Atalanta, Gasperini: “A Roma per riprendere la marcia”

Pubblicato il 05 gennaio 2018 da ansa

 

BERGAMO. – Dopo la sbornia di Coppa Italia, con le semifinali raggiunte a 22 anni di distanza dall’edizione persa all’ultimo atto con la Fiorentina, l’Atalanta si rituffa in campionato per affrontarne la quarta forza a casa sua. L’imperativo della vigilia di Gian Piero Gasperini, atteso a un limitato contro-turnover rispetto al match del “San Paolo” di martedì (Masiello per Palomino dietro e Spinazzola per Gosens a sinistra le certezze), è riprendere la corsa verso posizioni più consone alle ambizioni da regina delle provinciali:

“Dobbiamo calarci subito in questa partita con la Roma, perché settimana scorsa è piovuta inaspettata la sconfitta col Cagliari che ha rallentato il nostro cammino”, è la premessa del tecnico dei bergamaschi, raggiunti in classifica a quota 27 da Fiorentina e Udinese che sono pure in vantaggio negli scontri diretti.

Di sicuro non c’è quasi nulla, men che meno tutti i titolari a riprendersi la ribalta. E chi deve decidere si trincera a metà fra la pretattica e la necessità di tenere sul pezzo uno spettro di alternative il più ampio possibile: “Sulla formazione pesa qualche piccolo acciacco da valutare, ma teoricamente sono tutti a disposizione – osserva Gasperini -. Tra campionato e Coppa Italia in quattro giorni ho cambiato sette giocatori, abbiamo molte soluzioni a disposizione”.

Facile supporre la conferma di Cristante fra le linee piuttosto che il reinserimento di Ilicic dal primo minuto, perché un centrocampista puro in più contro il portatore di palla nel 4-3-3 giallorosso è tatticamente meglio spendibile. Sull’asso della squadra tornato al gol due volte di fila, invece, l’allenatore nerazzurro è netto: “Per me Gomez è tornato sui suoi livelli da ben prima delle reti al Cagliari e il Napoli. Lavora al servizio di tutti, prova la giocata, cerca il dialogo e conclude”.

Sull’avversario di turno, poche parole e l’elogio a fior di labbra per il collega-dirimpettaio: “Ha rallentato un pochino solo nelle ultime settimane, ma ha fatto un ottimo girone d’andata. Ha mantenuto un organico di valore e Di Francesco sta facendo un lavoro egregio”.

Viene spontaneo sottolineare, sulla scorta dello 0-1 firmato Kolarov sotto le Mura Venete nello scorso agosto, la difficoltà atalantina a fare bocconi delle big, messe spesso sotto nella stagione 2016-2017 dei record. A questo giro, solo un punto strappato alla Juventus e alla Lazio, i tre a San Siro al Milan più il trionfo sull’undici di Sarri in coppa: “Il precedente diretto a Bergamo è lo specchio della nostra prima metà di campionato: la prestazione c’è sempre stata, i risultati no, dunque resta il rammarico – conferma il Gasp -. Abbiamo bisogno di fare punti con chiunque, non solo con le grandi, perché la serie A è resa molto più equilibrata dalla lotta a più squadre per le qualificazioni europee e per la salvezza”.

Il pensiero dell’artefice del magic moment orobico è già proiettato al futuro, che a febbraio proporrà la passerella di lusso dei sedicesimi di Europa League: “Siamo in corsa su tre fronti, gli impegni sono enormi, vedi il Borussia Dortmund. Abbiamo ancora il Napoli, quindi tre volte la Juventus comprese le semifinali di Coppa Italia: approfitteremo della pausa del campionato per tirare il fiato”.

Il motore per non restare senza benzina a metà strada è sempre lo stesso, secondo l’autista di una macchina che a tratti sembra da formula uno: “Dobbiamo mantenere l’entusiasmo e la voglia di affrontare tutte queste sfide, in campionato le posizioni si delineeranno tra marzo e aprile. Il livello dei confronti si alzerà sempre di più – chiosa Gasperini -. È raro vedere così tanta gente che aspetta il tuo ritorno alle due del mattino come ci è capitato mercoledì, sono manifestazioni di affetto e di vicinanza alla squadra che fanno estremamente piacere. È qualcosa di speciale che lascia il segno”.

Ultima ora

20:45Pd: Renzi, candideremo Paolo Siani e Carla Cantone

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Ho scelto di iniziare con il primo nome per il Parlamento con un uomo che vive in una delle realtà in cui abbiamo fatto più fatica, in un'area culturale alla quale siamo orgogliosamente affini e che lavora in prima linea tutti i santi giorni: Paolo Siani è il nostro primo candidato. Già nelle prossime ore annunceremo altre personalità: abbiamo chiesto a una personalità della Cgil, Carla Cantone, e lei ha accettato". Lo annuncia Pd Matteo Renzi, a quanto si apprende, alla direzione Pd.

20:36Torino: p.za San Carlo, su reperti si cerca spray urticante

(ANSA) - TORINO, 17 GEN - Ventuno indagati e 346 persone offese, tra cui i familiari di Erika Pioletti. Sono i numeri della maxi inchiesta della procura di Torino sui fatti di piazza San Carlo, dove la sera del 3 giugno, durante la proiezione della finale di Champions League, ondate di panico tra la folla portarono a circa 1.500 feriti e alla morte della Pioletti. Domani, nei laboratori del Gabinetto di polizia scientifica interregionale della polizia a Torino, le parti sono state convocate in occasione di un accertamento tecnico "non ripetibile". La procura affiderà agli specialisti dei laboratori di chimica forense il compito di cercare, sui materiali recuperati nella piazza e messi sotto sequestro a scopi investigativi, eventuali residui di spray urticante. L'obiettivo è vagliare la tesi secondo cui a scatenare il panico furono i "cattivi odori" segnalati da alcuni fra i presenti. Tra gli indagati ci sono il prefetto Renato Saccone, l'ex questore Angelo Sanna, la sindaca Chiara Appendino.

20:33Triplice omicidio San Paolo, confermate condanne sicari

(ANSA) - BARI, 17 GEN - Sono diventate definitive le condanne inflitte con rito abbreviato nei confronti dei responsabili dell'omicidio del boss del quartiere San Pasquale di Bari Giacomo Caracciolese, ucciso il 5 aprile 2013, del triplice omicidio del quartiere San Paolo del 19 maggio 2013, in cui furono uccisi a colpi di Kalashnikov Vitantonio Fiore, Antonio Romito e Claudio Fanelli, e del tentato omicidio del pregiudicato Domenico Cantalice. La Cassazione ha rigettato i ricorsi di accusa e difese e ha confermato le condanne inflitte in secondo grado: 18 anni per il pregiudicato Donato Cassano, reo confesso dell'omicidio Caracciolese e 20 anni per Nicola Fumai, tra i sicari del triplice omicidio. Non è ancora definitiva, invece, la pena nei confronti di Antonio Moretti, reo confesso del triplice omicidio, condannato con rito ordinario a 30 anni di reclusione. Per il tentato omicidio Cantalice confermate le condanne a 10 anni per Vito De Tullio, a 8 anni per Luigi Milloni, a 7 anni e 4 mesi per Vito Milloni e Michele Lanave.

20:28Uefa: fairplay dà frutti, ricavi club +10%

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Il fair play finanziario ha trasformato il calcio economicamente, creando una maggiore stabilità e sostenibilità fra i club delle massime divisioni europee": lo scrive l'Uefa nell'ultima relazione comparativa sulle licenze per club, in cui rileva come i ricavi, gli investimenti e i trend di redditività "sono in continuo aumento". "Per la prima volta, gli investimenti dei club in stadi e altre attività a lungo termine - scrive il presidente Uefa, Aleksander Čeferin, nella prefazione - hanno superato il miliardo nel 2016". I 700 club delle massime divisioni stanno registrando una crescita annuale dei ricavi di quasi il 10%. Per trovare un tasso di crescita maggiore occorre tornare al 2002. Nei primi 15 campionati europei, ben 40 club dal 2010 sono finiti in mano a investitori stranieri e la Cina è stato il Paese più attivo (70%) delle ultime due stagioni.

20:25Calcio: Handanovic, Inter è gruppo unito grazie a Spalletti

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - ''Ora siamo un gruppo unito e il merito è molto di Spalletti ma anche dei ragazzi. Abbiamo ottimi calciatori, persone a posto e normali. Questo serve al gruppo per non uscire dalle righe''. E' il pensiero del portiere dell'Inter Samir Handanovic che si racconta a Inter Tv. Un passato all'Udinese in cui era stato allenato proprio da Spalletti ''con lui ero secondo portieri'' poi, con la maturità, l'arrivo in nerazzurro: ''Era un obiettivo. Il passo successivo era andare in un grande club. Se sono una bandiera? Qui sto bene e abbiamo tutto a disposizione per fare risultati e per riportare l'Inter dove merita. Se resto per sempre? Vediamo''. Handanovic è soddisfatto della Var anche se ''toglie un po' di emozione per colpa delle tempistiche''.

20:25Pd:Renzi,stop discussioni su dopo,ora casa per casa

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "La discussione interna al partito sul dopo propongo di farla dopo le elezioni: in questi 46 giorni, si va casa per casa. Ogni ragionamento sul dopo si fa dopo. Il messaggio al Pd è basta discussioni e polemiche, ora a testa alta in campagna elettorale". Lo dice il segretario Pd Matteo Renzi, a quanto si apprende, in direzione.

20:22Tangenti sanità: medico e imprenditori assolti a Foggia

(ANSA) - BARI, 17 GEN - Il Tribunale di Foggia ha assolto "perché il fatto non sussiste" l'imprenditore barese Claudio Tarantini, l'ex primario di ortopedia dell'ospedale di San Severo Luigi Fantasia e l'imprenditore foggiano Vincenzo Nuzziello. Tutti e tre gli imputati rispondevano di corruzione, il medico anche di truffa aggravata. I fatti contestati risalgono agli anni 2005-2010 e con l'assoluzione è stato anche disposto, dopo quasi dieci anni il dissequestro dei beni degli imputati. Il processo costituisce uno stralcio della più ampia indagine barese sui presunti appalti truccati nella sanità pugliese che a Bari ha portato all'apertura di oltre dieci inchieste in alcune delle quali è coinvolto anche Gianpaolo Tarantini, fratello di Claudio, al centro dello scandalo delle escort portate alle cene a casa di Silvio Berlusconi. La vicenda foggiana riguardava forniture milionarie di apparecchiature ortopediche affidate dal primario alle aziende dei due imprenditori in cambio di soggiorni in alberghi e spese per congressi medici.

Archivio Ultima ora