Florido: “Continueremo il dialogo”

Il deputato ha insistito che l’opposizione continua a negare la legittimità dell’Assemblea Costituente anche se il governo preme per il suo riconoscimento
Il deputato ha insistito che l’opposizione continua a negare la legittimità dell’Assemblea Costituente anche se il governo preme per il suo riconoscimento

CARACAS. – In presidente della commissione di politica estera dell’AN e rappresentante dell’opposizione al tavolo di negoziato con il governo, Luis Florido, ha informato che l’opposizione continuerà con il processo di dialogo.

L’affermazione è stata raccolta da un’intervista con il giornalista Cesar Miguel Rondón nel suo programma settimanale ad Unión radio.

L’opposizione non si è presentata al nuovo appuntamento in Dominicana dopo aver sconosciuto le affermazioni del Ministro Nestor Reverol sul caso di Oscar Pérez, e il dubbio che è sorto riguardo la presenza dei cancellieri amici all’incontro. Inoltre, pare che l’opposizione abbia intravisto “nodi” che non sbroglieranno nonostante i tentativi. Brutta premonizione.

Malgrado queste premesse, Florido ha insistito che il gruppo da parte dell’opposizione finirà il lavoro iniziato. Sembrerebbe, perciò, che sono disposti a continuare gli sforzi per arrivare ad un negoziato. Florido, però, ha detto che è “fondamentale” chiarire le affermazioni di Reverol e contare con la presenza dei cancellieri all’incontro.

Presunta bozza pronta per gli accordi

Durante l’intervista, il deputato oppositore ha cercato di chiarire l’affermazione di Jorge Rodríguez sulla presunta bozza di accordi che sarebbe già pronta. Florido ha spiegato che probabilmente il ministro si riferiva alla proposta, portata dai cancellieri lo scorso dicembre, per arrivare ad un eventuale consenso. E ha fatto capire che in quel documento, “esistono aspetti chiari in materia di elezioni e della Costituente.”

Quindi, il deputato ha insistito che l’opposizione continua a negare la legittimità dell’Assemblea Costituente anche se il governo preme per il suo riconoscimento.

“Il popolo è l’unico che può decidere” ha ribadito Florido.

L’altro nodo da sciogliere è il tema elettorale. Il presidente della commissione di politica estera dell’AN ha ribadito che non molleranno la richiesta sul cambio del Cne e la celebrazione di elezioni trasparenti. Su questo punto l’opposizione spera di arrivare a un compromesso serio perché non si conforma con promessi.

Inoltre, l’intenzione è pure quella che gli eventuali accordi presi vengano rispettati nel tempo.

 

 

Condividi: