Italia

Tags | ,

Elezioni: lo stato dell’arte di candidati e simboli

Pubblicato il 05 gennaio 2018 da ansa

4 marzo data voto

 

ROMA. – La macchina si è messa in moto. I partiti hanno tempo fino al 31 gennaio per presentare le candidature alle elezioni di marzo. Gli altri devono raccogliere 400 firme per collegio plurinominale, pari a 25mila firme in tutta Italia. Per entrare in Parlamento bisogna superare lo sbarramento del tre per cento o vincere in un collegio uninominale.

CENTROSINISTRA

PD: Matteo Renzi e Paolo Gentiloni sono i capofila della corsa elettorale del Pd. Renzi si dovrebbe presentare in un collegio uninominale in Toscana, Gentiloni a Roma o Torino. Un collegio uninominale (forse a Firenze) è in vista anche per Maria Elena Boschi. Tra i nomi nuovi, l’avvocatessa aggredita con l’acido Lucia Annibali, il virologo Roberto Burioni, l’ex allenatore della nazionale di pallavolo Mauro Berruto. Chi non rivedremo in Parlamento sono Rosy Bindi e la ministra Anna Finocchiaro, che hanno deciso di non ricandidarsi.

INSIEME: nasce dall’unione di tre raggruppamenti: il Psi di Nencini, i Verdi di Angelo Bonelli e una pattuglia di prodiani guidata da Giulio Santaga. Nel simbolo in origine c’era l’Ulivo, ma Prodi non ha gradito e ora sono rimaste solo alcune foglioline.

CIVICA POPOLARE: la neonata formazione dei centristi restati fedeli al Pd è guidata dalla ministra della Salute Beatrice Lorenzin. In Emilia sarà candidato Pier Ferdinando Casini. Angelino Alfano sostiene l’operazione ma non si candiderà. Il simbolo dovrebbe essere quello della Margherita trentina, con qualche petalo in meno rispetto alla Margherita di Rutelli (su cui c’è il suo veto).

+EUROPA: Il ritorno dei radicali in Parlamento è affidata a questa lista guidata da Emma Bonino. Al suo interno l’ex Dc Bruno Tabacci: grazie al suo Centro Democratico già presente in Parlamento non dovranno raccogliere le firme. Tra i candidati il segretario Riccardo Magi e il sottosegretario Benedetto Della Vedova.

CENTRO DESTRA

FORZA ITALIA: Il partito di Silvio Berlusconi non potrà candidare il suo leader. Effetto della legge Severino che dopo la condanna per frode fiscale vieta a Berlusconi di tornare in Parlamento. Tra le new entry si parla dell’ex ad del Milan Adriano Galliani e dei giornalisti Alessandro Sallusti Clemente Mimun.

FDI: Sulla scheda ci sarà di nuovo il tricolore dei Fratelli d’Italia. Insieme alla leader Giorgia Meloni due donne simbolo della destra: Daniela Santanché e Isabella Rauti.

LEGA: la novità più grande è la scomparsa della parola Nord dal simbolo. La Lega si Matteo Salvini vuole sfondare in tutta la penisola. In forse la presenza di Umberto Bossi. Alleati,gli ex An Gianni Alemanno e Francesco Storace.

NOI CON L’ITALIA: la “quarta gamba ” del centrodestra mette insieme i centristi fedeli a Berlusconi. Ci saranno Raffaele Fitto, Maurizio Lupi, Lorenzo Cesa e Enrico Zanetti, detentore del simbolo di Scelta Civica.

RINASCIMENTO: la lista dello storico dell’arte Vittorio Sgarbi e dell’ex ministro Giulio Tremonti è una delle novità delle elezioni. Nel simbolo il tocco michelangiolesco tra la mano di Dio e quella di Adamo.

M5S

M5S: il simbolo resta quello ideato da Beppe Grillo e Davide Casaleggio. Sulle candidature decideranno le parlamentarie a metà gennaio. Per la prima volta porte aperte ai non iscritti e anche ai giornalisti: ci saranno Gianluigi Paragone (La gabbia) Emilio Carelli (ex Mediaset e Tg di Sky), la “iena” Dino Giarrusso. E poi il capitano Gregorio De Falco (quello che mise in riga Schettino) e il segretario dell’Adusbef Elio Lannutti.

SINISTRA

LIBERI E UGUALI: i pezzi da 90 della lista della sinistra sono i presidenti di Camera e Senato Laura Boldrini e Pietro Grasso. Simbolo tutto in rosso. In lista ci saranno Pier Luigi Bersani in Emilia e Massimo D’Alema in Puglia.

PRC: l’ex partito di Fausto Bertinotti sarà in lizza, ma le chance di superare la soglia del tre per cento sono poche. Lo guida il nuovo segretario Maurizio Acerbo.

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora