Pubblica Amministrazione: 2018 anno di assunzioni. Ma i concorsi cambiano

Pubblicato il 03 gennaio 2018 da ansa

 

 

ROMA. – Il 2018 si candida ad essere l’anno in cui la Pubblica Amministrazione riprende ad assumere. Anche perché ci sono 80 mila pensionamenti a cui far fronte, seppure nei limiti del turnover. Vincoli che però sono stati in larga parte superati nei Comuni e che saranno aboliti del tutto dal prossimo anno.

Tanto per cominciare, da inizio mese è partito ufficialmente il piano triennale per la stabilizzazione di circa 50 mila precari storici. I dodici mesi che verranno potrebbero inoltre rappresentare l’ultima chance per 157 mila idonei in concorsi pubblici, visto che la manovra ha prorogato le graduatorie. Di sicuro devono entrare 4 mila vincitori. Ecco che le prime stime sui prossimi anni indicano in più di 120 mila le entrate.

Ma cambieranno le regole di ingaggio. Sono attese, infatti, le linee guida della ministra Madia sulle novità in fatto di selezioni: si va verso prove mirate, più trasparenti, meno frammentarie e ‘international’. Già la riforma del pubblico impiego indica la strada da seguire, dando la possibilità alle amministrazioni centrali di fare perno su una sorta di polo comune. In questo modo si potrebbe risparmiare, probabilmente dando qualche garanzia in più sulla correttezza. Su questa lunghezza d’onda anche il sito unico che raccoglierà tutti i bandi, come annunciato da Madia.

La riforma mette poi l’accento sull’inglese e sui titoli di studio (con l’opportunità di far valere il dottorato di ricerca). E ancora, viene posto un tetto al numero di idonei, che non potranno superare il 20% dei posti in palio. Le graduatorie dovrebbero avere una durata fissa, forse triennale.

Tutti i dettagli saranno presentati in un regolamento che dovrebbe approdare in una delle prossime Conferenze unificate (la prima seduta utile è quella dell’11 gennaio). A questo si accompagnerà il piano sui fabbisogni, che ridisegnerà la mappa degli organici. Nuovi programmi che guideranno le assunzioni, non solo del 2018.

Come aveva avvisato nei mesi scorsi il sottosegretario alla P.a, Angelo Rughetti, in cinque anni usciranno circa 400 mila dipendenti pubblici. Tanto che, per fare un esempio, solo nei comparti funzioni statali ed enti territoriali si stimano 136 mila cessazioni, con un ingresso atteso di circa 124 mila unità, considerando che dal 2019 cadranno definitivamente i paletti al turnover. Al momento invece i vincoli sono ancora al 25% nella P.a centrale e al 75% nei Comuni.

Una mano arriva anche dalla manovra che destina fondi ad hoc per la scuola e la ricerca (in ballo ci sarebbero 20 mila stabilizzazioni). Situazione differente per il personale delle partecipate pubbliche, dove per il riassorbimento degli esuberi, derivanti dai tagli, è scattato il blocco delle assunzioni, che proseguirà fino a giugno. Il decreto per la gestione delle eccedenze è stato appena pubblicato ma alcune delle tappe fissate per l’operazione di mobilità risultano ormai superate. Tra la metà di gennaio e la fine di marzo si dovrà comunque fare il punto.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora