L’Italia nella lotta dei diritti umani nel mondo


CARACAS – In occasione della Giornata mondiale dei diritti umani,  Angelino Alfano ministro degli Affari Esteri, ha dichiarato che l’Italia lavora in prima linea a favore dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite che si incarica di costruire società dove siano riconosciuti i diritti umani, la libertà, la giustiza e la democrazia e che favoriscano il dialgo rispettoso delle diversità.

“L’Italia si concentra in maniera speciale anche se non esclusivamente, sui diritti delle donne e dei bambini, sulla libertà di religione sui diritti appartenenti alle minoranze di credo e sulla moratoria universale della pena di morte”, ha dichiarato Alfano, “ci occupiamo anche dei diritti umani dei migranti soprattutto per coloro che sono in condizioni più vulnerabili.”

Per concludere il ministro afferma: “Abbiamo la piena convinzione che per conseguire la pace e la tranquillità internazionali è necessario proteggere e promuovere il rispetto, la dignità e i diritti umani di tutti gli individui”.