Calciomercato: Barça, ecco Coutinho e De Vrij. Roma c’è Darmian

Pubblicato il 02 gennaio 2018 da ansa

Calciomercato: Barca, ecco Coutinho

 

ROMA. – Da domani ricomincia il calciomercato, con l’inizio della ‘finestra invernale’ che si concluderà a fine mese. Per alcuni scontenti dell’attuale sistemazione sarà l’occasione giusta per cercare spazio altrove, magari realizzando il sogno che si chiama Premier, oppure Real Madrid o Barcellona.

E’ il caso di Paulo DYBALA, che i tabloid continuano a dare in avvicinamento al Manchester United: l’ultima voce è che Josè Mourinho pur di avere l’ex del Palermo sarebbe disposto a inserire nella trattativa Paul POGBA, che tornerebbe a Vinovo accompagnato da un conguaglio di 100 milioni di euro.

E in tema di fantamercato c’è anche questa: il Real Madrid è pronto a mettere sul mercato Toni KROOS per fare cassa e arrivare al sogno NEYMAR. Lo riportano ‘Mundo Deportivo’ e ‘Don Balon’, precisando che il centrocampista tedesco piace al Manchester United, al City e al Psg.

C’è poi il caso di Philippe COUTINHO, del quale si ricomincia a parlare a Barcellona. I ‘blaugrana’, pur di averlo subito, sarebbero disposti a pagare al Liverpool 150 milioni, una piccola parte dei quali verrebbero recuperati tramite cessioni di alcuni che finora hanno giocato meno, come Gerard DEULOFEU (che piace all’Inter, ma lo vorrebbe in prestito), ARDA TURAN e ALEIX VIDAL. Nella lista della spesa ‘blaugrana’ c’è anche il laziale Stefan DE VRIJ.

Secondo quanto scrive il ‘Mundo Deportivo’, l’olandese sogna il Barcellona, che lo ha fatto seguire più volte, e per questo continua a prendere tempo sia davanti alle proposte dell’Inter che a quelle di rinnovo (a cifre inusuali per la Lazio) da parte del presidente Claudio Lotito. Ma De Vrij spera di prendere il posto del ‘Jefecito’ MASCHERANO, che andrà in Cina. Va detto che il Barcellona in Italia segue anche Kalidou KOULIBALY del Napoli.

In casa Juventus Marko PJACA avrebbe scelto di andare in prestito allo Schalke 04, club dal quale partirà a giugno Leon GORETZKA, ma non per vestire il bianconero: il talento originario di Bochum firmerà infatti per il Bayern Monaco.

La Roma proverà a cedere a gennaio BRUNO PERES, che piace al Benfica, per liberare un posto sulla fascia che sarebbe preso da Matteo DARMIAN, in uscita dal Manchester United. Gli altri elementi nel mirino dei dirigenti di Trigoria sono ALEIX VIDAL e Sime VRSALJKO, che però sembra intenzionato a rimanere nell’Atletico Madrid.

Con il Sassuolo sarebbe già tramontata la possibilità di uno scambio Cengiz UNDER-Matteo POLITANO. Il Milan cerca un’alternativa a Franck KESSIE’, il cui rendimento finora non è stato convincente. Tre i nomi sul tavolo dei rossoneri spicca quello del nazionale belga Moussa DEMBELE’, che fa panchina al Tottenham. Ma la dirigenza rossonera segue anche Milan BADELJ della Fiorentina, che a giugno si svincola, e Jakub JANKTO dell’Udinese.

A Bologna tiene banco il caso di Simone VERDI, cercato da Inter e Napoli. In particolare De Laurentiis potrebbe giocare d’anticipo e proverà a convincere il Bologna a cedere il suo miglior talento mettendo sul piatto il prestito di Marko ROG, che piace molto al tecnico degli emiliani Roberto Donadoni. E’ da convincere anche il giocatore, che aveva detto di voler rimanere in rossoblù fino a giugno.

La Fiorentina ha invece messo nel mirino Soualiho MEITE’, 23enne centrocampista del Monaco, che però ha un ingaggio di 1 milione di euro a stagione: è un grosso ostacolo alla trattativa.

Alla ricerca di una salvezza quasi impossibile è il Benevento, che ha messo a segno alcuni colpi. Il primo è GUILHERME, 26enne centrocampista brasiliano in scadenza con il Legia Varsavia, dove in questa stagione ha messo insieme cinque gol e due assist in 22 partite. Il secondo acquisto dei sanniti è quello di Jean-Claude BILLONG, difensore centrale francese del Maribor, mentre un altro brasiliano, l’ex Tottenham SANDRO, ha svolto le visite mediche e ora dovrebbe firmare il contratto.

Si muove anche un’altra neopromossa, la Spal, vicina a Pajtim KASAMI, ex Palermo e ora al Sion, dove non si trova benissimo: per questo gradirebbe tornare in serie A e ha già fatto sapere che Ferrara sarebbe una destinazione gradita. Per la difesa si sta tentando di far tornare dal Torino Kevin BONIFAZI. L’alternativa è EVERTON LUIZ del Partizan Belgrado. Era stato offerto anche l’altro brasiliano EMERSON SANTOS, del Botafogo, che però alla fine ha scelto il Palmeiras.

Ultima ora

16:45Soldi da abusivi case popolari,arrestato ispettore Ps Foggia

(ANSA) - FOGGIA, 18 GEN - Un ispettore della polizia di Stato, Domenico Tateo, di 47 anni, di Bari, in servizio presso la Squadra Volanti della questura di Foggia, è stato arrestato per concussione e posto ai 'domiciliari'. A quanto si è appreso, è accusato di aver chiesto somme di danaro a persone che alloggiano abusivamente in immobili del Comune in cambio di protezione. L'arresto è stato eseguito da agenti della Squadra mobile sulla base di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica. Le indagini sono state svolte dai militari della Guardia di Finanza di Lucera, con i quali ha collaborato la Squadra mobile di Foggia. (ANSA).

16:43Calcio: Juve, Bernardeschi “corsa scudetto a due ma è lunga”

(ANSA) - TORINO, 18 GEN - Per lo scudetto 2018 "per adesso è una corsa a due, tra noi e il Napoli, ma il calcio è strano e il campionato è ancora lungo, vedremo più avanti". Così Federico Bernardeschi, l'autore del gol grazie al quale la Juventus ha vinto a Cagliari prima della sosta. L'ex Fiorentina ha visto un 'altro' Higuain: "L'anno scorso segnava tanto, ma corre e si sbatte, sta facendo un lavoro 'sporco' per aiutare i compagni. Quanto al gol (manca da 527', ndr) è serenissimo, è tranquillissimo e capitano aglio attaccanti periodi così".

16:38Kosovo: a Belgrado folla commossa a funerali Oliver Ivanovic

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 GEN - Una folla commossa e silenziosa ha partecipato oggi al cimitero di Belgrado alla cerimonia funebre in memoria di Oliver Ivanovic, il noto esponente politico della comunità serba in Kosovo ucciso a colpi d'arma da fuoco in un agguato martedì scorso a Kosovska Mitrovica. A dare l'estremo saluto a Ivanovic vi erano esponenti politici, rappresentanti della società civile, della cultura, dello sport, dello spettacolo. Ma sopratutto centinaia di comuni cittadini che hanno deposto fiori e acceso candele per rendere omaggio a un uomo considerato uno strenuo difensore degli interessi dei serbi del Kosovo.

16:20Sicurezza: Gabrielli, noi stufi fare ‘foglie fico’

(ANSA) - VERCELLI, 18 GEN - "Nel momento in cui avvengono fatti gravi, il magistrato va a cercare una posizione di garanzia, e molto spesso il questore è il soggetto a cui riferire le responsabilità. Torino docet. Quindi noi abbiamo detto basta, siamo stanchi di fare le foglie di fico rispetto a responsabilità che non sono le nostre". Così il capo della Polizia Franco Gabrielli a Torino rispondendo ad alcune domande sulla circolare per la gestione delle manifestazioni pubbliche che stabilisce precise responsabilità su safety e security. "Il fatto che oggi qualcuno non faccia gli eventi perché non ha i soldi, mi fa sorgere il fondato sospetto che prima si facevano le cose così, perché si è sempre fatto", aggiunge Gabrielli, ricordando che "più che la famigerata circolare Gabrielli esiste un secondo comma dell'articolo 40 del codice penale, secondo il quale chi ha l'obbligo giuridico di impedire che avvenga un tragico fatto, e non lo impedisce, equivale a cagionarlo: e quello è il fondamento del reato colposo".(ANSA).

16:16Calcio: Rosetti,al momento challenge allenatori non previsto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se è prevista in futuro la chiamata della Var da parte degli allenatori? Il Var è un protocollo internazionale Ifab ed è questo che determina la stesura delle regole. In questo momento il challenge non è previsto". Lo dice il responsabile Var in Italia, Roberto Rosetti, a margine di un convegno Ussi a Roma. "A fine stagione - ha specificato Rosetti - faremo una relazione e anche delle proposte. Ma in questo momento dobbiamo lavorare sulle regole. Se mi piace come idea? A me piacciono tante idee...". "Spiegare in diretta al pubblico le decisioni? State correndo troppo - conclude l'ex fischietto internazionale - Anche in questo caso non è previsto come non sono previste le immagini sul maxischermo".

16:15Cadavere uomo in giardino, droga tra ipotesi decesso

(ANSA) - CAMAIORE (LUCCA), 18 GEN - Non si esclude un malore dovuto all'assunzione di droga e al freddo della scorsa notte, come causa del decesso dell'uomo, identificato poi come un tunisino di 43 anni, rinvenuto privo di vita stamani nel cortile di una villa in ristrutturazione in Versilia, a Camaiore (Lucca). E' quanto emerge dagli investigatori. Le indagini sono seguite dai carabinieri. Sarà comunque l'autopsia, affidata al medico legale Stefano Pierotti, a chiarire le cause del decesso. Secondo quanto ricostruito, il nordafricano, già noto alle forze dell'ordine, viveva in una casa poco distante dalla villa, abitazione che aveva ricevuto in eredità da un italiano, deceduto anni fa. L'uomo è stato rinvenuto nudo nel giardino: gli abiti sono stati trovati, a terra, poco lontano.(ANSA). Ad accorgersi del corpo senza vita alcuni passanti che hanno immediatamente allertato i soccorsi.

16:13Obitorio ospedale troppo piccolo,bare con salme in corridoio

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 18 GEN - Lamentele e proteste nell'ospedale di Serra San Bruno per l'impossibilità di collocare le salme di persone decedute nell'obitorio del nosocomio per mancanza di spazi. La direzione dell'ospedale si é vista costretta a fare collocare in un corridoio due bare con le salme, suscitando le proteste dei parenti dei defunti. Nel corridoio in cui sono state collocate le salme, tra l'altro, si é determinato un sovraffollamento per la presenza dei parenti delle persone decedute. Una situazione difficile da gestire per i responsabili dell'ospedale, che già in passato avevano dovuto fare fronte a difficoltà dello stesso tipo. La Direzione sanitaria dell'ospedale ha reso noto, con un comunicato, di avere "ulteriormente sollecitato all'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la soluzione del problema", chiedendo l'ampliamento della sala mortuaria. (ANSA).

Archivio Ultima ora