Cresce criptomining, la produzione abusiva di Bitcoin

Bitcoin sotto la lente
Rapporto avverte, mercato cambia veloce.

ROMA – I bitcoin e le criptovalute, tra alti e bassi, sono sempre al centro dell’attenzione. E cresce il fenomeno del ‘mining’ abusivo, cioè la produzione di criptomonete da parte di hacker che sfruttano la potenza di calcolo di una rete di computer all’insaputa della vittime.

Il rapporto della società di sicurezza Check Point Software Technologies relativo al periodo luglio-dicembre 2017, ha messo in evidenza che nel mondo un’azienda su cinque è stata colpita da un virus per la produzione di criptovalute. Pochi giorni fa un gruppo di scienziati russi è stato fermato perché usava il supercomputer del laboratorio nucleare in cui lavorava per produrre criptomonete. Mentre un ricercatore di sicurezza, Scott Helme, ha spiegato alla Bbc che oltre 4mila siti, inclusi quelli governativi, sono stati colpiti da questo fenomeno.

“La seconda metà del 2017 ha visto i criptominer prendere d’assalto il mondo fino a diventare uno dei vettori di attacco preferito per generare introiti illegali”, spiega Maya Horowitz, manager di Check Point.