Coppa del mondo, Snowboard: Visintin e Moioli, festa Italia a Cervinia

Coppa del mondo
Snowboard: Visintin e Moioli, festa Italia a Cervinia

ROMA. – L’Italia dello snowboard lancia i primi acuti verso i Giochi di PyengChang. Doppietta azzurra nella specialità crosso nella prova di Coppa del mondo che, dopo 10 anni, ha fatto tappa sulla pista ’26’, a Cervinia (Aosta): Michela Moioli e Omar Visintin hanno vinto le big final femminile e maschile.

Ad aprire le danze la 22enne bergamasca, capace di conquistare la settima affermazione in carriera (la 47/a nella storia azzurra). Nulla ha potuto lo squadrone francese, costretto ad accontentarsi delle posizioni che vanno dal 2/o al 5/o posto. La portacolori dell’Esercito recupera terreno nella classifica di specialità, dove sale al terzo posto con 3.230 punti contro i 3.380 di Lindsey Jacobellis e i 3.300 della transalpina Chloe Trespeuch.

“Ero molto tesa e un po’ spenta, non mi sentivo le gambe forti, sia nei quarti che in semifinale, una volta arrivata in finale mi sono detta che non avevo nulla da perdere ho tirato fuori gli artigli, perché avevo di fronte uno squadrone francese molto forte, che avrebbe potuto fare gioco di squadra per arrivarmi davanti. E’ la seconda vittoria in pochi giorni dopo Montafon, spero di essere sulla strada giusta”, le parole dell’azzurra.

Vittoria al fotofinish, invece, per Visintin: l’altoatesino, a digiuno di successi sul circuito da quasi quattro anni, ha dato vita a un bel testa a testa con Pierre Vaultier, piegato di un soffio sul traguardo, mentre Alex Pullin ha concluso al terzo posto. Per Visintin, vincitore della classifica generale nella stagione 2013/14, si tratta del terzo trionfo in carriera (l’Italia tocca invece quota 39), che gli consente di rientrare in gioco nella classifica generale dove occupa la 5/a posizione.

“Oggi non ce n’era per nessuno – racconta l’alpino di Lagundo -, in partenza andavo bene, ma altri avversari erano più veloci di noi, poi sono sempre riuscito a scatenarmi da metà tracciato in giù. Sapevo di essere competitivo, questo è solo il risultato della mia tenacia; la vittoria è molto importante in vista delle Olimpiadi”.