all’ordine del giorno.

Ha espresso la sua anche sulla situazione di Honduras, dove il governo ha sospeso le garanzie costituzionali e proclamato lo stato d’emergenza dopo che il paese è scivolato nel caos per le tensioni post elettorali. Maduro questa volta è d’accordo con l’OSA e crede che elezioni debbano essere ripetute in Honduras dove c’è il dubbio sulla sconfitta del candidato di sinistra Salvador Nasralla.

Rifiuto alle dichiarazioni americane

Il Presidente non ha perso l’opportunità di criticare la posizione americana. In questa occasione, ha respinto le accuse degli Stati Uniti che definiscono il suo governo dittatoriale. La scusa è la sfilza di elezioni celebrate nel 2017: tre elezioni dimostrano la faccia democratica del paese.

“Gli Usa dicono che sono un dittatore e sospenderanno le misure punitive contro il Venezuela quando la democrazia verrà ristabilita (…) questo è un attacco feroce degli americani, hanno deciso loro di stabilire che il Venezuela è una dittatura” ha sottolineato Maduro.

Maduro insiste che il popolo venezuelano affronta la crisi e lo ha dimostrato presentandosi a tre elezioni che sono servite per ribadire la democrazia, la libertà e la vittoria popolare. E la lotta la fa il popolo non la destra venezuelana sostenuta dagli Usa, che insiste che nel paese bisogna ristabilire la democrazia.

Il mandatario è sicuro che Donald Trump ha già deciso chi è il candidato dell’opposizione venezuelana per le elezioni presidenziali del 2018. “E il suo candidato che, secondo Trump, sarà il prossimo presidente del paese, porterà al Venezuela una serie di misure peggiori di quelle di Macri in Argentina, di quello di Honduras e del Brasile “ ha sentenziato Maduro.

Maduro ha criticato il governo di Maurizio Macri in Argentina. Il presidente ha detto di “voler piangere” quando pensa alla riforma sulle pensioni portata avanti dal governo Macri. “Una riforma approvata tra proteste che hanno lasciato una scia di feriti” ha ribadito Maduro e aggiunto “Macri vuole togliere la pensione ai poveri pensionati.”

“Invece, bisogna proteggere ai più deboli e bisognosi, gli anziani, i lavoratori i bambini, il popolo: questo è il nostro modello” ha ribadito Maduro.

Ultima ora

08:07Svezia: esplosione a Malmo, arrestati due sospetti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Due giovani sui 20 anni sono stati arrestati a Malmo perchè sospettati dell'attentato avvenuto ieri sera ai danni di una stazione di polizia della cittadina svedese, che avrebbe avuto come obiettivo proprio le forze dell'ordine. Lo scoppio, fortissimo, sarebbe stato provocato, secondo gli ultimi accertamenti, da un oggetto esplosivo contenente trotile (simile al tritolo) e non da una bomba a mano come riferito in un primo momento. E' stato udito in tutta la città, e ha danneggiato l'ingresso della stazione di polizia di Rosengard, nel quartiere di Helsingborg, e alcune auto parcheggiate nelle vicinanze, senza causare danni alle persone. Gli arresti sono stati confermati da fonti della polizia, ma devono ancora essere convalidati. La polizia ritiene che il gesto intimidatorio fosse "direttamente indirizzato alla polizia e alla sua attività". Sarebbe quindi da far risalire alla criminalità comune e non a un atto terroristico

08:04Mo: attentato contro rabbino, uccisi 2 palestinesi

(ANSA) - TEL AVIV, 18 GEN - Al termine di un prolungato scontro a fuoco l'esercito israeliano ha ucciso la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) due palestinesi responsabili, secondo la versione ufficiale, della uccisione di un rabbino avvenuta una settimana fa. Uno di essi era figlio di un dirigente di Hamas. Lo riferisce la radio militare secondo cui altri membri della stessa cellula sono stati arrestati. Feriti due militari israeliani, uno dei quali versa in condizioni gravi.La radio militare ha precisato che nell' operazione un'unità di elite israeliana ha localizzato i ricercati in un edificio ed ha ingaggiato uno scontro a fuoco. Ma presto è stata circondata da centinaia di abitanti del rione che hanno scagliato contro i militari sassi ed altri oggetti. Di conseguenza altre unità dell'esercito hanno fatto ingresso a Jenin. L' operazione si è conclusa con la demolizione dell' edificio dove si nascondevano i ricercati palestinesi.

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

23:04Calcio: Crotone, preso in prestito Benali dal Pescara

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Il centrocampista Ahmad Benali è un nuovo calciatore del Crotone. L'annuncio è stato dato dalla società che ne ha ottenuto il prestito con diritto di riscatto dal Pescara. Ventisei anni, Benali è nato a Manchester, naturalizzato libico, cresciuto nel Manchester City. Nel 2012 ha giocato a Brescia (Serie B) prima di passare al Pescara, dove ha ottenuto la promozione in Serie A nella stagione 2015/16. Lo scorso anno ha messo a segno, alla sua prima stagione nella massima serie, 6 reti, mentre nei primi mesi dell'attuale stagione ha realizzato 4 gol in 15 presenze, sempre col Pescara. Ha già preso parte al primo allenamento con i nuovi compagni.

Archivio Ultima ora