Scuola: l’8 gennaio il primo sciopero del nuovo anno

Presidio Cobas sotto il ministero dell'Istruzione nella giornata di sciopero contro il ddl "buona scuola". ANSA/GIUSEPPE LAMI
Presidio Cobas sotto il ministero dell’Istruzione nella giornata di sciopero contro il ddl “buona scuola”. ANSA/GIUSEPPE LAMI

 

ROMA. – Le vacanze natalizie potrebbero allungarsi di un giorno per alcuni. Lunedì prossimo, 8 gennaio, data in cui suona la prima campanella del nuovo anno dopo la pausa delle festività, è, infatti, in calendario uno sciopero dei docenti della scuola Primaria e dell’Infanzia con una manifestazione nazionale a Roma davanti al ministero dell’Istruzione.

La protesta è stata indetta, a ridosso di fine anno, dai Cobas, insieme ad altre organizzazioni di base, contro quella che viene definita la “vergognosa” sentenza del Consiglio di Stato sui diplomati magistrali. “Questa sentenza – ha spiegato nei giorni scorsi il leader dei Cobas, Piero Bernocchi – pone drammatici problemi, professionali e umani, ai diplomati magistrali. Molti di loro hanno avuto nomine annuali dalle Gae (graduatorie a esaurimento), in diversi sono già stati immessi in ruolo, e ora, oltre alla perdita del posto di lavoro, rischiano di ritrovarsi improvvisamente reinseriti in seconda fascia o, secondo un’interpretazione ancora più penalizzante della sentenza, addirittura in terza fascia”.

Intanto è stato fissato un incontro al ministero dell’Istruzione per trovare una soluzione. Le organizzazioni sindacali rappresentative “non dovranno accontentarsi – esorta alla vigilia del confronto Marcello Pacifico, presidente dell’Anief – di una possibile fase transitoria da introdurre anche per il personale dell’infanzia e della primaria: sarebbe comunque un’ingiustizia, perché l’unica strada percorribile è che tutti i diplomati magistrale iscritti con riserva nelle Gae (graduatorie a esaurimento) siano confermati nei ruoli, subito, a tempo indeterminato e determinato, anche attraverso la riapertura delle Gae per tutto il personale in possesso di abilitazione”.

La vicenda è complessa. Dopo il pacchetto di assunzioni per l’anno scolastico 2017-18, nelle graduatorie a esaurimento di infanzia e primaria risultano iscritti con riserva circa 43.600 docenti. Quando arriverà la sentenza di merito torneranno, se sarà loro sfavorevole (ed è probabile che lo sia visto che il Cds riconosce che il titolo di diploma magistrale è abilitante, ma non dice che debba garantire l’accesso diretto alle Graduatorie a esaurimento, che costituiscono corsia preferenziale per l’assunzione) nelle Graduatorie di istituto.

Non saranno licenziati perché già ora, dalle Gae – spiegano addetti ai lavori – finché non vengono assunti fanno i supplenti. Chi rischia davvero il posto però sono i circa 5.000 già assunti, una parte dei quali, tuttavia, ha avuto sentenze, positive, passate in giudicato. Quindi non tutti dovranno andare via ma solo quelli le cui sentenze di merito saranno negative.