Carneige Hall di New York: prima tappa del tour del chitarrista sardo Paolo Angeli

chitarra
La Chitarra Sarda Preparata di Paolo Angeli | Paolo Angeli Official Site

NEW YORK – È iniziato alla Carneige Hall di New York il Solo tour 2018/19 del famoso chitarrista Paolo Angeli, che continuerà con una serie di concerti nell’Ambasciata italiana di Washington, alla Old Town School di Chicago, nelle città di Toronto (Aga Khan Museum), Montreal (Theatre Outremont), Quebec (Palais Montcalm), all’Ottawa Jazz Festival e alla Pyatt Hall di Vancouver per il New Music Festival.

Anche se Angeli è italiano, i maggiori riconoscimenti gli ha ottenuti nel continente americano, dove fin dal 2001 e 2003 ha suonato nelle più conosciute gallerie d’arte, club e festival d’avanguardia e ha registrato anche album live. Tra i suoi ammiratori figurano chitarristi famosi tra i quali Fred Frith e Pat Metheny.

Il concerto realizzatosi il 26 gennaio alla Carneige Hall e il tour successivo sono il risultato di un percorso di più di vent’anni nel quale il musicista sardo ha creato uno strumento-orchestra unico al mondo.

Una fusione di differenti stili quelli che il versatile chitarrista propone nei suoi concerti, dalla musica della tradizione sarda, al canto, alla tasgia gallurese, ai canti liturgici della settimana santa, con una improvvisazione stile jazz, musica contemporanea, influenze di flamenco, rock e altri diversi stili musicali di tutto il mondo.

Durante il suo tour per gli Stati Uniti con la sua chitarra sarda, si esibirà con un rifacimento del suo doppio album, un innesto di varie culture apprese durante le sue esperienze artistiche internazionali.

Nella Carnegie Hall grazie a Paolo Angeli si è potuta apprezzare la musica tradizionale sarda rifatta in una chiave più moderna.

Nel mese di marzo Angeli dedicherà alcune presentazioni in duo con Iva Bittova per proseguire in aprile con il suo Solo tour in Asia prima (Tokyo, Hong Kong) e poi in Sud America in inverno e quindi prolungarlo nel 2019 in altri continenti.

Collaborano con la realizzazione del tour gli IIC Washington, Chicago, Toronto, Montreal, Tokyo, Hong Kong e Consolato di Vancouver.