Scontro Pd-Calenda sulla Rai. Renzi frena su stop canone

Pubblicato il 05 gennaio 2018 da ansa

Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda

ROMA. – Si gioca sulla Rai il primo scontro della campagna elettorale. Ed è uno scontro tutto interno al centrosinistra. Perché l’ipotesi che nel programma del Pd venga inserita l’abolizione del canone Rai, fa insorgere il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda: “Sarebbe solo una presa in giro”, scrive. E apre così lo scontro.

La dura replica del Pd viene affidata al sottosegretario Antonello Giacomelli, che rivendica i risultati raggiunti e parla di “discussione aperta” sul futuro. L’abolizione del canone Rai, afferma Matteo Orfini, è “da sempre” una proposta Dem. Ma il dibattito si infiamma e in serata a mettere ordine deve intervenire Matteo Renzi, irritato dalla ruvidezza dell’uscita di Calenda: “Abbiamo iniziato”, ricorda, a tagliare il canone, e “continueremo” a ridurre i costi ma “senza proclami”.

Si valuterà, insomma, ma una proposta tranchant di abolizione della tassa potrebbe non comparire nel programma Pd. L’idea di sostituire il canone con risorse della fiscalità generale e compensarne la cancellazione con un innalzamento dei tetti della raccolta pubblicitaria, è oggetto da qualche tempo di una valutazione nel Pd. Da un lato chi, come Orfini e Michele Anzaldi, sostiene una soluzione radicale, con lo stop al canone e una drastica riduzione degli sprechi. Dall’altro chi è per una linea più ‘soft’ e progressiva.

Il campo, del resto, è minato. E l’anticipazione di Repubblica dell’orientamento di Renzi a proporre al partito l’abolizione, provoca la reazione veemente del sindacato Usigrai (è un “attacco” alla Rai) ma anche i tweet al vetriolo del ministro Calenda: “I soldi dello Stato sono dei cittadini – scrive – e dunque sarebbe solo una partita di giro”. “Ma quale presa in giro – replica Anzaldi – bisogna eliminare sprechi unici, con un risparmio immediato di 500 mila euro. Far risparmiare i cittadini come con lo stop all’Imu”.

E Calenda ribatte con tre argomenti: il governo Renzi ha messo il canone in bolletta e ora “non può promettere il contrario”; si ragioni piuttosto sulla privatizzazione della Rai; è un errore “ricadere su promesse stravaganti a tutti su tutto”. Apriti cielo.

I tweet del ministro irritano non poco il Pd: fuoco amico in piena campagna elettorale. E se lo stop al canone è pensato anche come messaggio per allontanare dal Nazareno l’ombra di larghe intese con il Cavaliere, un alto dirigente Dem a taccuino chiuso dice: “Calenda, al contrario di noi è sensibile alle istanze di Berlusconi, che non vuole abolire il canone perché il simultaneo aumento dei tetti pubblicitari danneggerebbe Mediaset”.

La risposta ufficiale del Pd viene affidata a Giacomelli, che nel ministero guidato da Calenda ha la delega alle Comunicazioni: “Meravigliano fretta e tono di alcune reazioni a una indiscrezione”, scrive, ricordando a chi “allora poneva a Renzi molti dubbi”, i risultati del canone in bolletta. Per il futuro, “discuteremo cosa fare”, precisa, “garantendo comunque il finanziamento del servizio pubblico”. Poi, l’attacco a Calenda: “E’ contraddittorio – nota Giacomelli – difendere l’italianità di infrastrutture strategiche e poi teorizzare la privatizzazione della Rai che finirebbe in mani non italiane”.

Ma Calenda resta sulle sue posizioni (“Dire abolisco il canone danneggia la credibilità del Pd”) e le opposizioni incalzano: “Calenda schiaffeggia mister Etruria”, scrive beffardo Renato Brunetta. E così in serata il segretario Dem, i cui rapporti col ministro sarebbero gelidi, scrive via Twitter e Facebook: “Quando siamo arrivati al Governo, il canone costava 113 euro, adesso 90 euro. Perché se pagano tutti, paghiamo meno. Rivendichiamo la lotta contro l’evasione. Si può garantire il servizio pubblico abbassando il costo per i cittadini. Continueremo. Non ci interessano le polemiche di giornata”.

Da lunedì intanto si intensificherà il lavoro del Pd sulle candidature. Al momento poche caselle sono decise: Maria Elena Boschi dovrebbe correre alla Camera nel collegio Firenze 1, ma ancora non è detto. E anche le ‘quote’ per gli alleati sono tutte da definire. Da “Insieme” Giulio Santagata lamenta la scarsa attenzione di Renzi alla coalizione.

Mentre i radicali di +Europa fanno sapere che scioglieranno la riserva sull’alleanza solo nell’assemblea del 14. Ma il soccorso di Tabacci a Bonino, che elimina il problema della raccolta firme, toglie ai Dem l’urgenza di definire le candidature, dunque la direzione che le ufficializzerà potrebbe tenersi non prima di 15 giorni.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora