Sos rifiuti Roma, é scontro. Di Maio: “Pd usa le Regioni”

Pubblicato il 09 gennaio 2018 da ansa

 

ROMA. – E’ un ok condizionato quello della Regione Abruzzo per accogliere una quota aggiuntiva di rifiuti da Roma che, stando al ministro dell’ambiente Gianluca Galletti, rischia un’emergenza. Proprio per questo giovedì si riunirà la giunta del presidente Luciano D’Alfonso, anche per valutare i dati richiesti al Campidoglio su quattro punti. La spazzatura, intanto, diventa sempre più un tema da campagna elettorale: Roberta Lombardi sfida Nicola Zingaretti a un confronto tv per “fare chiarezza sulle responsabilità”, mentre in Assemblea capitolina il Pd porta sacchetti della spazzatura per protesta.

“Raggi spieghi dove vuole portarli”, attaccano i dem. In serata una nota dell’Ama spiega di aver siglato un accordo annuale con una società di Aprilia per lo smaltimento di 40mila tonnellate di rifiuti indifferenziati. “La regione Emilia ha un costo di 180 euro a tonnellata, l’Abruzzo di 150 euro a tonnellata. Noi per far risparmiare i romani scegliamo quella che ha meno costi – contrattacca il candidato premier M5S Luigi Di Maio -. I presidenti di Emilia-Romagna, Abruzzo e Lazio sono dello stesso partito (Pd, ndr); usano i romani, temporeggiando maliziosamente, per la campagna elettorale”.

Naufragata la soluzione Emilia Romagna – “tariffe esorbitanti” ha tagliato corto il Campidoglio -, l’Abruzzo offre una mano. “Non ci sottrarremo a una collaborazione istituzionale, ma ho chiesto che vi sia chiarezza su quattro condizioni – scrive su Fb il governatore Pd dell’Abruzzo Luciano D’Alfonso -: il quantitativo dei rifiuti oggetto dell’emergenza, l’arco temporale in cui si dispiegherà, l’itinerario dei camion adibiti al trasporto e l’impatto sulla viabilità minore, una volta che i mezzi usciranno dall’autostrada; il quadro complessivo dello sforzo straordinario che intende attuare il Comune di Roma, per capire in quali termini verrà risolta l’emergenza”.

“Non mi piace temporeggiare – risponde a Di Maio -, ma voglio avere un quadro complessivo della situazione chiaro e circostanziato”. E Zingaretti conta su “un esito positivo in pochi giorni”. “Dopo l’Epifania, la produzione di rifiuti cala drasticamente, anche per questo continueremo a recuperare le criticità riscontrate durante le feste di Natale – dice il presidente Commissione ambiente Campidoglio Daniele Diaco (M5S)- . Tra cinque giorni la situazione sarà meglio che oggi e, man mano che avanziamo con le nostre soluzioni strutturali su raccolta, impianti e mezzi, saranno sempre meno quelli che potranno fare speculazioni politiche o tariffe esorbitanti”.

L’Abruzzo é più gradito alla municipalizzata Ama. Il problema é che, come nel caso del presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini, M5S rischia di dover dire grazie a un Ente governato dai dem, non il massimo in campagna elettorale per le politiche. Un’ombra che pesa su tutti gli interventi sul tema rifiuti.

“Serve subito un piano per lo smaltimento integrale dei rifiuti romani nella stessa Capitale – dice il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti -. Altrimenti il problema diventerà davvero grave, e rischieremmo anche l’intervento dell’ Unione europea”. Come avvenne per la mega discarica di Malagrotta alcuni anni fa. La Commissione Ue fa sapere con un portavoce di essere “consapevole delle difficoltà nella gestione dei rifiuti a Roma e nel Lazio”, che “il network regionale delle installazioni per lo smaltimento non appare pienamente operativo”.

“Per il momento”, tuttavia, “non ci sono prove chiare di infrazioni” delle direttive Ue. Contro la giunta Raggi anche l’ex grillino Federico Pizzarotti, sindaco della Parma che avrebbe potuto bruciare parte dei rifiuti di Roma. “In questo gioco del torello del Movimento 5 Stelle, a rimetterci sono la Capitale d’Italia e i suoi cittadini – dice -. I grillini si professano diversi dagli altri ma alla fine dimostrano di dare la precedenza alle strumentalizzazioni politiche”.

(di Luca Laviola/ANSA)

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora