Ancora arresti in Turchia, mille in una settimana

Non si ferma la repressione, manette anche per critiche su Afrin

ISTANBUL. – Non si ferma in Turchia la repressione contro gli oppositori del presidente Recep Tayyip Erdogan. Mentre Ankara si prepara a entrare in una nuova fase dell’offensiva contro i curdi dell’Ypg in Siria, inviando le forze speciali per assediare il centro urbano di Afrin, in patria continuano gli arresti di dissidenti, critici verso l’operazione militare e sospetti eversori.

Nell’ultima settimana, sono quasi mille (986) le persone detenute in tutto il Paese per reati di terrorismo, indicano gli ultimi dati del ministero degli Interni. La maggior parte è accusata di affiliazione alla presunta rete golpista di Fethullah Gulen, mentre 259 sono finiti in manette per supposti legami con il Pkk. Tra i fermati, anche 53 presunti jihadisti dell’Isis e 28 membri di gruppi illegali di estrema sinistra.

Un’ondata di arresti che prosegue senza sosta dal fallito golpe del luglio 2016, sotto uno stato d’emergenza che dura da allora e di cui pochi, in Turchia, immaginano una revoca prima delle cruciali elezioni presidenziali, in programma il prossimo anno. Anche se il governo non fornisce da tempo un dato complessivo, sommando le cifre diffuse finora, almeno 90 mila persone risultano arrestate in poco più di un anno e mezzo: tutte con accuse di terrorismo.

Nell’ultimo mese, dall’inizio dell’offensiva contro Afrin, sono finite in manette anche almeno 845 persone che hanno criticato pubblicamente l’intervento militare. Una cifra che, secondo fonti del partito filo-curdo Hdp sentite dall’ANSA, sarebbe in realtà sottostimata. Per l’opposizione, è una nuova stretta per silenziare il dissenso.

Ma secondo Ankara, che sia sui social media o in piazza, si tratta sempre di “propaganda terroristica”. Con questa accusa, erano stati fermati, e poi rilasciati, anche i vertici dell’Associazione nazionale dei medici, colpevoli per i procuratori di aver avanzato allarmi sui rischi per la popolazione civile.

Erdogan non sembra insomma disposto a mollare la presa sui suoi nemici. In questi giorni sta forgiando un’alleanza elettorale con i nazionalisti del Mhp, che in Parlamento lo sostengono da tempo, per passare all’incasso nelle urne dopo la stretta sui curdi. Un’accelerazione che, secondo alcuni analisti, potrebbe indicare l’intenzione di andare a elezioni anticipate. Magari proprio il 15 luglio, l’anniversario del colpo di stato.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)