In arrivo gli aiuti economici per migliorare i servizi consolari

Fabio Porta
L'on Fabio Porta intervistato dal direttore de La Voce d'Italia, Mauro Bafile.
Fabio Porta
L’on Fabio Porta intervistato dal direttore de La Voce d’Italia, Mauro Bafile.

 

Dall’on. Fabio Porta riceviamo il seguente comunicato che volentieri pubblichiamo.

I Direttori Generali del MAECI Sabbatussi e Vignali, hanno confermato la notizia del Ministro degli Esteri Alfano dell’erogazione dei primi 4 milioni di euro per il miglioramento dei servizi consolari soprattutto nel Sud America.

Sono state suddivise le quantità proporzionalmente a quanto ogni consolato ha apportato grazie alle domande di cittadinanza. Avranno maggiore priorità i consolati di Argentina, Brasile, Uruguay e Venezuela. Il prossimo trasferimento riguarda le somme del 2016 e il primo trimestre del 2017 e poi si continuerà successivamente anno per anno.

Per esempio i consolati di San Paolo o Buenos Aires potranno ricevere una quantità tra i 250-400 mila euro, mentre quello di Montevideo sui 170 mila. È importante ricordare che tali somme saranno destinate a migliorare i servizi e contrattare personale per poter agevolare e smaltire le lunghe attese per le pratiche di cittadinanza. Dopo molti anni di riduzione di personale si assumeranno circa 350 nuovi impiegati tra i quali anche personale a contratto locale, i quali serviranno a rafforzare la rete consolare.

È un avvenimento molto importante che permetterà alle reti consolari delle nostre grandi collettività di italiani all’estero di poter risolvere autonomamente le molte esigenze che si presentano.

Abbiamo risposto con i fatti  e soluzioni alle tante parole vuote e azioni inutili di chi, durante gli anni precedenti, si è solo lamentato senza darsi da fare per risolvere le diverse problematiche dei servizi consolari e per poter rispondere ai bisogni della nostra grande collettività. Sarà costante il nostro impegno sia in Parlamento che nel Governo con la convinzione di chi sta facendo bene il proprio lavoro e di potere fare sempre di più.