Antartide, segnali del clima che muta nei luoghi più aridi della Terra

 

ROMA. – Segnali dal clima che cambia in uno dei luoghi più aridi della Terra, le Dry Valley dell’Antartide, vicino alla base americana di Mc Murdo. A partire dal 2001 le temperature più alte stanno infatti modificando l’ecosistema di questi luoghi, come emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Ecology. Coordinati da Walter Andriuzzi, i ricercatori della Colorado State University hanno osservato un declino nella fauna di queste regioni, rappresentata da batteri e vermi microscopici, i nematodi, gli unici organismi che si sono adattati a vivere in condizioni ambientali estreme, con temperature medie di 15 gradi sottozero.

“L’Antartide – ha chiarito Andriuzzi – è un laboratorio naturale perfetto poiché, avendo un numero limitato di specie, i meccanismi di modifica degli ecosistemi possono essere rivelati più facilmente che altrove”. Le Dry Valley, la più estesa superficie libera dai ghiacci in Antartide a causa di scarsa umidità e bassa temperatura, sono tra le aree desertiche più estreme. Secondo gli autori, quanto sta accadendo in questa regione va considerato un campanello d’allarme su come gli ecosistemi rispondono ai cambiamenti climatici.

“Fino al 2001 la regione delle Dry Valley non ha sperimentato un innalzamento delle temperature, che anzi hanno registrato un trend opposto. Improvvisamente nel 2001 – ha spiegato Andriuzzi – questo trend si è arrestato e si è registrato un aumento delle temperature, durato, insolitamente, poche ore o alcuni giorni. Da allora – ha concluso – gli eventi di questo tipo sono stati sempre più frequenti”.