Sordità, ora si può predire come si recupera il linguaggio

sordità
Sordità, ora si può predire come si recupera il linguaggio © ANSA/Ansa
sordità
Sordità, ora si può predire come si recupera il linguaggio © ANSA/Ansa

 

ROMA. – Quanto può recuperare l’abilità del linguaggio un bimbo non udente dopo un intervento per l’impianto cocleare? Arriva uno algoritmo per predire quanto sarà il suo livello di recupero. La scoperta in uno studio condotto dal Brain and Mind Institute dell’Università cinese di Hong Kong e dall’ospedale pediatrico Ann&Robert H. Lurie di Chicago i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Pnas.

I ricercatori hanno creato un algoritmo per l’apprendimento automatico che utilizza scansioni cerebrali per prevedere l’abilità linguistica nei bambini non udenti ai quali è stato impiantato l’orecchio elettronico. Questo, secondo gli studiosi, potrebbe aiutare a sviluppare terapie su misura per i bambini sordi.

“La capacità di prevedere lo sviluppo del linguaggio è importante perché consente ai medici e agli educatori di intervenire con la terapia per massimizzare l’apprendimento linguistico per il bambino”, ha detto Patrick Wong Chun Man, neuroscienziato cognitivo direttore del Brain and Mind Institute.

“Il nostro studio è il primo che fornisce ai medici e ai caregiver informazioni concrete prevedendo quanto possa migliorare il linguaggio, dato lo sviluppo cerebrale del bambino immediatamente prima dell’intervento chirurgico”, ha detto Nancy M. Young, Medical direttrice di audiologia dell’ospedale pediatrico di Chicago.

Condividi: