Riecco Juve-Roma: centimetri, dispetti e rancori

Pubblicato il 21 dicembre 2017 da ansa

Totti: 4 gol… e tutti a casa


ROMA. – Il miglior attacco all’assalto della difesa meno battuta nel match clou di sabato, con la quasi certezza che a una delle due tifoserie il panettone andrà di traverso. Juve-Roma dagli anni ’80 ha spesso scritto la storia della serie A con una rivalità a volte velenosa, ma stavolta conterà non perdere punti che favorirebbero Napoli e Inter, il resto del poker protagonista della corsa scudetto.

La consueta sfida del gol Higuain-Dzeko è una chiave lettura parziale del match che vede al proscenio i due ex Pjanic e Benatia (Szczesny può rimpiazzare Buffon in dubbio) in una Juve che sta scoprendo la ricchezza della sua rosa gestita con mestiere da Allegri. La Roma procede a fari spenti per la gara in meno da recuperare, ma Di Francesco, che sta convincendo gli scettici con un ottimo girone d’andata e un girone di Champions prestigioso, è incappato nel primo flop: esagerando col turnover ha subito il ko col Toro in Coppa Italia.

Non ci sarà quindi un altro Juve-Roma nei quarti 10 giorni dopo la sfida in campionato. La Roma continua a segnare poco in rapporto a quanto crea col corollario dei legni colpiti e dei rigori sbagliati. Ci vorrà tutt’altro approccio sabato con una Juve che sembra avere trovato la forma migliore. Per la Roma del resto uscire indenne da casa Juve è sempre stata un’impresa: non vince a Torino da quasi otto anni (da allora un pari e sei sconfitte) e si è imposta solo in tre delle ultime 23 gare.

Tra le due grandi nemiche sono banditi gli incontri banali. Dai centimetri del famigerato gol annullato a Turone al 4-0 ‘e tutti a casa’ di Totti, dal gol scudetto di Cuccureddu nella chiacchierata sfida del 1973 alla rimessa di Aldair ‘sporcata’ dal guardalinee: tra bianconeri e giallorossi, è storia di rivalità e di veleni che hanno infiammato gli ultimi decenni.

 

Botte e risposte memorabili hanno dato sapore anche alle contese del passato remoto. Si comincia con la Juve che infrange il tabù di campo Testaccio con un 2-3 nel 1930. Ma una tremenda vendetta si consuma l’anno dopo con un 5-0, che ispirera’ il film di Mario Bonnard, con doppietta di Bernardini. Controreplica al fiele, un devastante 7-1 in casa nel 1932, maggiore score in 87 anni.

La Roma assesta un 3-1 nel 1936 violando un campo imbattuto da quattro anni. Palla al centro e a randellare e’ la Juve: 2-0 nel 1942 a una Roma verso lo scudetto, poi prende a schiaffoni gli avversari nel 7-2 del 1950 con tris di Hansen. Vendetta nel 1958 con il 4-1 alla super Juve di Charles e Sivori.

 

Passano 15 anni e la Roma nel 1973, grazie alla ‘fatal’ Verona del Milan, regala l’insperato scudetto: il vecchio Altafini e un siluro di Cuccureddu fanno il resto. La Roma di Liedholm e Falcao si presenta agguerrita alla sfida scudetto il 10 maggio 1981: Turone segna di testa ma il gol viene annullato per un fuorigioco che fa discutere per decenni.

Arriva Falcao, la Roma vince lo scudetto del 1983, la Juve lo ritarda imponendosi all’Olimpico 2-1. Tre anni dopo, la grande illusione: Juve rincorsa e abbattuta 3-0 poi raggiunta in classifica prima dell’harakiri con il Lecce. Poi dopo un 5-0 nel 1990 con tris di Schillaci, nel ’95 nuove scintille: un guardalinee urta Aldair mentre rimette il pallone in gioco, assist per Ravanelli che segna.

La Roma si vendica vincendo lo scudetto 2001 anche con un 2-2 in rimonta (Nakata e Montella) a Torino, poi con Totti e Cassano infligge un poker nel 2004 col capitano che mima un gesto, 4-0 e tutti a casa, benzina sul fuoco per nuove polemiche moltiplicate dalla fuga di Capello alla Juve che incappera’ in calciopoli, oltre ai veleni tra Moggi e Baldini, ai dispetti di mercato.

Ma quel gesto del capitano porta male alla Roma che da allora raccoglie briciole. Pausa con successo esterno per 2-1 con gol di Riise in recupero nel 2010 (ultimo successo esterno), poi altri due ceffoni (4-0 e 4-1 a Torino) fino all’1-0 del febbraio 2013 firmato Totti. Ma da allora la Roma subisce. Il ko che pesa di più è il 3-2 2014: veleni come se piovessero per i tre gol juventini (secondo la Roma due rigori inesistenti e un eurogol di Bonucci con Vidal in fuorigioco).

Dzeko firma il 2-1 dell’agosto 2015 con la Juve ultima a zero punti, prima della grande rimonta che porta allo scudetto anche con l’1-0 nel ritorno con genialata di Dybala. Poi nuovo 1-0 firmato Higuain e perentorio 3-1 col sigillo di Naingoolan, sulla strada del secondo posto. Ora l’ennesima resa dei conti sabato tra due super team costruiti per vincere con la Juve favorita e la Roma pronta a misurare la consistenza dei suoi progressi.

Ultima ora

20:45Pd: Renzi, candideremo Paolo Siani e Carla Cantone

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Ho scelto di iniziare con il primo nome per il Parlamento con un uomo che vive in una delle realtà in cui abbiamo fatto più fatica, in un'area culturale alla quale siamo orgogliosamente affini e che lavora in prima linea tutti i santi giorni: Paolo Siani è il nostro primo candidato. Già nelle prossime ore annunceremo altre personalità: abbiamo chiesto a una personalità della Cgil, Carla Cantone, e lei ha accettato". Lo annuncia Pd Matteo Renzi, a quanto si apprende, alla direzione Pd.

20:36Torino: p.za San Carlo, su reperti si cerca spray urticante

(ANSA) - TORINO, 17 GEN - Ventuno indagati e 346 persone offese, tra cui i familiari di Erika Pioletti. Sono i numeri della maxi inchiesta della procura di Torino sui fatti di piazza San Carlo, dove la sera del 3 giugno, durante la proiezione della finale di Champions League, ondate di panico tra la folla portarono a circa 1.500 feriti e alla morte della Pioletti. Domani, nei laboratori del Gabinetto di polizia scientifica interregionale della polizia a Torino, le parti sono state convocate in occasione di un accertamento tecnico "non ripetibile". La procura affiderà agli specialisti dei laboratori di chimica forense il compito di cercare, sui materiali recuperati nella piazza e messi sotto sequestro a scopi investigativi, eventuali residui di spray urticante. L'obiettivo è vagliare la tesi secondo cui a scatenare il panico furono i "cattivi odori" segnalati da alcuni fra i presenti. Tra gli indagati ci sono il prefetto Renato Saccone, l'ex questore Angelo Sanna, la sindaca Chiara Appendino.

20:33Triplice omicidio San Paolo, confermate condanne sicari

(ANSA) - BARI, 17 GEN - Sono diventate definitive le condanne inflitte con rito abbreviato nei confronti dei responsabili dell'omicidio del boss del quartiere San Pasquale di Bari Giacomo Caracciolese, ucciso il 5 aprile 2013, del triplice omicidio del quartiere San Paolo del 19 maggio 2013, in cui furono uccisi a colpi di Kalashnikov Vitantonio Fiore, Antonio Romito e Claudio Fanelli, e del tentato omicidio del pregiudicato Domenico Cantalice. La Cassazione ha rigettato i ricorsi di accusa e difese e ha confermato le condanne inflitte in secondo grado: 18 anni per il pregiudicato Donato Cassano, reo confesso dell'omicidio Caracciolese e 20 anni per Nicola Fumai, tra i sicari del triplice omicidio. Non è ancora definitiva, invece, la pena nei confronti di Antonio Moretti, reo confesso del triplice omicidio, condannato con rito ordinario a 30 anni di reclusione. Per il tentato omicidio Cantalice confermate le condanne a 10 anni per Vito De Tullio, a 8 anni per Luigi Milloni, a 7 anni e 4 mesi per Vito Milloni e Michele Lanave.

20:28Uefa: fairplay dà frutti, ricavi club +10%

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Il fair play finanziario ha trasformato il calcio economicamente, creando una maggiore stabilità e sostenibilità fra i club delle massime divisioni europee": lo scrive l'Uefa nell'ultima relazione comparativa sulle licenze per club, in cui rileva come i ricavi, gli investimenti e i trend di redditività "sono in continuo aumento". "Per la prima volta, gli investimenti dei club in stadi e altre attività a lungo termine - scrive il presidente Uefa, Aleksander Čeferin, nella prefazione - hanno superato il miliardo nel 2016". I 700 club delle massime divisioni stanno registrando una crescita annuale dei ricavi di quasi il 10%. Per trovare un tasso di crescita maggiore occorre tornare al 2002. Nei primi 15 campionati europei, ben 40 club dal 2010 sono finiti in mano a investitori stranieri e la Cina è stato il Paese più attivo (70%) delle ultime due stagioni.

20:25Calcio: Handanovic, Inter è gruppo unito grazie a Spalletti

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - ''Ora siamo un gruppo unito e il merito è molto di Spalletti ma anche dei ragazzi. Abbiamo ottimi calciatori, persone a posto e normali. Questo serve al gruppo per non uscire dalle righe''. E' il pensiero del portiere dell'Inter Samir Handanovic che si racconta a Inter Tv. Un passato all'Udinese in cui era stato allenato proprio da Spalletti ''con lui ero secondo portieri'' poi, con la maturità, l'arrivo in nerazzurro: ''Era un obiettivo. Il passo successivo era andare in un grande club. Se sono una bandiera? Qui sto bene e abbiamo tutto a disposizione per fare risultati e per riportare l'Inter dove merita. Se resto per sempre? Vediamo''. Handanovic è soddisfatto della Var anche se ''toglie un po' di emozione per colpa delle tempistiche''.

20:25Pd:Renzi,stop discussioni su dopo,ora casa per casa

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "La discussione interna al partito sul dopo propongo di farla dopo le elezioni: in questi 46 giorni, si va casa per casa. Ogni ragionamento sul dopo si fa dopo. Il messaggio al Pd è basta discussioni e polemiche, ora a testa alta in campagna elettorale". Lo dice il segretario Pd Matteo Renzi, a quanto si apprende, in direzione.

20:22Tangenti sanità: medico e imprenditori assolti a Foggia

(ANSA) - BARI, 17 GEN - Il Tribunale di Foggia ha assolto "perché il fatto non sussiste" l'imprenditore barese Claudio Tarantini, l'ex primario di ortopedia dell'ospedale di San Severo Luigi Fantasia e l'imprenditore foggiano Vincenzo Nuzziello. Tutti e tre gli imputati rispondevano di corruzione, il medico anche di truffa aggravata. I fatti contestati risalgono agli anni 2005-2010 e con l'assoluzione è stato anche disposto, dopo quasi dieci anni il dissequestro dei beni degli imputati. Il processo costituisce uno stralcio della più ampia indagine barese sui presunti appalti truccati nella sanità pugliese che a Bari ha portato all'apertura di oltre dieci inchieste in alcune delle quali è coinvolto anche Gianpaolo Tarantini, fratello di Claudio, al centro dello scandalo delle escort portate alle cene a casa di Silvio Berlusconi. La vicenda foggiana riguardava forniture milionarie di apparecchiature ortopediche affidate dal primario alle aziende dei due imprenditori in cambio di soggiorni in alberghi e spese per congressi medici.

Archivio Ultima ora