FI-Lega, nuovo scontro per la leadership e slitta il vertice

Pubblicato il 08 gennaio 2018 da ansa

Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi a margine del vertice ad Arcore, 7 gennaio 2018. ANSA/UFFICIO STAMPA SILVIO BERLUSCONI

 

 

MILANO. – Il passo di lato di Roberto Maroni ha dominato la scena del centrodestra, nel giorno che avrebbe dovuto consacrare il patto stretto domenica ad Arcore fra Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Il sospetto che il presidente uscente della Regione Lombardia sia la carta coperta del leader di Forza Italia per il dopo elezioni ha riaperto gli interrogativi sui rapporti di forza all’interno dell’alleanza.

Nessuno ha avallato ufficialmente l’ipotesi che Maroni (“non chiedo nulla ma sono a disposizione se richiesto”, ha detto) sia davvero in corsa per un ritorno al governo, magari nel ruolo di premier di mediazione fra le diverse anime della coalizione. Ma nessuno l’ha nemmeno smentita categoricamente.

L’entusiasmo mostrato domenica ad Arcore sembra così essersi raffreddato, almeno finché non sarà passato il clamore della rinuncia di Maroni a una ricandidatura alla presidenza della Regione Lombardia, vista come una minaccia soprattutto all’unità della Lega. Sarà un caso, ma la prima riunione operativa dell’alleanza per discutere di programma, è stata rinviata a mercoledì. Il tempo utile a un chiarimento in più.

Il capogruppo leghista alla Camera, Massimiliano Fedriga, ha comunque spiegato che si è trattato soltanto di “ragioni organizzative” e che lo spostamento è stato concordato con FI, FdI e Noi con l’Italia. La giornata è stata tuttavia segnata da contatti febbrili, per chiudere in fretta la partita lombarda e lanciare così la candidatura dell’ex sindaco leghista di Varese, Attilio Fontana.

Ma soprattutto per capire le conseguenze reali della mossa di Maroni sulla sfida per la leadership (e la premiership) del centrodestra, ingaggiata da Berlusconi e Salvini, che puntano a uscire dalle urne con un voto più dell’altro. Berlusconi lavora da federatore, si tiene le mani libere sul futuro inquilino di Palazzo Chigi (anche perché incandidabile) e cerca di mantenersi al centro della scena, proprio come quando domenica ha riaperto le porte di villa San Martino.

Salvini invece è lanciato nella sua corsa, e nella Lega è lui l’unico candidato premier preso in considerazione. Per il resto, ha detto lo stesso segretario federale, se Maroni ha fatto una “scelta personale, la politica deve fare un passo indietro”. E le sue ambizioni, se ci sono, non sono prese in considerazione.

Oltre al patto sul programma – che per Renato Brunetta sarà in “dieci punti precisi, impegnativi, sul fisco, sulla natalità, sulla sicurezza, sulla crescita, sugli investimenti, sulla giustizia” – fra i leader del centrodestra potrebbe essere necessario un patto di lealtà per le scelte dei nomi e dei possibili futuri assetti di governo.

Al tavolo di coalizione si comincerà fra l’altro a discutere dei collegi. Sul veto posto dalla Lega a chi si è “compromesso” con il centrosinistra, per esempio l’ex Flavio Tosi, secondo Ignazio La Russa non ci sono problemi. Ma se nella contrattazione dovesse entrare anche il nome di Maroni, qualcuno potrebbe invece essercene.

(di Alessandro Franzi/ANSA)

Ultima ora

08:07Svezia: esplosione a Malmo, arrestati due sospetti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Due giovani sui 20 anni sono stati arrestati a Malmo perchè sospettati dell'attentato avvenuto ieri sera ai danni di una stazione di polizia della cittadina svedese, che avrebbe avuto come obiettivo proprio le forze dell'ordine. Lo scoppio, fortissimo, sarebbe stato provocato, secondo gli ultimi accertamenti, da un oggetto esplosivo contenente trotile (simile al tritolo) e non da una bomba a mano come riferito in un primo momento. E' stato udito in tutta la città, e ha danneggiato l'ingresso della stazione di polizia di Rosengard, nel quartiere di Helsingborg, e alcune auto parcheggiate nelle vicinanze, senza causare danni alle persone. Gli arresti sono stati confermati da fonti della polizia, ma devono ancora essere convalidati. La polizia ritiene che il gesto intimidatorio fosse "direttamente indirizzato alla polizia e alla sua attività". Sarebbe quindi da far risalire alla criminalità comune e non a un atto terroristico

08:04Mo: attentato contro rabbino, uccisi 2 palestinesi

(ANSA) - TEL AVIV, 18 GEN - Al termine di un prolungato scontro a fuoco l'esercito israeliano ha ucciso la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) due palestinesi responsabili, secondo la versione ufficiale, della uccisione di un rabbino avvenuta una settimana fa. Uno di essi era figlio di un dirigente di Hamas. Lo riferisce la radio militare secondo cui altri membri della stessa cellula sono stati arrestati. Feriti due militari israeliani, uno dei quali versa in condizioni gravi.La radio militare ha precisato che nell' operazione un'unità di elite israeliana ha localizzato i ricercati in un edificio ed ha ingaggiato uno scontro a fuoco. Ma presto è stata circondata da centinaia di abitanti del rione che hanno scagliato contro i militari sassi ed altri oggetti. Di conseguenza altre unità dell'esercito hanno fatto ingresso a Jenin. L' operazione si è conclusa con la demolizione dell' edificio dove si nascondevano i ricercati palestinesi.

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

23:04Calcio: Crotone, preso in prestito Benali dal Pescara

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Il centrocampista Ahmad Benali è un nuovo calciatore del Crotone. L'annuncio è stato dato dalla società che ne ha ottenuto il prestito con diritto di riscatto dal Pescara. Ventisei anni, Benali è nato a Manchester, naturalizzato libico, cresciuto nel Manchester City. Nel 2012 ha giocato a Brescia (Serie B) prima di passare al Pescara, dove ha ottenuto la promozione in Serie A nella stagione 2015/16. Lo scorso anno ha messo a segno, alla sua prima stagione nella massima serie, 6 reti, mentre nei primi mesi dell'attuale stagione ha realizzato 4 gol in 15 presenze, sempre col Pescara. Ha già preso parte al primo allenamento con i nuovi compagni.

Archivio Ultima ora