Reyes: “Maduro non ha alcun interesse a continuare il dialogo”

Pubblicato il 09 gennaio 2018 da redazione

 

Le riunioni per raggiungere un negoziato tra le due parti dovrebbero riiniziare l’11 di gennaio in Repubblica Dominicana. A questo riguardo, Reyes ha detto che le richieste rimangono invariate.

Le riunioni per raggiungere un negoziato tra le due parti dovrebbero riiniziare l’11 di gennaio in Repubblica Dominicana. A questo riguardo, Reyes ha detto che le richieste rimangono invariate.

Caracas. – Il primo vicepresidente dell’AN, Julio César Reyes, ha ribadito che l’obiettivo della nuova giunta direttiva del Parlamento è quello di lavorare per un miglior paese e non badare agli annunci presidenziali. Secondo Reyes, questi sono gli obiettivi del parlamento venezuelano. Reyes è dell’opinione che gli insulti di Maduro contro Barboza dimostrino che il presidente non ha alcun interesse che il dialogo tra governo ed opposizione continui.

Le riunioni per raggiungere un negoziato tra le due parti dovrebbero riiniziare l’11 di gennaio in Repubblica Dominicana. A questo riguardo, Reyes ha detto che le richieste rimangono invariate.

L’opposizione si batterà per la liberazione dei prigionieri politici, l’apertura di un canale umanitario e soprattutto, ottenere garanzie per elezioni trasparenti.

In bilico esito dell’incontro in Dominicana

Ma malgrado l’auspicio di Reyes perché riprendano le conversazioni, la verità è che nell’aria si respira un certo disagio.

Esperti sul tema prevedono che non si arrivi a nulla. Ne è testimone la rinuncia presentata da Timoteo Zambrano a proseguire come membro del tavolo per il negoziato. Zambrano dirigente di Un Nuevo Tiempo, il partito di Rosales, ha rinunciato dopo aver ricevuto critiche da un settore dell’opposizione che lo ha accusato di essere un “collaborazionista” del governo di Maduro.

Difatti, larinuncia del dirigenteè un’altrareazione che dimostrala divergenza di opinioni che, purtroppo, sta caratterizzando il Tavolo dell’Unità Democratica. E che chiaramente non favorisce per niente l’opposizione venezuelana.

Il partito UNT non ha ancora eletto il sostituto di Zambrano ma rimane in carica come coordinatore del gruppo di opposizione Julio Borges, ex presidente della AN.

Il dietro front di Zambrano non è l’unico fattore negativo. Gli si sommano le dichiarazioni dei cancellieri di Messico e Cile. Questi avrebbero messo in dubbio di continuare a partecipare come testimoni del processo di dialogo perché non condividono affatto il passo preso dalla ANC di bandire i partiti dell’opposizione che non hanno partecipato alle ultime elezioni.

Il pessimismo degli analisti

Gli esperti non vedono di buon occhio quanto sta accadendo. Il politologo Eduardo Valera è dell’opinione chel’opposizione venezuelana si è presentata al tavolo del negoziato nel “momento peggiore” perché il governo ha fatto un passo in avanti con la ANC. Inoltre, secondo Valera, non giova il fatto che l’opposizione abbia perso le elezioni amministrative e che ci sia una frattura molto seria dentro il MUD. Tutti fattori che il governo approfitta per prendere tempo e ribadire una unica posizione.

D’altra parte, la politologa Maria Puerta Riera pensa che il processo attraversa una fase di stasi. Secondo la Riera, il motore del negoziato è stato il gruppo di paesi amici che hanno favorito una uscita pacifica alla crisi. Ma questi probabilmente si fermino visto il ristagno in cui è caduta l’opposizione con le sue discussioni e divisioni. Mentre il governo, purtroppo, è chiaro che non cederà.

“Non c’è altra uscita che non sia il negoziato politico. Ma dal punto di vista mediatico, quello che si osserva è la lotta quotidiana per poter vivere e in questo contesto, il processo di negoziato è percepito negativamente. Anche perché non c’è una posizione unitaria” ha detto Riera.

Malgrado il pessimismo, Riera pensa che la pressione per arrivare ad una uscita dalla crisi non debba provenire soltanto da un tavolo di negoziato. “La gente si deve organizzare per settori per spingere sugli accordi. Manca l’unione e se si raggiunge, il governo sentirà la pressione,” ha detto Riera.

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora