Argentina: intercettata, Kirchner insulta tutti

Diffuse espressioni volgari contro Macri, Massa, Confindustria

BUENOS AIRES. – Fa rumore in Argentina la pubblicazione di una serie di intercettazioni telefoniche nelle quali l’ex presidente Cristina Fernandez de Kirchner si riferisce al suo successore, Mauricio Macri, e altri leader politici locali usando insulti ed espressioni volgari.

“Macri è solo un mafioso appoggiato dai media”, ha detto Kirchner, parlando con il suo collaboratore ed ex capo dell’intelligence, Oscar Parrilli, per poi mandare a quel paese – in realtà usando un’espressione ben più forte – i responsabili della Confindustria argentina: “spero che falliscano tutti, tanto hanno tutti i soldi all’estero, quei figli di p…”.

Quanto alla deputata Margarita Stolbizer, che l’ha denunciata per corruzione, l’ex presidente prima dice che “è matta”, poi che “è una ignorante”, per concludere che “non è possibile che sia così stupida, è una cattiva cattiva figlia di p…”.

Kirchner se la prende anche con Sergio Massa – ex capo del suo gabinetto, poi passato all’opposizione peronista – che definisce “il candidato di Macri” e con il capo di gabinetto di Macri stesso, Marcos Peña, che secondo lei è “un cretino che continua a dire solo c…te”.