Gentiloni: “No a fiera dell’odio e delle paure”

Nello Musumeci e Paolo Gentiloni

ROMA. – C’è il rischio astensionismo? “Un po’ dipende anche da noi: partecipare è importante sempre, questa volta lo è particolarmente, perché si decide a chi affidare il governo mentre stiamo uscendo dalla crisi. Ma se facciamo una campagna elettorale che è una fiera dell’odio, delle proposte” non credibili “e delle paure è difficile avere partecipazione, facciamo una campagna elettorale credibile”. Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Tg5.